Politica senza bussola. Tutto è perduto fuorché l’onore

in POLITICA
Tutto è perduto fuorché l’onore. Bisognerà capire chi ha avuto e dunque difenderà il proprio onore. O chi non l’ha mai avuto e allora non avrà nulla da difendere. Per ora sappiamo che un po’ tutti hanno letteralmente perso la bussola. Le forze politiche vagano dicendo e sostenendo che tutto é sotto controllo, ma in realtà nulla ma proprio nulla lo è. I più da sponde opposte sostengono di parlare in nome del popolo diventato Spirito uno ed indivisibile. Così Matteo Salvini pro Tav da Roma si autonomina rappresentante di rutto il popolo. E il Marchese del Grillo (più prosaicamente il Beppe nazionale) benedice i no Tav. A loro Silvio Berlusconi gli fa un baffo. Lui al massimo è unto dal Signore.  Ma c’ è sempre uno più bravo di tutti: Marco Travaglio grande fustigatore dell incoerenza di Matteo Renzi. Lui giovane liberale, giovane montanelliano teorico ed amico del Marchese del Grillo non si accontenta più. Ora con il Fatto Quotidiano si erge ad organo di partito, il partito dei no Tav. Fa i conti giusto per essere preciso e sostiene che la manifestazione di Torino vale il doppio di quella di Roma. Vale il doppio perché ci sono stati il doppio dei partecipanti. Ineccepibile. Conclusione : la maggioranza non c’ è più. Ma no? Manco per idea. Il Pd ha voluto mettere insieme il diavolo e l’acqua santa. Eccoli i risultati, e secondo qualcuno dovrebbero durare cinque anni a palazzo Chigi. Ne dubito fortemente. E la commedia continua. Domenica caffè con Matteo Salvini. Il dopo sarà moderatamente positivo? Nel sentire la dichiarazione del presidente  di Confindustria non si direbbe. Sintesi: con i ritardi le imprese coinvolte falliscono e riprendere sarà impossibile. Più che pessimista direi che è realista. E a Giggino non è bastato un primo incontro. Martedì esame di riparazione per la Banda Bassotti ( Conte Toninelli Di Maio e forse Castelli). Castelli e Toninelli assolutamente non capiscono. Dunque è del tutto inutile.  Conte non si sarà impegnato con il fioretto in Europa. Giggino dira’:  nel contratto di governo abbiamo deciso un approfondimento. Poi decideremo. Ci impegniamo a fine anno nel rendere pubbliche le conclusioni. Ergo, continuano a perdere tempo e francamente continuo nel non capire queste organizzazioni sindacali, perché anche loro perdono tempo. Il vero ed unico obbiettivo di tutto il governo è arrivare alle elezioni europee. Vedere cosa succede e poi decidere. Non c è nulla da decidere. Anche gli industriali e i sindacati hanno perso la bussola. Non capiscono quale direzione prendere. Con una complicanza: rischiare di essere complici dell’ignavia  pentastellata. Sicuramente non è facile. Anche il Pd annaspa ripiegato su se stesso, in attesa che Matteo Renzi decida una volta  per tutte e fondi il suo partito. In questo modo prenderebbe due piccioni con una fava.  Formalmente libero di volare dove vuole e soprattutto con chi vuole e lasciare gli ingenti debiti del PD a quelli che rimangono nel PD.  Renzi ci aveva provato a mettere le mani sul patrimonio dei Democratici di Sinistra che avevano ereditato dal PCI. Ma sulla sua strada ha trovato Ugo Sposetti, uno degli ultimi comunisti . Quelli veri veri. Non gli sbrindellati rifondaroli. Talmente comunista che al suo settantesimo compleanno  ha invitato tutti i capataz comunisti, da Napolitano a Dalema. Tranne Fausto Bertinotti che andando con i gruppettari non poteva essere considerato del PCI. E Ugo Sposetti ha fatto costituire mille fondazioni per la gestione del patrimonio rimasto . E non solo: mille biblioteche e mille sale dove i vecchi comunisti continuano a fare politica. Magari da cosa nasce cosa.  Una speranza dobbiamo avercela anche noi. Speranza che qualcosa cambi in questa nostra martoriata Italia. Per ora tutto è perduto tranne l’onore di chi l’onore ha avuto e magari avrà.
Patrizio Tosetto