CRONACA- Pagina 1348

Pochi giorni e corso Inghilterra riapre nei due sensi

passante3

I lavori di copertura del passante ferroviario  stanno procedendo nel pieno rispetto del cronoprogramma

 

L’assessore ai Trasporti Claudio Lubatti, dopo il sopralluogo nei cantieri aperti annuncia che i lavori di copertura del passante ferroviario di Torino, finanziati grazie ai 25 milioni nel decreto ‘Sblocca Italia’, stanno procedendo nel pieno rispetto del cronoprogramma. Così Entro la fine della settimana corso Inghilterra sarà di nuovo percorribile dalle auto su due corsie.

Otto condanne per l'assalto No Tav al cantiere di Chiomonte

tav 222

notav ovunqueCaduta l’accusa di sequestro di persona nei confronti di tre attivisti No Tav che in primo grado erano invece stati condannati per avere sequestrato un poliziotto

 

Sono sei le condanne a un anno e nove mesi per resistenza a pubblico ufficiale, due condanne  invece a due mesi per tentate lesioni e tre  le assoluzioni. Si conclude così il processo per l’assalto al cantiere della Tav dell’8 dicembre 2011. La sentenza è stata pronunciata dal tribunale di Torino presieduto dal giudice Diamante Minucci. Accolte solo parzialmente le richieste del pm Manuela Pedrotta. Assolti i due leader del centro sociale Askatasuna: Andrea Bonadonna e Giorgio Rossetto.

 

Mentre è caduta l’accusa di sequestro di persona nei confronti di tre attivisti No Tav che in primo grado erano invece stati condannati per avere sequestrato un poliziotto, durante una protesta al cantiere di Chiomonte nel  2012, e di avergli tolto di mano la macchina fotografica. Confermata in appello ma per il solo reato di violenza privata, la condanna di due No Tav, con pene ridotte. Assoluzione per un terzo attivista.

 

(Foto: il Torinese)

Saccheggiavano cimiteri, recuperati portafiori in rame e ottone

CIMITERO

Denunciati dai carabinieri e  dalla polizia municipale di None

 

Due uomini, di 44 e 68 anni, sono stati denunciati dai carabinieri e  dalla polizia municipale di None, con l’accusa di furto aggravato di arredi cimiteriali e ricettazione. A casa di uno dei due italiani sono stati sequestrati più di 100 portafiori in rame e ottone – informa l’Ansa – per un valore di circa 12 mila euro, tutti  rubati al cimitero di None. Sono sospettati di aver organizzato ed effettuato numerosi altri furti in cimiteri del pinerolese.

Cassiani: "Torino, dal declino industriale a punto di riferimento culturale"

cassiani 2

tosettoturisti 1STORIE DI CITTA’ /

 

di Patrizio Tosetto

 

Ha iniziato l’attività politica con un gruppo di giovani, inizio Anni ’90, nella Rete del comunista Diego Novelli e del democristiano Leoluca Orlando. Il Diavolo e l’acqua santa

 

Incontriamo il presidente della Commissione Cultura del Comune di Torino, avvocato Luca Cassiani, Pd.  Ha iniziato l’attività politica con un gruppo di giovani, inizio Anni ’90, nella Rete del comunista Diego Novelli e del democristiano Leoluca Orlando. Il Diavolo e l’acqua santa. Diventa consigliere di circoscrizione a Lucento – Vallette. Nel 2006, da consigliere comunale in commissione cultura, alla carica di presidente. 

 

Importante la cultura in città? 

Certamente. Per 25 anni c’era solo declino industriale. Declino che incideva negativamente sulle nostre stesse coscienze determinando l’incertezza sulle prospettive. Oggi  diciamo la nostra anche a livello internazionale. Siamo diventati un punto di riferimento. 

 

Condizioni attuali delle politiche comunali in campo culturale? 

Scuserete la pedanteria ma desidererei elencare alcune eccellenze:  Museo Egizio, Museo del Cinema, Palazzo Reale e Palazzo Madama,  GAM. Passando per il Salone del Libro o il giovane Club to Club, fino all’affermato Tff. E poi il nuovo LG Festival dei diritti delle diversità. 

