Category archive

LIFESTYLE - page 3

Sfiziose patate farcite

in LIFESTYLE

Le patate sono tra gli ingredienti piu’ versatili e piu’ amati in cucina. La ricetta che vi propongo questa settimana e’ davvero golosa, scenografica e semplice. Patate farcite con ingredienti a gradimento, cotte al forno con la buccia, tagliate a soffietto per una presentazione originale.

***
Ingredienti
4 patate di medie dimensioni
4 fette di prosciutto crudo
Poco burro per spennellare
Sale ed erbe aromatiche a piacere
Parmigiano grattugiato
***
 
Spazzolare e lavare molto bene le patate, asciugarle, tagliare una fetta alla base  per renderle stabili e inciderle per circa 3/4 . Sciogliere il burro e spennellare bene le patate, insaporire con erbe aromatiche a piacere e poco sale. Disporle in una teglia foderata con carta forno, cuocerle in forno a 200 gradi per 30 minuti. Estrarre le patate, lasciarle indiepidire, farcire le incisioni con il prosciutto crudo, spolverizzare con il parmigiano e rimettere in forno per circa altri 30 minuti o sino a cottura ultimata. Servire calde.
 

Paperita Patty

Cartoccio di pesce al forno, sano e gustoso

in LIFESTYLE

Eccovi una proposta per un secondo profumato ed appetitoso

Ricco di importanti proprieta’ nutritive, buono e gustoso, il pesce e’ uno dei protagonisti della dieta mediterranea. Fritto, a vapore, al forno puo’ essere preparato in tanti modi diversi, ma se cercate una ricetta semplice, veloce e dietetica che racchiude il sapore del mare eccovi una ricetta per un secondo profumato ed appetitoso.

***

Ingredienti per una persona:

1 trancio di pesce a piacere

1 patata

1 carciofo

4 pomodori datterini

capperi, olive taggiasche denocciolate, pinoli q.b.

1 cucchiaio di olio evo

1 pizzico di timo

sale q.b.

***

Tagliare la patata a rondelle e il carciofo a fettine, sistemarli a strati su di un foglio di carta forno, aggiungere il trancio di pesce, coprire con i capperi, le olive tagliate a meta’, i pinoli e i pomodorini a pezzi. Cospargere il tutto con un pizzico di timo, poco sale, l’olio evo. Chiudere il cartoccio con uno spago da cucina, appoggiarlo su una teglia da forno e cuocere a 200 gradi per 20 minuti circa. Servire caldo.

 

Paperita Patty

Eataly compie 13 anni! Ecco i festeggiamenti da non perdere

in LIFESTYLE
Eataly compie gli anni

Eataly Torino Lingotto quest’anno compie 13 anni. Ecco gli eventi da non perdere

Da giovedì 9 gennaio prende il via fino al 5 febbraio da Eataly Lingotto un mese ricchissimo di promozioni, eventi e iniziative per festeggiare al meglio il compleanno. La serata clou è prevista per lunedì 27 gennaio: appuntamento dalle ore 19 con “Facciamo cose buone!”, cena itinerante con piatti di grandi chef italiani e stranieri, vini unici, musica e intrattenimento e dal sapore benefico. Parte del ricavato della serata sarà infatti devoluto alla Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro, Istituto di Candiolo-IRCCS.

Tra gli altri eventi in programma segnaliamo il tour del negozio, un tour di degustazioni tra i reparti e i laboratori di produzione di Eataly Torino Lingotto. Sono previste anche nuove esperienze nei reparti, come l’Esperienza Gnocchi, per imparare la ricetta dei veri gnocchi piemontesi. Non mancheranno cene a tema, dalla Grande Cena delle Ostriche alla cena al buio, in collaborazione con A.S.D. Polisportiva UICI Torino Onlus.

Ma non è un compleanno senza le grandi Aste di Eataly Lingotto: sarà possibile aggiudicarsi a prezzi eccezionali frutta e verdura di stagione e il miglior pescato del giorno, palette alla mano. La novità della stagione? Un percorso emozionale di gusto che vedrà all’asta diverse tipologie di ostriche, giovedì 16 gennaio alle 17.30 presso la Pescheria di Eataly.

