Tag archive

storie d’altri tempi

Ricordi spensierati dalle Valli di Lanzo

in Rubriche

STORIE D’ALTRI TEMPI di Patrizio Tosetto / Giusto 60 anni fa le prime vacanze di cui ho un vaghissimo ricordo. In particolare della strada sterrata che portava a Tuberghengo frazione di Viu’,  Valli di Lanzo. Vacanze poverissime. Una stanza dove si dormiva in tre, mia madre cucinava e mangiavamo. Senza servizi ed un catino per lavarsi. Quanta felicità e spensieratezza in compenso. La sintesi tra felicità e spensieratezza era libertà, libertà assoluta.

Un mese di libertà assoluta. Alla casa si arrivava solo a piedi. Tanto non avevamo l‘auto e mio padre aveva solo la patente A. Si doveva tutto agli zii paterni e alla loro 1100 Fiat. Allora pensavo che l’unica auto al mondo fosse la Fiat. Unico svago serale era il film del lunedì. Tre km in discesa alla sola osteria nel raggio di chilometri, intampata nel fondo della vallata dove scorreva lo Stura.
Frazione Fubine, penso che non abbia mai visto il sole, forse dalle 12 alle 13. La felicità era il cornetto  Algida  ed il film in bianco e nero con mio padre provetto tarocchista. Il ritorno con i tre km in salita: reggevo per uno poi a cavalcioni del babbo e mi addormentavo. Ci si alzava alle 7 e 30 e subito colazione con il latte appena munto, prima bollito e poi servito con il cacao. Ho retto un anno e poi sono passato  al Te’, decisamente più leggero. I miei no, anzi erano decisamente contenti. Giusto il tempo di lavarsi i denti e poi via con la “ciurma” dai 5 anni ai 10. Meta’ locali e metà  villeggianti. Alle 12 e 30 ci si presentava per pranzo. Ripresa delle ” attività ” dalle 13 e 30 fino alle 19 . C’era un sentiero che portava a Viu’. Scendeva verso lo Stura risalendo verso l’altra sponda della valle.
Con il ponte si superava l’unica pozza d’acqua in cui non si toccava. Io ho pensato bene quasi di annegare. La salvifica mano di un amico è stata provvidenziale. Non sapevo nuotare.
Ricordo nidido. Certe cose non si scordano mai. Come la gioia quando ” Minin ” mi fece regalandomela una piccola gerla. Quelle grandi servivano ai montagnini da trasporto per il fieno. Le caricavano a dismisura. Ora io potevo imitarli. Altra grande passione era risalire il fiume, un po’ di sentiero ed un po’ tra le rocce che spuntavano dall’acqua. Scivolare era un classico, sapeva di avventura
Con lafantasia che galoppava ed io diventavo un capo Partigiano. Ovviamente. Conoscevo poco o niente delle diversità tra le brigate Garibaldi e Giustizia e libertà o i monarchici di Edgardo Sogno. Tutti i partigiani erano bravi e tutti i nazifascisti cattivi. E la piccola piccozza diventava un fucile. Del resto il Col del Lis era a due passi. Proprio due passi non direi, comunque andarci era un’altra avventura. A piedi sempre in salita pensando al ritorno in discesa. O con la corriera che partiva da Viu’. Pranzo al sacco con l’immancabile tonno con funghi Ghiotto e la borraccia militare che mio padre aveva comprato a Porta Palazzo contrattando sul prezzo. Gli chiedevo cosa era quella alta Torre.
In ricordo dell’eccidio partigiano, 2 luglio del 1944. La stele venne costruita nel 1955. Quasi un anticipo delle vacanze intelligenti. Dopo alcuni anni ci saremmo trasferiti dall’altra parte della
vallata. Molar Versino. Magari in una altra puntata . Per oltre 10 anni per me e famiglia le vacanze erano le Valli di Lanzo. Ricordo spensierato di anni spensierati. Nessun rimorso e tanti rimpianti di un tempo fantastico. Dove il ricordo ti riempie di gioia in questo presente con qualche nuvola in più. Non solo meteorologicamente parlando. Ricordi per la nostra anima e per il nostro corpo. Bei ricordi.
Da qui si Torna su