Torino basket: un’avventura nel medioevo…

in SPORT

Avremmo voluto parlare di basket giocato con le splendide giocate e imprese di Jaiteh, Dallas Moore, Wilson e Tekele Cotton, e invece, ci troviamo catapultati improvvisamente nei secoli scorsi dalle nuove idee di un’entità che decide o meno sull’ortodossia dei comportamenti sulla base delle proprie convinzioni morali degli appartenenti al suo gruppo…

Torino è stata esclusa dal prossimo campionato di basket (non da quello attuale, notate bene) perché il “presunto futuro socio” di maggioranza (potrebbe abbandonare, essere sostituito, non avere quote di maggioranza in futuro, chi può dirlo con certezza in questo momento?) ha pendenze di varia natura e la società non si è comportata “eticamente” in maniera corretta. Ok, non entriamo nel merito, perché non è possibile per noi sapere tutto, ma non è questo il nodo cruciale. Le società appartenenti alla Serie A di basket riunite in lega si sono date un regolamento che solo da ieri verrà rispettato… . OK, ancora tutto bene, gli elementi saranno da valutare in varie sedi competenti ma non siamo ancora in grado di sapere tutto. Quello che è incredibile, indipendentemente da quello che appare, dai comportamenti innegabilmente “contorti” del mondo dirigenziale dell’Auxilium è che questa assemblea possa decretare a suo “insindacabile giudizio” la chiusura di un’azienda e, di conseguenza, il licenziamento di tutti i suoi dipendenti e l’annullamento di tutti i contratti in essere e futuri della stessa azienda! Capisco e comprendo i motivi che possono essere all’origine delle scelte ma non si può con noncuranza eliminare il lavoro di decine di persone per un comportamento presunto ed eticamente considerato scorretto da un piccolo gruppo di persone. Non si può rovinare l’esistenza di decine di famiglie sulla base di un presunto…qualsiasi cosa. E’ come se un’associazione di categoria escludesse e facesse chiudere un negozio perché segue le regole “dettate dallo stato” ma non quelle interne. Siamo al medioevo e oltre in cui se qualcuno si comporta diversamente da come desidero … la sua fine, a vario titolo, la decide chi in quel momento ha il potere per farlo. Poi, dopo tanto tempo si riconosce l’eventuale errore, ma la persona non “c’è più”, e come si dice…buonanotte ai suonatori. Ora, Torino ha fatto errori, ma non è da sola, e se è giusto punire uno che passa con il rosso allora è giusto punire tutti coloro che con il rosso sono passati di cui si ha notizia. Ma non sta accadendo questo. Come sempre, giocatori e allenatori in qualche modo si ricollocheranno in altri lidi, ma tutti gli “oscuri”? Con quale diritto si cancella un’azienda? Possono esistere regole antiquate in un mondo sportivo industriale di aziende che fatturano milioni di Euro e smuovono interessi territoriali e nazionali diversi? Saranno le sedi competenti a dirimere, forse, la diatriba: ma, al di là delle situazioni dalle quali ci asteniamo dal giudizio fino a quando non saranno chiarite, il pensiero va a tutti i tifosi che vengono cancellati con un colpo di spugna (o almeno questa è l’intenzione) e da sempre a chi lavora. Fosse successo ad un’azienda di tipo diverso, meccanica o agricola, commerciale o un panettiere, avremmo avuto tutti uniti contro chi decide di chiudere un’azienda: ebbene l’Auxilium Torino è un’azienda con tante famiglie che ci lavorano dentro. Trattatela come un’azienda, non come un campo su cui cogliere fiori discutibili.

Paolo Michieletto