Info e prenotazioni su Eataly

Sito web

Tel. 011 19506801

Croccante focaccia simil-Recco

in LIFESTYLE

Croccante al punto giusto, ha un gusto delicato. Che dirvi di piu’…. vi chiederanno il bis!

Certo, la focaccia di Recco e’ tutta un’altra storia… sono d’accordo con voi, questa e’ senza pretese ma vi piacera’, e’ croccante al punto giusto, ha un gusto delicato…che dirvi di piu’…. vi chiederanno il bis!

***

Dose per 2 teglie rettangolari:

500gr.di farina 00

2 cucchiaini di zucchero

1 cucchiaino di sale

1 bustina di lievito secco

5 cucchiai di olio evo

275ml di acqua tiepida

500gr. di stracchino/crescenza

sale q.b

***

Mettere la farina, lo zucchero, il sale nel mixer e miscelare, aggiungere poi la bustina di lievito e sempre miscelando l’olio. Aggiungere poco alla volta l’acqua e lasciar impastare per qualche minuto. Versare l’impasto sul piano del tavolo infarinato e iniziare ad impastare con energia sbattendo la pasta sul tavolo ripetutamente. Mettere l’impasto in una capiente ciotola, coprire con un tovagliolo e lasciar lievitare in luogo tiepido per 4 ore.

L’impasto raddoppiera’ di volume. A questo punto, stendere la pasta con il mattarello e sistemarla nella teglia rivestita di carta forno. Ungere leggermente l’impasto con olio miscelato a qualche goccia di acqua e coprire con pezzi di stracchino, salare, condire con un filo di olio e infornare a 250* per 15 minuti o fino a quando il formaggio inizia a dorare .

Servire subito aggiungendo, a piacere, rucola fresca. Se non avete tempo, o voglia, acquistare la pasta per pizza dal fornaio.

Buon appetito.

 

Paperita Patty

Lo zenzero fa bene dopo le feste? Scopri le sue proprietà

in LIFESTYLE
Zenzero

Quali sono le proprietà benefiche dello zenzero, sempre più usato in cucina, soprattutto dopo le feste.

Lo zenzero è una pianta dalle proprietà uniche e un ingrediente che trova sempre più spazio sulle nostre tavole. Numerosi sono i benefici ad esso associati: riduce la nausea, è un antidolorifico e antinfiammatorio naturale, e aiuta a dimagrire. Vediamo quali sono i suoi benefici effettivi e come consumarlo al meglio con una calda tisana.

Le sue origini

Si tratta di una pianta originaria dell’Asia, usata prevalentemente a scopo alimentare e curativo nella medicina cinese e in quella indiana, ormai da millenni. Infatti era, ed è  tuttora, la base di molti medicamenti. La polpa delle radici, simili a un tubero nodoso, è ricca di amido ma contiene anche proteine, lipidi, vitamina A e tiacina. Infatti è conosciuto anche con il nome di radice della salute.
Dall’Asia all’Europa, questa radice è stata impiegata per ridurre vari disturbi grazie alle sue proprietà benefiche e disinfettanti.

Quali sono le proprietà dello zenzero?

Lo zenzero è famoso per le sue proprietà digestive. Calma molto velocemente lo stomaco, stimola la digestione e scioglie i grassi. Per questo scopo l’ideale è consumarlo con una tisana calda , magari dopo un pasto abbondante. Non solo: possiede anche la capacità di attutire l’ulcera e il reflusso.  È uno dei rimedi naturali più efficaci per alleviare nausea e vomito. Infatti viene impiegato sia in caso di lunghi viaggi (in nave, in auto o in autobus), sia in gravidanza. Si è dimostrato efficace anche contro la nausea indotta dalla chemioterapia. Oltre alle proprietà digestive, lo zenzero è un rimedio naturale eccellente per depurarsi, e viene utilizzato soprattutto dopo le festività per sgonfiarsi e ritrovare il giusto peso.

Addirittura viene usato come alleato per curare le malattie da raffreddamento. Lo zenzero, infatti, ha un forte potere riscaldante e, secondo la medicina cinese, scioglie efficacemente il mucoo. Inoltre, la sua azione analgesica e antinfiammatoria permette di alleviare a risolvere il mal di gola. Diversi studi hanno poi evidenziato come lo zenzero sia utile ed efficace nel trattamento dell’artrite e dolori muscolari.

