Alla scoperta del LISiN, una eccellenza del Politecnico

POLI NOE 2POLI NOE

Ingegneria del sistema neuromuscolare e della riabilitazione. Il settore e’ certamente uno dei piu’ affascinanti per i futuri bioingegneri, per i medici e per i terapisti della riabilitazione con orientamento “tecnologico”

 

Il Laboratorio di Ingegneria del sistema neuromuscolare (LISiN, www.lisin.polito.it) è stato creato dal Politecnico di Torino alla fine del 1996. Si occupa di studiare i meccanismi inerenti i muscoli e il controllo, da parte del cervello, delle loro contrazioni e quindi del movimento, in soggetti sani e patologici. Vi lavorano, in via Cavalli 22H, una dozzina di ingegneri ed esperti in scienze motorie, la cui attività è finanziata sia da contratti nazionali e internazionali e sia dalla Compagnia di San Paolo. 

 

 

Il sistema costituito dalla catena cervello, midollo spinale, nervi periferici, muscoli, sensori di posizione, forza e velocità, nervi periferici, midollo spinale e cervello non è così diverso dal sistema costituito da calcolatore, attuatori, sensori di forza e velocità, usato per controllare i movimenti di una macchina o un robot. Per questo se ne occupano gli ingegneri, utilizzando i metodi di studio propri della ingegneria.

 

Gli studi sono condotti con medici e fisiologi, prevalentemente appartenenti a strutture internazionali, tra cui il prestigioso Rehabilitation Institute of Chicago, diretto dal Prof Zev Rymer che terra’ una conferenza al Politecnico di Torino, insieme a colleghi italiani e americani, in inglese, giovedi pomeriggio 3 settembre sul tema “Surface electromyography advanced techniques : translational research from Torino to Chicago”. Sala Conferenze, al 5°

piano del Dipartmento di Elettronica e telecomunicazioni Politecnico di Torino, Corso Castelfidardo 42/A, Torino (ingresso sotto lo scavalco di corso Castelfidardo).

La partecipazione e’ libera e gratuita.

 

Il trasferimento di risultati scientifici e tecnologici a strutture sanitarie e industrie e’ particolarmente difficile in Italia ed e’ lusinghiero (per gli scienziati torinesi, ma non per il Paese) che esso avvenga verso istituzioni di grande prestigio internazionale che dall’Italia importano idee e ricercatori rivendendoci poi i prodotti commerciali che ne derivano. Da queste ricerche traggono vantaggio pazienti affetti da “ictus” e altre patologie ma l’obiettivo principale e’ la prevenzione di patologie posturali, da lavoro o da parto.

 

Le applicazioni sono solo moderatamente diagnostiche o “curative”. Esse sono principalmente preventive e di “monitoraggio” cioè di prevenzione di patologie da lavoro (incluse quelle dei musicisti), osservazione della evoluzione di patologie, della efficacia di farmaci o trattamenti, o di allenamenti sportivi. Particolarmente curiosi e divertenti sono i “giochi riabilitativi” sviluppati per bambini o adulti. Il settore e’ certamente uno dei piu’ affascinanti per i futuri bioingegneri, per i medici della riabilitazione e del lavoro, e per i terapisti della riabilitazione con orientamento “tecnologico”.

Leggi qui le ultime notizie: IL TORINESE
Articolo Precedente

Carmagnola celebra Re Peperone

Articolo Successivo

Elisa, la nuova miss Piemonte ha 19 anni

Recenti:

Le delizie del Caffè Al Bicerin

A cura di piemonteitalia.eu Leggi l’articolo: https://www.piemonteitalia.eu/it/luoghi/locali-storici-golosi/caffè-al-bicerin Leggi qui le ultime notizie: IL TORINESE

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta