Caso Murazzi, l’inchiesta si fa in tre

in BREVI DI CRONACA

murazzi 2Il 17 luglio si terrà l’udienza preliminare in tribunale per i funzionari comunali,  in relazione agli affitti  mai riscossi da palazzo Civico. A tale proposito, è contestata anche una delibera di sette anni fa attraverso la quale, invece di imporre lo sfratto ai gestori morosi, gli si proponeva uno sconto del 25% sui canoni

 

Tra i gestori dei locali dei Murazzi, molti non pagavano il canone al Comune, provocando un danno di circa un milione di euro per le casse municipali. E’ questo, come si sa, il succo dello scandalo dei “muri”, sollevato tempo fa grazie a un esposto di un gruppo di cittadini che si lamentavano del rumore provocato dalla movida. Scava e scava e sono venute alla luce altre questioni poco chiare.

 

Intanto, il prossimo 17 luglio si terrà l’udienza preliminare in tribunale per i funzionari comunali e per l’allora assessore Alessandro Altamura, proprio in relazione ai canoni mai riscossi da palazzo Civico. A tale proposito, è contestata anche una delibera di sette anni fa attraverso la quale, invece di imporre lo sfratto ai gestori morosi, gli si proponeva uno sconto del 25% sui canoni. Nella vicenda, su cui ha indagato il pm Andrea Padalino è rimasto impigliato anche l’ex manager della Città, Cesare Vaciago.

 

A dicembre, invece, si aprirà il processo ad alcuni gestori che , si è scoperto durante le indagini, avevano realizzato abusi edilizi con l’allestimento di dehors, scale e altre opere non consentite. A tutto ciò si aggiungono le contestazioni per i decibel troppo alti (ma in questo caso il processo slitta tra un anno)  da cui tutto è partito.

 

(Foto: il Torinese)