Category archive

CULTURA E SPETTACOLI - page 383

Petrowskaya, Lackberg e Larsson: le nostre domande lampo a tre big di Librolandia

in CULTURA E SPETTACOLI

SALONE 215A colloquio con alcuni grandi protagonisti  del Salone del Libro

 

La 28° edizione della kermesse  che per 5 giorni ha trasformato il Lingotto di Torino nella libreria  italiana  più grande  del mondo,  si  chiude con  un successo che era annunciato e prevedibile. Folla oceanica, infinite  proposte editoriali, un palinsesto  di appuntamenti  con gli  scrittori che avrebbe richiesto il grande dono dell’ubiquità. Anche correndo come leprotti assetati  di cultura, ogni anno aumentano gli incontri ed è umanamente impossibile fare tutto. Noi abbiamo  scelto tre autori che ci hanno incantati  e ci hanno raccontato della loro vita, pensieri e opere.

 

Katia Petrowskaya:  giornalista ucraina con radici ebraiche, ha fatto  subito centro con il  libro di esordio “Forse Esther” (Adelphi) in cui  ricostruisce le vite spezzate di  alcuni membri della sua ramificata famiglia, dispersa tra Polonia, Russia e Germania e travolta dalla seconda guerra  mondiale. L’abbiamo incontrata nel padiglione del paese ospite,  la Germania,  splendidamente orchestrato  dall’efficientissimo Goethe Institut .E’ dolcissima,  quasi timida, viso acqua  e sapone, grande semplicità e uno sguardo intenso  che accompagna le parole con cui  ci spiega:

«Alcune delle storie  che narro fanno  parte della mia vita, quasi leggende che mi sono  state  raccontate fin da quando  ero piccola. Ho sentito il bisogno di rintracciare e ripercorrere quelle vite; così ho fatto  alcune ricerche ed  attraversato l’Europa per ricostruire destini di cui  si era persa memoria. Non  ho inventato nulla, semplicemente ho lasciato  che le mie  percezioni  mi  guidassero. Forse è per questo che non mi vedo come  una scrittrice».

 

-Cosa pensa di Google che ha usato moltissimo?

«E’ stato importantissimo perché mi  ha permesso di  ritrovare e ricostruire vite e personaggi  di  cui  sapevo poco. Ma  è anche  un  mezzo inquietante: basta digitare una  parola come Auschwitz e ci  si può avventurare in una passeggiata virtuale  nel  lager».

 

-Quanto è stato  doloroso?

«Non ho una gerarchia del dolore ma, certo, è stato  difficile. Ed allo stesso tempo, molto importante:    ricostruire gli orrori  del XX secolo  che hanno travolto la mia famiglia, mi ha permesso  di rielaborare  e, in parte,  alleggerire la sofferenza. Il libro  è un tentativo  di comprendere quanto,  restando  sani, si riesca a sopportare del passato. Il discorso vale anche  per gli orrori di cui ci parla la cronaca, come le guerre e  le tragedie dei profughi ».

 

Perché a 30 anni ha deciso  di  trasferirsi proprio a Berlino, imparando anche la nuova lingua con cui scrive?

“Prima la mia vita era passata da Kiev, Mosca, S.Pietroburgo, New  York  e Amsterdam. A Berlino  non  ho  solo  incontrato l’amore,  ma anche scoperto una città  che è tra le  più pacifiche e  pacifiste d’Europa e  in cui la  tolleranza è all’ordine del  giorno. Direi  che li si è realizzato il  sogno e l’utopia: è possibile superare  il passato»

 

Per lei quali sono le meraviglie d’Italia?

«La Russia è uno dei paesi  in cui il mito  del vostro paese è più forte, anche grazie alla letteratura: da Puškin a Gogol’, ma anche Brodskij e i poeti di inizio 900. Noi  abbiamo una nostra Italia ed ecco  che  il  confronto di  questi  giorni diventa ancora più importante ed  interessante».

