La busta inviata alla sindaca poteva esplodere

in prima pagina
Il congegno trovato all’interno del plico sospetto inviato in municipio alla sindaca Chiara Appendino era “idoneo a esplodere”. Lo comunica la Questura di Torino che ritiene il gesto  riconducibile all’area anarco-insurrezionalista legata alle vicende dell’Asilo, il centro sociale sgomberato il 7 febbraio dalla polizia. Bastava uno strappo e i fili legati al congegno avrebbero potuto far scattare una detonazione. Il mittente della busta, “Scuola A. Diaz. Via C. Battisti 6, 16145 Genova” è un chiaro richiamo a soggetti anarchici.