 

Dunque, tutto sotto controllo? 

Tutto è sempre migliorabile. In particolare la ricezione per un turista non tanto danaroso ma attratto dalle nostre iniziative. Il Nostro lavoro non è  semplice anche per le risorse, ora poche.  Ma reggiamo. 

 

Maggiore soddisfazione? 

Avere avuto un ruolo in questi ultimi 9 anni di durissimo lavoro e averne svolto una parte.

 

Maggiore delusione? 

Essere il primo dei non eletti in consiglio Regionale. Ma continuo a lavorare con  passione giovanile. Almeno cerco di farlo.

 

Prospettive? 

Sarò banale e ripetitivo: continuare a lavorare in un settore importante per la città come quello della cultura.

 

Finita l’intervista mi fermo in un bar per il caffè. Leggo le dichiarazioni di Alessandro Baricco che molla scuola Holden. Come quel ciclista che caduto dalla bici si consolava dicendo che voleva scendere. Poi la Fondazione Rosselli dove non tornano i conti e la Fondazione del Libro dove sono tante le tensioni. Già, penso…non tutto è sotto controllo. Ma se il bicchiere è mezzo pieno lo si deve anche al Lavoro di Luca Cassiani. 

 

(Foto: il Torinese)

Guida sotto effetto di alcol e droga, 12 persone denunciate

Controlli preventivi sulle stragi del sabato sera, in particolare nella zona di Rivoli

 

carabinieri 332

Sono dodici le persone denunciate per guida in stato di ebbrezza, sotto l’effetto di droga o senza patente nell’ultimo fine settimana dai Carabinieri. I militari dell’Arma hanno attivato controlli preventivi sulle stragi del sabato sera, in particolare nella zona di Rivoli. Durante l’operazione sono stati controllati 46 veicoli e 73 persone.

Mangia funghi velenosi e si salva con il trapianto di fegato

molinette

In breve tempo, lanciato l’allarme per la ricerca di un fegato da parte di un donatore, l’organo si è reso disponibile: il fegato è arrivato la notte scorsa dall’ospedale Cardarelli di Napoli

 

L’intervento alle Molinette eseguito dal professor Mauro Salizzoni e dalla sua equipe ( nel reparto che ha compiuto 25 anni in questi giorni) ha salvato con un trapianto di fegato un uomo che aveva mangiato funghi velenosi, causa di  un’epatite fulminante. Si tratta di un muratore romeno di 54 anni della provincia di Torino, che aveva cenato con funghi mercoledì sera. E’ molto probabile che abbia mangiato dell’amanita falloide, fungo di altissima tossicità, Il giorno dopo ha iniziato a star male, fino al ricovero all’ospedale di Ivrea. Poi è stato trasferito alle Molinette. In breve tempo, lanciato l’allarme per la ricerca di un fegato da parte di un donatore, l’organo si è reso disponibile: il fegato è arrivato la notte scorsa dall’ospedale Cardarelli di Napoli e il 54enne è stato salvato.

 

(Foto: il Torinese)

Librai in crisi, Fassino e Chiamparino: "Cerchiamo soluzioni possibili"

fogola1

portici librilibriLe grandi catene di librerie, il sopravvento degli e-book e la crisi in generale sono temibili – a volte mortali – nemici delle botteghe tradizionali

 

Tante in questi ultimi anni le chiusure di librerie a Torino, una delle ultime la storica Fogola di piazza Carlo Felice: “Siamo disposti a farci carico delle richieste dei librai e a valutare insieme le possibili soluzioni”. L’ansa riporta così la dichiarazione di intenti del presidente della Regione Chiamparino e del sindaco Fassino, in visita a ‘Portici di carta’, la kermesse libraria di questo fine settimana. “In questa fase di riorganizzazione della Fondazione del Libro – dice ancora Chiamparino – si potrebbe immaginare la presenza di una rete di librai al suo interno”. “La Città – afferma Fassino – investe molto sul libro e vuole continuare a farlo, siamo pronti a esaminare le proposta dei librai”. Le grandi catene di librerie, il sopravvento degli e-book e la crisi in generale sono temibili – a volte mortali – nemici delle botteghe dei librai. Forse le istituzioni possono tentare di fare qualcosa.