Consiglio  di lettura– tra  i personaggi memorabili, oltre alla bisnonna del titolo, c’è la consanguinea Mira.  L’autrice è riuscita a rintracciarla ed ha  ricostruito la via crucis alla quale è sopravvissuta, e le cui  tappe sono state: il ghetto, 5 lager, 10 giorni  di marcia della morte, a  30° sotto zero e senza cibo.

 

 

Camilla Läckberg: è la regina  incontrastata del  giallo  svedese (tradotta in 55 paesi, 15 milioni  di  copie  vendute) con  le sue  trame ambientate sempre nel natio 

LACKBERG

 

borgo  di pescatori  Fjällabacka (apparentemente  idilliaco, ma  poi ne  capitano  di  tutti   i colori) e la coppia super vincente di Erica  Falk  con il  marito ispettore Patrick Hedström. Diciamo  subito  che la Läckberg  è  ancora  più  bella di  quanto suggeriscono  le  sue foto in  circolazione. Fisico perfetto (pensare che  ha 3  figli di  13, 11 e 6 anni),  incredibili, immensi occhi  blu che ti  spalanca davanti, accompagnandoli  con un sorriso splendente come  il sole di mezzanotte delle sue parti. L’ultimo successo è “Il segreto degli angeli” (Marsilio) storia che  inizia con un cold case. A inizio  anni  70, sull’isola di Valö (al  largo di Fjällabacka) il giorno di Pasqua, una famiglia scompare nel  nulla; restano solo la tavola  imbandita e  la piccola Ebba di un  anno. Delitto o  scomparsa volontaria? Anni  dopo quella bambina ritorna,  col marito, il  dolore  per  la morte del figlio da superare  ed il progetto  di  riprendere i fili  della sua esistenza proprio in  quella casa. E non sa che  l’orrore  è in  agguato. I libri  della Läckberg sono garanzia di  successo  anche sugli  schermi,  con un  film ispirato  al  suo  5° giallo “Il bambino segreto” e due serie tv,  di cui una su Laeffe. «Ci sono state due stagio

ni di fiction per la tv: alla prima non ho collaborato, ma solo venduto  i diritti  e, dal momento  che sono piuttosto ossessionata dal  controllo, il fatto di  non poter intervenire mi ha creato una certa ansia. Con  la seconda è andata decisamente meglio perché l’ho  co-prodotta e revisionavo ed approvavo le  bozze della sceneggiatura. Le fiction si discostano un po’ dai libri e ricreano un clima alla Agatha Christie, del genere piccoli fatti ma che fanno molto scalpore; e devo dire che la cosa non mi dispiace».

 

La sua eroina Erica,  come  lei  ha tre figli e scrive,  non  mi dica che non vi  assomigliate…

«Quando  ho  avuto l’idea pensavo  ad un personaggio  autonomo e con  una sua personalità; poi  mi sono resa conto che quando raccontavo qualcosa che avevo vissuto,  scrivevo meglio. La verità  è  che sono io che la copio; per esempio lei  ha sposato il  poliziotto prima che  lo facessi  anch’io».

 

Che mamma è?

«Più affettuosa di Erica, ho bisogno del contatto fisico, di  abbracciarli e coccolarli;  questo mio comportamento mette in imbarazzo i più grandi e la cosa mi diverte. Sono molto  rigida per quanto  riguarda l’educazione e il  rispetto  di semplici, ma importanti, regole,  anche  perché sono  convinta che  aiutino i bambini a diventare più sicuri».

 

Lei vive a Stoccolma, e Fjällabacka?

«Mia mamma vive lì e mi tiene aggiornata su  tutto quello  che accade,  anche  perché sa sempre  tutto  di  tutti. Ci sentiamo  spesso  telefonicamente e quando posso  vado a trovarla. I miei figli adorano  quel paese, così a volte  li imbarco sull’aereo, anche da  soli, e li  spedisco dalla nonna. Ma se  vivessi a Fjällabacka non riuscirei  a scriverne, ho  bisogno  di  guardarla dall’alto  e in modo distaccato.

 

Il suo prossimo libro?

«In  Svezia lo stanno  già traducendo;  invece per Natale aspettatevi un racconto breve ispirato ad Agatha Christie»

 

 

Sempre dai fiordi è arrivato Björn Larsson, l’affascinante scrittore svedese che ha conquistato il cuore delle lettrici italiane fin dal suo  grande successo “La vera storia del pirata Long John  Silver” in cui raccontava la storia veritiera del personaggio di Robert Louis Stevenson. Dobbiamo alla lungimiranza e bravura della casa editrice Iperborea la scoperta di Larsson: scrittore che spazia dalle avventure legate al mare a traversate della letteratura di  tutti  i tempi e  latitudini, con la prua puntata soprattutto  verso quella francese, che  insegna all’u

LACK LIBRO

niversità. Al  Salone arriva per “Raccontare il mare”, sua ultima navigazione attraverso i grandi classici della letteratura marinaresca, svelandoci  anche autori minori e  smantellando qualche  luogo comune, come  quello su Ulisse. «Non  era  un marinaio,  ma un  soldato che voleva solo  tornare a casa, costretto suo malgrado  a peregrinare da un approdo all’altro. Il libro è un capolavoro assoluto  della letteratura mondiale, l’ho riletto più  volte e se  penso  a Penelope  trovo  che sia una bellissima storia d’amore»

 

Lei invece è un uomo di mare, ha solcato più volte il Mare del Nord e  il Nord Atlantico. Quanto  della sua vita vive in barca?

 

«Almeno metà  del mio tempo, soprattutto nella bella stagione; invece  d’inverno  vivo in un monolocale che è una piccola biblioteca»

 

Ci racconta la sua vita a bordo della sua magnifica barca a vela?

«Sono un navigatore che non sfida mai il mare, mi preparo e bado agli  aspetti pratici che sono molti. Alcuni semplici, come  fare una scorta di sugo in pentola a pressione che duri almeno i primi  due giorni  di navigazione; quelli in cui ci si deve abituare all’idea che poi si sarà sempre in movimento».

 

Ispirazione  e scrittura avvengono in mare?

«Non sarebbe possibile, occorre controllare costantemente la navigazione  e  non c’è tempo  per altro.  Però  scrivo sulla barca quando  sono fermo in porto»

 

Perché ha scritto che la navigazione in sé  è  piuttosto noiosa?

«Perché è vero. Quando  stai  al timone  per  ore  e ore tutto  quello che vedi è  acqua, cielo,  sole: magnifico ma anche monotono.  Invece quando  arrivi in un porto incontri persone, le  inviti sulla tua barca, leggi, scrivi e puoi fare tante altre cose».

 

Il suo stato d’animo quando  parte e quando arriva?

«Alla partenza dipende molto da quanto starò  via. La volta che siamo  partiti in due, per un viaggio di due anni, è stata una libertà  gioiosa, ero felice per tutto il  tempo  che avrei  avuto davanti, senza impegni. Se  invece  è un periodo  breve, solo di 1 mese o  1 mese e mezzo, allora il pensiero corre già a quando  dovrò tornare e mi dispiace  il  poco tempo a disposizione.  Quando  arrivo il primo pensiero è “Perché non continua!” Ed  ho bisogno di  qualche  giorno  per riadattarmi».

 

La libertà  che ama?

«Un mix di più cose: l’idea di  viaggiare con la mia casa, in barca si  vive con pochi  soldi ed è un’esperienza molto interessante, poi si possono portare penna e  libri,  fermarsi  quando, quanto e dove si  vuole. Non sono mai stato attratto dai viaggi con lo zaino, la barca è tutta un’altra cosa e puoi portarci chi vuoi.

 

Il mare in cui potremmo incrociarla questa estate?

«Sarà un viaggio breve intorno a Svezia, Danimarca, forse fino in Germania e Polonia, che è raggiungibile via mare».

 

Il prossimo libro?

«Sto lavorando  a due contemporaneamente: uno molto impegnativo, l’altro più leggero e col quale mi riposo…ma non svelo  di più».

 

Laura Goria

 

 

 

Cisl: Pensioni, il Governo apra il confronto con le Parti sociali

in CULTURA E SPETTACOLI

petriccioli“Riteniamo fondamentale che il Governo non proceda su questo tema con scelte unilaterali  ma apra un reale confronto con le parti sociali”
 

“La Cisl ritiene che sia necessario cambiare l’attuale normativa previdenziale introducendo nel sistema una flessibilità che si rende necessaria per fare entrare più giovani al lavoro, per far fronte alla difficile situazione dei lavoratori anziani prossimi al pensionamento, che perdono il lavoro e non riescono a ritrovarlo, per rispondere alla diversa condizione di pesantezza ed usura che i diversi lavori comportano”. Lo ha dichiarato il Segretario confederale della Cisl, Maurizio Petriccioli, intervenendo sulle ipotesi di reintroduzione di una flessibilità nell’accesso al pensionamento. “Riteniamo fondamentale che il Governo non proceda su questo tema con scelte unilaterali – ha concluso Maurizio Petriccioli – ma apra un reale confronto con le parti sociali, perché è necessario realizzare un sistema flessibile, attraverso una pensione anticipata, che non risponda solo alle ragioni della sostenibilità finanziaria ma anche alle esigenze di adeguatezza dei futuri trattamenti pensionistici”.

Io non gioco. Vinco! A Palazzo Lascaris la giornata conclusiva

in CULTURA E SPETTACOLI

usura lascarisProgetto contro il gioco d’azzardo e a favore dell’uso responsabile del denaro

 

Un impegno concreto contro il gioco d’azzardo e a favore dell’uso responsabile del denaro. Questo lo scopo del progetto per le scuole superiori “Io non gioco. Vinco!”, realizzato dall’Osservatorio regionale sul fenomeno dell’usura in collaborazione con l’Associazione Acmos, la cui giornata conclusiva si è svolta mercoledì 20 maggio nell’Aula consiliare di Palazzo Lascaris. Con il consigliere regionale Gabriele Molinari, delegato all’Osservatorio, sono intervenuti Elena Lumetta dell’Associazione Acmos, Andrea Zummo, responsabile educativo di Libera Piemonte e Maria José Fava, referente di Libera Piemonte. “Da anni l’Osservatorio è impegnato in prima linea contro il gioco d’azzardo – ha dichiarato Molinari, aprendo i lavori – responsabile dell’indebitamento e del senso di fallimento che, soprattutto in tempo di crisi, illude le categorie più disagiate che un colpo di fortuna possa imprimere una svolta all’esistenza”.

 

Lumetta ha ricostruito, attraverso un video, i momenti salienti delle attività e dei laboratori svolti in oltre una trentina di classi delle scuole medie piemontesi.Zummo e Fava hanno invece ricordato che il gioco d’azzardo è uno dei “settori” in cui la mafia prospera e fa affari. E, a pochi giorni dal 23 marzo, ventitreesimo anniversario della strage di Capaci, hanno sottolineato la frase del magistrato Giovanni Falcone secondo cui più dell’esercito, contro la mafia, può la scuola, perché l’istruzione e la capacità di discernere e ragionare possono tenere lontane le giovani generazioni dalla criminalità.Al termine dell’incontro, cui hanno partecipato anche il vicepresidente della Giunta regionale Aldo Reschigna e il Garante regionale dei detenuti Bruno Mellano, i ragazzi hanno presentato i propri elaborati.