Come preparare la tisana allo zenzero?

Alcuni componenti dello zenzero, ad esempio quelli antitumorali, risultano più efficaci quando lo zenzero viene riscaldato. Ecco perché la tisana è un ottimo modo per consumare la radice della salute. Per prepararla basta un pezzetto di zenzero fresco, preferibilmente biologico, grattugiato o tagliato a fettine sottili. Va aggiunto in un pentolino dove si metterà poi a bollire l’acqua per almeno 20 min. Prima di consumare la tisana allo zenzero è bene farla riposare 5 minuti. 

Secondo Forbes i 7 musei più affascinanti d’Italia si trovano a Torino

in LIFESTYLE
Forbes Musei Torino

Torino e il Piemonte premiate dalla stampa estera, questa volta per i musei

La rivista statunitense Forbes non smette di dedicare articoli alle bellezze di Torino. Qualche mese fa aveva elogiato la Merenda Reale equiparandolo per rito e tradizione all’ora del tè britannico. Questa volta, invece, è il turno dei musei. 

I 7 musei più affascinanti secondo Forbes

Con un articolo dal titolo 7 Of Italy’s Most Fascinating Museums Are In Seriously Stunning, Underrated Turin (7 dei musei più affascinanti d’Italia si trovano nella seriamente sbalorditiva, sottovalutata Torino) passa in rassegna le sette esperienze museali da non perdere: Palazzo Reale, Palazzo Madama (con l’annesso Museo Civico di Arte Antica), il Museo Nazionale del Cinema, Palazzo Carignano, il Museo Nazionale del Risorgimento, il Museo Egizio e la Venaria Reale (definendo la Galleria Grande “uno degli spazi pubblici più impressionanti in Italia”).

Ma l’autrice dell’articolo Catherine Sabino, non è estranea all’Italia: ha scritto per riviste in Italia e negli Stati Uniti ed è stata caporedattrice di pubblicazioni per Forbes, Gotham Magazine e Four Seasons Magazine. Ha frequentato scuole italiane e ha scritto due libri su una delle eccellenze del nostro Paese: il design.

Sempre nel pezzo pubblicato su Forbes si legge che Torino è una delle città più importanti d’Italia e, nonostante le numerose attrazioni resta una destinazione meno conosciuta per molti viaggiatori americani. Insomma, prima capitale d’Italia, capitale non ufficiale del cioccolato sede storica della Fiat… la città offre un mix interessante di offerte culturali. Di fatto il Piemonte sta ottenendo moltissimi riconoscimenti dalla stampa estera. È stato già menzionato dal The Guardian per il cibo e per gli eventi, dalla guida Lonely Planet come miglior regione del mondo da visitare e l’elenco sembra destinato ad allungarsi. Per Torino e per il Piemonte si preannuncia un 2020 ricco di sfide, a partire dall’evento dell’anno che la vede Capitale del Cinema. 

 

Mariella Randolfi

I paccheri alla crema di caciocavallo

in LIFESTYLE

I Paccheri sono un formato di pasta molto versatile e i modi per gustarli sono infiniti. Ve li propongo accompagnati da una setosa e avvolgente fonduta di Caciocavallo. Un primo piatto sostanzioso, gustosissimo e particolare. 
***
Ingredienti 

350gr. di pasta “Paccheri” 
100gr.di formaggio Caciocavallo 
100ml. di panna liquida 
4 cucchiai di granella di pistacchi 
2 pomodorini secchi 
***
Grattugiare il Caciocavallo con una grattugia a fori grandi. Scaldare la panna, sciogliere mescolando il formaggio sino ad ottenere una crema liscia. Nel frattempo cuocere la pasta in acqua salata. Quando cotta versare in una terrina, condire con la fonduta e cospargere con la granella di pistacchi ed un trito di pomodorini secchi. Servire subito. 

