I divieti non servono a capire

in CULTURA E SPETTACOLI

Di Pier Franco Quaglieni
La scelta” tutta politica” del presidente Chiamparino e del sindaco Appendino di vietare all’ultima ora la presenza al Salone dell’editore di Salvini va rispettata perché i due interessati se ne sono assunti la piena la responsabilità. Ma essa tuttavia suscita non pochi dubbi in chi è di convincimenti liberali perché i liberali non amano i divieti e si ispirano a Voltaire che destava certe idee,ma diceva di voler lottare fino alla morte perché esse possano essere manifestate liberamente.Io,sia chiaro,non metterei mai in gioco la mia vita per difendere Casa Pound che è mille anni- luce distante dalle mie idee che si ispirano al pensiero liberal-democratico e laico.Ma, proprio perché liberale e laico, non posso condividere le decisioni dell’ultimo momento di Chiamparino ed Appendino ,affermando allo stesso tempo una condanna senza appelli per ogni forma di fascismo ,comunque camuffata. Voglio tentare di fare alcuni ragionamenti a mente fredda,sgombra da pregiudizi settari,ammesso che in questo Paese, nel clima incandescente in cui ci troviamo,sia ancora lecito farlo.Ieri su “La stampa “ e’ comparso un articolo di Waldimiro Zagrebelski, non propriamente un liberale, nel quale quasi mi identifico. La civiltà culturale e giudica europea ha sempre garantito a tutti, specie a chi è più distante,il diritto di manifestare il suo pensiero. E sempre ieri ho letto tanti articoli e prese di posizione che manifestano spirito liberale e tollerante. Forse oggi molti di quelli che hanno scritto ieri ,si trovano a disagio di fronte alle decisioni prese ieri era. Il Salone che non voleva politici, per non essere trascinato nella campagna elettorale ,e’ diventato invece oggetto di un’aspra polemica politica, come mai era accaduto in trent ‘anni.C’è’ sicuramente da rimpiangere l’equilibrio avveduto di Picchioni e Ferrero rispetto agli attuali gestori del Salone . Lo stesso notaio Giulio Biino presidente del Circolo dei lettori,copronotore del Salone ,da uomo di legge, ha sollevato dei dubbi sulla limitazione imposta al diritto di parola . Certo, dà molto fastidio che un giovane editore ,neppure trentenne ,si dichiari fascista e ritenga Mussolini il più grande statista italiano,come già disse Gianfranco Fini prima di essere folgorato sulla via di Damasco dalla tesi del “fascismo male assoluto”. Da’ fastidio non perché possa essere illecito dichiararsi tale- lo ha riconosciuto Zagrebelski che non e’ illecito dichiararsi fascista – ma perché significa che certi valori, che sembravano essersi affermati, sia pure faticosamente, una volta per sempre, sono tutt’altro che condivisi da tutti.Questo è il dato che involontariamente mette in evidenza la decisione di Chiamparino e Appendino. Se c’è gente ,sia pure poca ,che ad oltre settant’anni dalla fine ingloriosa e drammatica del fascismo,lo rimpiange ,ciò deve essere motivo per una seria ed approfondita riflessione e non per dichiarazioni di fede fini a se’ stesse, simili a vere e proprie giaculatorie laiche che non servono a salvarci dal male del fascismo. C’è da domandarsi se la presenza di fascisti in Italia sia un fatto patologico rispetto alla democrazia o non si debba invece considerare ,visto il numero molto ridotto di nostalgici ,un fatto fisiologico ad un sistema democratico, in quanto gli apologeti della violenza e della forza sono forse un elemento irriducibile in ogni umana società. Ampliando per un attimo il discorso va detto che una società formata tutta da buoni cittadini democratici resta un’utopia impossibile da realizzare: Caino ed Abele ,ad esempio,sono, purtroppo,una dura,implacabile realtà che dobbiamo condannare e combattere, pur sapendo che essa non è facilmente estirpabile dalla storia umana . Solo un sano realismo machiavelliano può preservarci da mali peggiori,evitando le utopie dell’uomo naturalmente buono di Rousseau o dell’uomo “virtuoso” di Robespierre, vittima egli stesso del terrore giacobino da lui fomentato:reminiscenze lontane, eppure incredibilmente vicine al clima infuocato del Salone del libro di Torino in cui brilla soprattutto l’evidente giacobinismo del sindaco Appendino e dei consiglieri comunali grillini che si lasciano andare a vere e proprie forme di virulenza polemica totalmente prive di qualsivoglia cultura storica.
.