 

(www.cr.piemonte.it)

La Torino noir di Mario Pippìa

in CULTURA E SPETTACOLI

pippia“Il vizio dell’odio”, “La casa senza ombra”, “Il vangelo di Anna” e “Il paradiso dei vigliacchi”; tutti ambientati a Torino o in Piemonte, tutti con gli stessi protagonisti principali: il commissario Polloni, della questura centrale, il suo amico e collega Giacomo Rizzo e, da qualche tempo, Federica Conte

 

 

Sono nato a Torino domenica 28 Aprile 1963. Penso che sia importante il fatto che sia nato di domenica: tutti quelli che ho conosciuto e che sono nati di domenica, come mia figlia Martina, sono persone positive, solari, divertenti e simpatiche. Anche io, ovviamente, qualunque cosa voglia dire solare. Sono molto legato a Torino, città per cui nutro una specie di amore-odio. Amore per la città e la maggior parte dei suoi abitanti; odio per quei pochi che Torino riescono a rovinarla, facendola diventare una “metropoli” senza personalità. Ho iniziato a scrivere quasi per caso grazie a Mariano Rizzo, un geniale scrittore pugliese che mi onora della sua amicizia. Grazie a lui ho scoperto il piacere di inventare un mondo, metterci dei personaggi e farli vivere: una sensazione molto vicina all’atto di creazione. E sempre grazie a lui ho conosciuto nel 2007 Alberto Giachino, della Graphot Editore, che stava cercando storie gialle ambientate a Torino per una collana chiamata Dark Side.

Con loro ho pubblicato “Dove la notte inizia” nel 2009, e “Tabula rasa” nel 2011. Successivamente ho continuato in autonomia, pubblicando su Amazon, in versione elettronica, “Il vizio dell’odio”, “La casa senza ombra”, “Il vangelo di Anna” e “Il paradiso dei vigliacchi”; tutti ambientati a Torino o in Piemonte, tutti con gli stessi protagonisti principali: il commissario Polloni, della questura centrale, il suo amico e collega Giacomo Rizzo e, da qualche tempo, Federica Conte. Oltre ai tre protagonisti principali, ci sono altri personaggi che girano intorno a ogni puntata: la dottoressa Adele Crota, patologa; Silvio Marotta, amico da lunga data di Polloni ed esperto di informatica e tecnologia in genere; il professor Barovero, insegnante in pensione, e poi altri che variano di racconto in racconto, e che a volte mi diverto a ripescare. Tutti i miei personaggi nascono dalla vita reale, sia dai miei amici e conoscenti, sia da quanti sfiorano la mia vita anche solo per un breve istante. Se mi vedete in giro e vedete che vi sto osservando, non preoccupatevi: probabilmente sto pensando a come uccidervi. Meglio tenermi buono, e chiedermi un autografo o un selfie.

 

Mario Pippìa 

Una garanzia di lavoro per i giovani

in CULTURA E SPETTACOLI

GIOVANI CONSULTAI primi dati del progetto che ha lo scopo di intercettare un flusso di circa 17mila ragazzi l’anno

 

Durante la seduta congiunta delle Commissioni Cultura e Attività produttive, presiedute da Daniele Valle e Raffaele Gallo, si è parlato di “Garanzia Giovani”, progetto nato ad aprile 2014.L’assessore all’Istruzione e al Lavoro Gianna Pentenero ha illustrato i primi dati del progetto che ha lo scopo di intercettare un flusso di circa 17mila ragazzi l’anno (tra i 16 e i 22 anni) che, concluso il percorso di studi, non ha ancora un lavoro.

 

  • Più di 5mila ragazzi hanno utilizzato il servizio
  • Circa 3.500 assunti o in tirocinio
  • Altri 2.400 avviati a percorsi di formazione
  • 274 inseriti nel Servizio Civile nazionale

 

"Creme Caramel", fragranze, cosmesi e bijoux in Val Pellice

in CULTURA E SPETTACOLI

Un centinaio di fragranze, bijoux per tutti i gusti, profumatori per l’ambiente, saponi di Marsiglia, creme per il corpo, il tutto mantenendo le caratteristiche di qualità e ricercatezza

