Juve, tempo di saluti e tributi

in SPORT

Ieri sera allo Stadium è andato in scena uno spettacolo meraviglioso, dove la partita è risultata l’ultima delle comparse; invece, la prima stella è stata premiata all’inizio, ovvero Andrea Barzagli, che ha dato l’addio al calcio giocato nel suo stadio, davanti al suo pubblico

Quel pubblico che l’ha visto arrivare in punta di piedi, nel 2011, per poi vederlo trasformarsi, partita dopo partita, in uno dei difensori più forti del calcio italiano, perno insostituibile della leggendaria BBC, con Bonucci e Chiellini, nella Juve ed in Nazionale: un ragazzo eccezionale, mai una parola di troppo, serio professionista e autentico uomo-spogliatoio, si è tatuato la Juventus nel DNA e detiene, insieme a Chiellini, un record inarrivabile: 8 scudetti consecutivi. Chapeau.
Gioca un’ora, poi Allegri lo toglie per fargli ricevere il doveroso tributo, e i tifosi si spellano le mani, acclamandolo a gran voce; esce dal campo ed abbraccia il Mister, sciogliendosi in lacrime: ma sono anche le lacrime del popolo bianconero e di tutta l’Italia calcistica, perchè di fronte a campioni come lui, non ci sono colori, solo tanto rispetto.
La cronaca della partita, finita sull’1-1, non dice molto, soprattutto da parte della Juventus, mentre l’Atalanta si gioca l’accesso alla Champions e la conferma del terzo posto in classifica; dunque, dopo qualche tentativo a vuoto di CR7 (ieri sera stranamente impreciso), la prima a passare in vantaggio è proprio la squadra di Gasperini: dormita collettiva della difesa bianconera e Ilicic, indisturbato sul secondo palo, buca l’incolpevole Szczesny.
La Juve cerca di reagire con qualche buona azione nello stretto, Ronaldo si dà da fare sulla sinistra e serve i compagni, ma Pjanic e Dybala non trovano la porta.
Il secondo tempo inizia con la sostituzione di Alex Sandro per Bernardeschi, e la manovra bianconera si fa più aggressiva, anche perchè Cancelo si sposta a sinistra; l’Atalanta non molla e si rende pericolosa in varie occasioni, Ilicic sfiora addirittura il raddoppio ma Szczesny devia la sua punizione sopra la traversa.
Al 79′ giunge il pareggio della Juve con Marione Mandzukic, che raccoglie un lancio lungo di Cuadrado a sinistra e, da posizione angolatissima, riesce a toccare di esterno destro, infilando la porta sul secondo palo. A questo punto la Signora prova a vincerla, Allegri manda in campo anche Kean negli ultimi minuti, ma il risultato rimane sull’1-1.
Arriva così il tempo della festa, dei saluti e del sacrosanto tributo a Massimiliano Allegri, che lascia la Juventus dopo 5 scudetti consecutivi, 4 Coppe Italia e 2 Supercoppe Italiane; eredità pesantissima, quella che lascia il tecnico livornese, i numeri sono dalla sua parte: non li dimenticheremo.
Ora la società faccia la scelta giusta, soprattutto in chiave Champions. I tifosi vogliono quella, si sa. E nel frattempo, aspettando di conoscere il nome del nuovo tecnico, si godono lo spettacolo allo Stadium, che pare un cielo stellato, illuminato anche dai riflettori che emanano raggi di luce tricolore, dai fuochi d’artificio che s’alzano alti nel cielo di Torino: la sfilata dei giocatori verso il palco d’onore, CR7 che saluta il pubblico alla sua maniera, Capitan Chiellini che alza la Coppa dell’ottavo scudetto, poi le famiglie in campo, le foto, la felicità. Ovunqueecomunque.#finoallafine
 

Rugiada Gambaudo

 
(foto. Claudio Benedetto www.fotoegrafico.net)