Chiamparino invece ha la sua storia che viene direttamente dal Pci e merita più rispetto proprio perché sempre coerente con le sue idee che non ha mai sostanzialmente cambiato nel corso dei decenni.Pensare ad un Chiamparino liberale in effetti sarebbe quasi un ossimoro. In ogni caso appare in tutta la sua vistosa vacuità chi, pur non essendo grillino, ha mandato nel 2016 con il suo voto al ballottaggio, Appendino a fare il sindaco di Torino al posto di Piero Fassino.Oggi può toccare con mano il grave errore commesso eleggendo Appendino. Palmiro Togliatti, uomo coltissimo che aveva letto e studiato Machiavelli e Marx, non credo si sarebbe messo ad urlare contro l’untorello fascista,negandogli uno spazio al Salone. Corazzato di cultura storica, egli,pur nel suo cinismo quasi assoluto, si differenzia totalmente da questa sinistra odierna , formata in larga misura da quelli che Vittoria Ronchey chiamava i “figlioli miei marxisti immaginari”, per lo più parolai sessanttotini o loro diretti eredi. Togliatti, ministro di grazia e giustizia,volle l’amnistia per partigiani e repubblichini, all’indomani del referendum istituzionale del 1946, per chiudere la pagina della guerra civile ,scontentando molti comunisti che criticarono il suo provvedimento di clemenza che copri’ veri e propri crimini,anche se non “particolarmente efferati”. A molti di quelli che hanno strillato più forte in questi giorni consiglierei una lettura di Togliatti che sarebbe loro estremamente utile per capire la complessità della storia che non divide mai la mela esattamente in due parti. Il problema è come circoscrivere e battere ogni forma di neo- fascismo risorgente nel modo più aperto e convincente senza rinunciare alle libertà di parola di chi la pensa diversamente. Il bello della democrazia e’ proprio quello di consentire ai suoi nemici di parlare,anche se Popper poneva dei limiti agli intolleranti. Uno storico autorevole come Carlo Ginzburg dovrebbe aiutarci a capire perché non tutti gli italiani sono antifascisti e ci sono invece persone che non esitano a dichiararsi fascisti. Dire di disertare il Salone per non mescolarsi con loro è una scelta in ogni caso poco utile a consentirci di capire il problema del neofascismo nell’Italia di oggi . Posso comprendere e anche condividere che la sopravvissuta novantenne di Auschwitz Halina Birembaum possa avere a ridire sulla presenza dell’editore di Salvini e rispetto la sua testimonianza come se fosse quella di Primo Levi. Ma gli altri che si sono espressi sul tema non hanno i titoli morali della Birembaum e spesso hanno peccato di eccessiva faziosità . Le frasi ad effetto-non dimentichiamolo- non risolvono i problemi e servono esclusivamente a riempire i giornali di panna montata ,perché le dichiarazioni bellicose e gladiatorie che abbiamo letto rivelano un’intelligenza corta e un grado di intolleranza molto alto. La presidente dell’ANPI che non voleva partecipare al Salone per non infettarsi avrebbe dovuto invece forse dovuto più umilmente domandarsi se anche l’ANPI non avesse commesso qualche errore, riducendo a volte l’antifascismo ad un fatto reducistico, come accadde nel secolo scorso per i Mille di Garibaldi, sopravvissuti all’impresa in Sicilia. Festeggiare il 25 aprile o premiare il sindaco di Riace  non basta a far crescere tra i giovani e i cittadini in generale una coscienza democratica che non venga imposta da qualcuno,ma nasca da una radicata e profonda convinzione personale. Non si può obbligare tutti con la forza a pensarla allo stesso modo, alla maniera dell’ANPI o di chiunque altro, a meno di cadere più, o meno volontariamente, in una sorta di mistica antifascista. La mistica, non dimentichiamolo mai, e’ quanto di più lontano ci sia dal pensiero democratico – liberale e laico. Al Salone, a scegliere i libri e a deciderne la sorte, debbono essere solo ed esclusivamente i visitatori e i lettori: nessuno, neppure i magistrati, sono autorizzati a decidere quali siano i libri buoni da ammettere e i libri cattivi da respingere. Che il presidente uscente della Regione e il Sindaco di Torino, abbiano anche presentato esposti non come singoli cittadini,ma in rappresentanza delle rispettive istituzioni appare un fatto senza precedenti. Un atto che sembra più emotivamente elettorale che ragionato. Nella Costituzione della Repubblica non c’è mai un riferimento all’antifascismo e si parla del “disciolto partito fascista” solo in una norma finale e transitoria. Questo è il merito storico dei Costituenti: aver scritto una costituzione antifascista in positivo e non in negativo. Nella sostanza e non nella forma.
.