 

Paperita Patty 

Siete troppo stressati? Forse avete la sindrome da burnout

in LIFESTYLE
Sindrome del burnout

Burnout, se ne riparla sempre al rientro dalle vacanze. Cos’è la sindrome da burnout, o esaurimento emotivo, e come prevenirla

Il termine è preso in prestito dall’inglese e significa letteralmente “esaurimento, crollo”. Una condizione, conosciuta anche con il nome di “esaurimento professionale/emotivo”, che si manifesta in ambito lavorativo e che è da poco stata classificata dall’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, come sindrome.  Stress da lavoro ed emotivo, è una sindrome in costante crescita e che si manifesta spesso al rientro delle vacanze o dei periodi di festività.

Quali sono i sintomi per riconoscerla? Mancanza di energia, isolamento dal lavoro o sensazioni di negatività legati al lavoro e diminuzione dell’efficacia professionale. E ad essere colpite maggiormente sono le professioni che richiedono continue relazioni interpersonali.

Quando si manifesta la sindrome da burnout?

Tuttavia la sindrome da burnout può manifestarsi anche quando ci si trova a gestire situazioni particolarmente complicate e stressanti per un periodo prolungato. Quali sono le situazioni che contribuiscono a far sentire stanchi, demotivati ed emotivamente “esauriti”? Il sovraccarico d’impegni, dovuti magari a periodi d’assenza, ma anche il sentirsi poco apprezzati e l’aver assistito o vissuto eventuali ingiustizie, per non parlare della scarsa retrubuzione. 

Eppure questi fattori sono abbastanza comuni oggi. E ad essi si aggiunge l’uso della tecnologia, che sembra peggiorare notevolmente la situazione. Quest’ansia di essere sempre connessi, sia al lavoro che fuori, fornisce la percezione di non riuscire mai a staccare e dedicare del tempo a se stessi.

Quali sono i sintomi del burnout? 

Le sensazioni più comuni che si provano in situazioni di alto stress lavorativo sono inefficacia, cinismo ed esaurimento. Nello specifico quest’ultimo si manifesta con una sensazione di svuotamento, noia e allontanamento emotivo da tutti. Si comincia a pensare di non saper più fare bene il proprio lavoro, e ci si sente sempre più distanti anche dalle conseguenze. Altri sintomi associati al burnout sono disturbi del sonno, stati di agitazione, difficoltà cognitive, e assenteismo dal lavoro.

Ecco la prevenzione efficace 

Basta poco per scongiurare il burnout: prendersi cura di se stessi. Con qualche piccolo accorgimento si può infatti evitare di arrivare a uno stato di stress così elevato.
Ecco qualche suggerimento

  • Riposare: è indispensabile sia per la mente che per il corpo, e aiuta a staccare da tutte le questioni lavorative.
  • Imparare ad ascoltare il proprio corpo: spesso non si sanno leggere i piccoli segnali che il corpo ci manda: battito accelerato, sudorazione, stanchezza persistente… ascoltare i primi segnali è fondamentale.
  • Creare spazi per se stessi: è fondamentale non sacrificare troppo i propri spazi personali. Fanno bene gli hobby, stare in mezzo alla natura e frequentare amici. 
  • Social sì, ma nella vita vera: questo è un consiglio valido soprattutto per chi lavora a stretto contatto con la tecnologia. Le elazioni amicali e affettive sono ricche di energia positiva, e allontanano dagli schermi.

Pesche ripiene all’antica

in LIFESTYLE

Un antico dessert  tipico del Piemonte, tutto da gustare. Una preparazione semplice e genuina realizzata con pesche dolci e mature, farcite da un goloso ripieno a base di cioccolato fondente e amaretti, un abbinamento davvero delizioso e irresistibile.

Ingredienti:

6 pesche mature a pasta bianca

80 gr. di amaretti

60 gr.di cioccolato fondente

2 tuorli

30 gr. di zucchero a velo

Poco burro

Lavare ed asciugare le pesche. Tagliarle a meta’ ed eliminare il nocciolo. Scavare un poco la polpa e metterla in una terrina. Preparare il ripieno mescolando la polpa delle pesche tritata con il cioccolato grattugiato e gli amaretti sbriciolati, unire parte dello zucchero a velo e i due tuorli. Disporre le mezze pesche in una pirofila da forno, precedentemente imburrata, riempirle con il ripieno di amaretti ed un fiocchetto di burro. Cuocere in forno a 190 gradi per circa 30 minuti. Servire a piacere tiepide o fredde cosparse di zucchero a velo.

Paperita Patty

Da qui si Torna su