 

pelliceAttenzione a non lasciarsi ingannare dal nome, “Creme Caramel” non è una pasticceria, bensì un negozio in cui ogni donna ci troverebbe uno e più motivi per fare dello shopping di qualità. Nato quattro anni fa, con l’idea di offrire qualcosa di nuovo alla Val Pellice, Creme Caramel propone un vasto repertorio di profumi di nicchia, non trovabili nelle profumerie commerciali e un po’ di bijoux. Da questo progetto iniziale, il negozio ha pian piano preso una sua forma, arrivando, nel tempo, ad avere un centinaio di fragranze, bijoux per tutti i gusti, profumatori per l’ambiente, saponi di Marsiglia, creme per il corpo, il tutto mantenendo le caratteristiche di qualità e ricercatezza.pellice2

Oltre a tutto ciò, si possono trovare cosmetici del marchio Eva Garden e l’oggettistica regalo di Mathilde M. Tra i marchi più rinomati, Reminescence, Lorenzo Villoresi, Les Nereides, Ortigia, Fragonard, Exoal, Ottoman, per citarne alcuni. Non resta che dedicarsi del tempo per se stessi e passare un pomeriggio fuori porta, tra le fragranze e gli oggetti unici, dal tocco discreto ed elegante.   Creme Caramel si trova a Torre Pellice, in via Arneaud1.

Angela Barresi

 

L’Italia e gli italiani raccontati al Salone in due modi diversi

in CULTURA E SPETTACOLI

libro dantelibro paese

Uno è un libro molto serio, “Un paese ci vuole” (Longanesi), l’altro decisamente più scanzonato “Vite segrete dei grandi  scrittori italiani: tutto ciò che non vi hanno mai raccontato su di loro” (Electa); ma entrambi suggeriscono quanto l’odierna (tanto conclamata) rottamazione sia una  pessima idea, perché l’esperienza ha sempre qualcosa da insegnare

 

Se  non siete convinti,  ma un dubbio comunque vi tange, una bella spinta nella giusta direzione ve la da “Un paese ci vuole” (Longanesi): pamphlet antirottamazione della giornalista del “Fatto Quotidiano” Silvia Truzzi che ha raccolto le sue  interviste a 16 italiani importanti. E in epoca di roboanti (spesso vuoti) slogan sciorinati in 140 caratteri, questo libro scorre piacevolmente controtendenza. Qui si raccontano “i grandi vecchi” che (non solo  per l’autrice) hanno reso l’Italia migliore e la rappresentano…e buttali  via personaggi come Camilleri, Ceronetti, Magris, Citati,  Dacia Maraini,  Luciana Castellina e tutti gli altri.  16 personalità dai capelli  bianchi che riannodano fili del passato, commentano il  presente, azzardano pronostici  sul futuro. Certo, si parla di politica ma, più di tutto, risalta lo spessore intellettuale e umano dei protagonisti. A partire dal grandissimo “cuntatore” Andrea Camilleri, voce arrochita dalle tante Multifilter, che ricorda gli anni in Rai, parla di mafia, Sciascia e Mattei; Claudio Magris che dalle finestre del Caffè  S. Marco di Trieste vede un paese che va sempre peggio e constata amaramente che “il sapere non è più un valore”; Guido Ceronetti convinto che la politica sia una menzogna incarnata; il giornalista, scrittore e velista Piero Ottone che rinvanga quando licenziò (pentendosene) Montanelli; Giovanni  Sartori ripercorre i suoi gloriosi anni a Stanford, alla Columbia University , la conoscenza di Ronald Reagan e ricorda che forse è l’unico con cui la Fallaci non litigò mai, (anzi a New York preparava per lui ottimi  pranzetti); Pietro Citati che discetta amabilmente di Manzoni, Leopardi, letteratura russa e francese  per arrivare all’amicizia con Calvino, Pasolini e Fruttero. Poi, Luciana Castellina e Dacia Maraini, fatte di antica tempra e che in un sol boccone potrebbero mangiarsi le rampanti ministre di oggi. La prima, dirigente e militante comunista tutta d’un pezzo; la seconda che ricorda i genitori Fosco e Topazia,  l’infanzia a Kobe, l’amore e il legame indissolubile con  Moravia. C’è un filo, neanche  poi tanto  sottile, che lega questi grandi  saggi: l’analisi acuta e disincantata del rapporto tra passato e  presente.