 

(Foto: il Torinese)

In piazza contro la chiusura dell'ospedale di Pinerolo

ospedale pinerolo

Alla manifestazione sono intervenuti anche i 47 sindaci della zona

 

Tempo di tagli alla sanità e la paventata chiusura di alcuni ospedali fa scendere in piazza gli abitanti. Erano migliaia i  cittadini di Pinerolo che hanno sfilato per le vie della città per difendere l’ospedale Agnelli. Alla manifestazione sono intervenuti anche i 47 sindaci della zona, il vescovo Piergiorgio Debernardi e il moderatore della tavola Valdese, Eugenio Bernardini. Ma dice l’assessore alla Sanità della Regione, Antonio Saitta: “Non è vero che l’ospedale è a rischio: chiedo ai sindaci di impedire la diffusione ad arte di notizie falsate”.

Alla Venaria torna tra una settimana "Una corsa da Re"

CORSA RE VENARIA

Parteciperanno anche alcuni pazienti affetti da emofilia del progetto “NY Marathon” che testeranno i propri progressi in attesa di cimentarsi nella Maratona più celebre al mondo, quella della Grande Mela

 

“Una Corsa da Re”, la manifestazione podistica all’interno dei giardini della Reggia di Venaria, del Parco La Mandria e della Città di Venaria (TO) in programma domenica 18 ottobre alle ore 10.30. Organizzata dal Consorzio La Venaria Reale, dal Parco La Mandria, dalla Regione Piemonte e dalla Città di Venaria Reale, in collaborazione conBase Running A.S.D., la manifestazione è arrivata alla quarta edizione dopo aver fatto registrare più di 6000 partecipanti lo scorso anno.

 

La corsa si sviluppa su tre differenti percorsi: 4km di corsa/camminata non competitiva all’interno dei Giardini della Reggia di Venaria, 10km di corsa competitiva e non competitiva oppure 21km di corsa competitiva e non competitiva all’interno dei Giardini, Parco La Mandria e Città di Venaria. A fare da apripista all’evento sarà per il terzo anno “La Corsa del Principino”, l’evento sportivo gratuito dedicato ai piccoli runner da 0 a 12 anni che sabato 17 ottobre alle ore 12 si misureranno in una corsa non competitiva all’interno del Parco La Mandria (TO).

 

All’edizione 2015 di “Una Corsa da Re” ci saranno anche i Maratonabili, un team molto speciale che accompagna spingendo le carrozzine con ragazzi diversamente abili. Nata a Prato 5 anni fa, l’A.S.D. Maratonabili conta oggi tra i suoi iscritti più di 330 spingitori e runner e 10 ragazzi in carrozzina. Con i lori fischietti al collo, le parrucche e i cappellini colorati, porteranno lungo il percorso tanta allegria e mostreranno, ancora una volta, come la corsa possa eliminare ogni barriera e rendere questo evento ancora più alla portata di tutti.

 

Parteciperanno anche alcuni pazienti affetti da emofilia del progetto “NY Marathon” che testeranno i propri progressi in attesa di cimentarsi nella Maratona più celebre al mondo, quella della Grande Mela. Nell’affascinante percorso di Una Corsa da Re, ultimo banco di prova per questi pazienti particolarmente sportivi, verrà evidenziata ancora una volta l’importante preparazione messa in atto da un team multidisciplinare, composto ortopedici, ematologi, fisioterapisti e specialisti in scienze motorie e sport, in grado di affrontare sia l’aspetto di training che la gestione del paziente emofilico nella sua globalità.

 

Infine sarà presente anche l’ASOMI, Scuola Nazionale di Osteopatia di Torino, che vedrà impegnati alcuni suoi professionisti nel fornire consigli ed esercitazioni a tutti i partecipanti sia per il riscaldamento pre-gara che per il recupero post sforzo. Un’occasione in più per correre al meglio delle proprie possibilità, qualunque sia il livello di allenamento, e trascorrere una giornata di sport e benessere, immersi nella bellezza e nella natura.