E’ un merito che già vedeva Piero Calamandrei che,pur costituente, non era così entusiasta della Costituzione,come si evince da un suo discorso all’Assemblea costituente che pochi ricordano. L’antifascismo è certamente un valore importante,ma va testimoniato con coerenza ,facendo crescere una consapevolezza democratica che deve essere acquisita volontariamente come scelta e non imposta da altri. Questo è l’elemento discriminante tra chi è liberale e chi non lo è.Sicuramente non c’è obbligo di essere liberali,ci mancherebbe altro. Ma chi è liberale non può lasciarsi intimidire e tacere perché l’esempio della tolleranza liberale vale sopratutto per le idee intollerabili. La proposta più esilarante che abbiamo letto in questi giorni e’ venuta dal Torino Pride che pretende niente meno che la firma di un codice etico per partecipare al Salone. Si tratta di una vera e propria sciocchezza perché il Salone deve essere una sorta di Pireo della cultura in cui la categoria del bene e del male non c’entra nulla.Un porto in cui ci si incontra e ci si scontra in libertà assoluta. Con idee opposte, anche diametralmente opposte, che sono il vero sale della democrazia . Solo le dittature pretendono uniformità di consensi. Gobetti diceva che le idee è meglio che siano diverse e contrastanti perché solo dal loro scontro nascono nuove idee. Gobetti era intransigentemente antifascista e pagò un prezzo altissimo per questa scelta coraggiosa a cui bisogna rendere l’onore dovuto. Ma Gobetti era anche un liberale,malgrado la sua intransigenza che portò Prezzolini a definirlo un cherubino della rivoluzione. Cantare in coro e’ l’opposto della democrazia e l’idea di andare a cantare “Bella ciao”al Salone lanciata da una assessore regionale uscente ha tutto il sapore della trovata elettorale, con tutto il rispetto dovuto alla canzone più popolare della Resistenza. Il Salone non è fatto per i coristi,ma per tanti,tantissimi solisti capaci,per usare parole di Montanelli di steccare nel coro dei conformismi. Come non ho protestato a suo tempo per la presenza al Salone di Sofri e di Curcio,come non ho protestato per la presenza dei libri del pluriomicida e terrorista Cesare Battisti ,così non mi scandalizzavo per la presenza dell’editore vicino a Casa Pound che ha pubblicato il libro-intervista di Salvini il quale, forse, non sarebbe stato neppure in grado di scrivere in proprio un suo libro. Semmai mi scandalizzo del fatto che abbiamo dei politici incolti e grossolani come Salvini che ,per altro-gli va riconosciuto-non ha neppure mai tentato di approdare al Salone,avendo capito per tempo che la cultura non è esattamente il suo forte. Semmai mi scandalizzo per il bassissimo livello degli interventi contro Salvini e la sua casa editrice. E noto che, di fatto ,nessuno si è schierato dalla sua parte. E questo deve far riflettere. Non mi scandalizzo neppure per l’assenza dell’editore vicino a Casa Pound che legittimamente è stato deciso di escludere da chi aveva il potere di farlo,scindendo un contratto che pure era stato sottoscritto altrettanto legittimamente ,come ha riconosciuto anche il direttore Lagioia. A questo punto però, altrettanto legittimamente, credo di avere il diritto di dissentire.  Con questo dissenso non si sento meno antifascista di altri. Lo sono e lo rimango, anzi proprio per questo motivo, mi permetto di dissentire perché il fascismo fu basato sui divieti. Nel campo della cultura,per dirla con il ’68 francese,per me è “vietato vietare”. Non sopporto il Sessantottismo, ma il suo essere libertario lo condivido. Credo che Marco Pannella mi avrebbe indicato questa strada: criticare con durezza gli avversari nemici della democrazia,ma garantire a tutti il diritto di parola.  Non dimentichiamo che l’intera vicenda ha dato una visibilità a questa casa editrice sconosciuta che neppure un’agenzia di pubblicità avrebbe potuto garantirle. E vietare può significare anche rendere incredibilmente attrattivo qualcosa che di per sè non lo sarebbe,anzi sarebbe disgustoso. Anatole France scrisse che, facendone un peccato,il Cristianesimo ha fatto molto per il sesso. E il sesso ha di per sé una forte, naturale attrattiva. Non vorrei che rendendolo proibito,un libro suscitasse un interesse che non merita affatto.  Trattandosi di un divieto esplicitamente politico,vedremo le conseguenze che potrà avere anche sul voto di fine maggio. Ma, forse,la maggioranza degli elettori si sarà nel frattempo scordato anche il Salone del Libro, oltre che le polemiche che ha suscitato e che lo accompagneranno. Viviamo in un Paese in cui, in fondo, la cultura interessa a pochi e una delle cause del risorgere del fascismo è proprio questa:la mancanza di un’adeguata cultura che consenta di non dimenticare cosa sono state la dittatura e la guerra per milioni di Italiani. 
.
P.s. Vedo al Salone del libro delle persone che molto civilmente passeggiano in silenzio con frasi antifasciste. Questo è un modo di essere presenti che approvo totalmente perché non impedisce a nessuno di manifestare le proprie idee .

scrivere a quaglieni@gmail.com