 

Di tutt’altro tenore è “Vite segrete dei grandi scrittori italiani” (Electa) di Lorenzo Di  Giovanni e Tommaso Guaita. Dopo i volumi sulle vite di artisti e scrittori internazionali, qui a essere svelate  sono le storie  bizzarre e gli aneddoti più curiosi degli autori più celebrati sui banchi di scuola, spesso non amati, vissuti con noia e disinteresse. Ma scoprire che Macchiavelli sollazzava gli amici con storie sboccate e bazzicava i postriboli, o che il perfettino Dante, in gioventù,  stilava elenchi  delle fanciulle più procaci e scambiava insulti a suon di rime, sono  soddisfazioni che alzano immediatamente l’asticella del gradimento. E’ insomma una visione  più ampia delle  personalità  di  36 scrittori, e un modo divertente per apprendere, anche attraverso disegni (che sfiorano un po’ la caricatura) per es che: Pirandello aveva una moglie  inquietante che di notte si aggirava brandendo un coltello, Boccaccio rubava manoscritti e  preziosi codici dall’Abbazia di Montecassino, Manzoni invece era agorafobico e ossessionato dal cinguettio  degli uccelli … e le altre chicche scopritele voi.

 

 Laura Goria

Torino, la città del jazz

in CULTURA E SPETTACOLI

jazz musica

Locali storici, artisti internazionali, jam session estemporanee e rassegne decennali. E tutto ciò che ha trasformato il jazz nella colonna sonora di Torino

 

Un libro, scritto da Marco Basso, che ripercorre le tappe fondamentali della storia del jazz a Torino, ricordandone i protagonisti, i luoghi e le vicende più importanti. Un excursus costellato di aneddoti irripetibili, malinconici o divertenti, dei ricordi dei testimoni, delle immagini più belle. I nomi, le voci, i brani che hanno condizionato e arricchito la città negli ultimi cento anni. «Torino negli anni si identifica nel jazz innescando un feeling e un’affezione storica. Questo legame ha permesso alla città – ospitando concerti, rassegne e festival – di produrre l’humus che genera appassionati, collezionisti, musicisti di straordinaria levatura. Sono proprio loro, i cultori del jazz, che ne diventano poi i reali attori: questi, mentre fanno i lavori più disparati, dal notaio al direttore di banca, all’operaio, nel tempo libero ascoltano e suonano jazz. Ed è proprio il loro inesauribile entusiasmo che ha contribuito e contribuisce fortunatamente tuttora a mantenere il jazz vivo, nei locali, nelle piazze, nelle cantine. Il jazz è un modo di vivere, un virus benevolo che contagia tutto ciò con cui viene a contatto: è cultura, letteratura, pittura, e Torino ne rappresenta una delle più autentiche espressioni.»  Il libro verrà presentato mercoledì 20 maggio alle ore 18 alla Piazza dei Mestieri di Via Durandi.

 

Marco Basso nasce a Torino l’8 febbrai odel 1958. È felice di essere un acquario esoprattutto di fare nella vita le cose che ama, come occuparsi di musica e di arte figurativa. Giornalista musicale, laureato in lettere, conduttore radiofonico dall’alba delle «private» ai programmi storici di Radiorai (Stereodrome, Planet Rock, Stereonotte), insegna Storia dell’Arte. Idea e coordina Le Chiavi Della Musica, progetto di divulgazione musicale per le scuole superiori, per il quale scrive Orecchie: istruzioni per l’uso. Da anni scrive di musica sulle colonne della STAMPA.

 

 

PREFAZIONE DI ENRICO RAVA

 

 

 

 

Coordinamento No Zoo: una nuova petizione

in CULTURA E SPETTACOLI

zoo-torino

NESSUN ANIMALE, NEPPURE ACQUATICO, DOVRA’ ESSERE COINVOLTO NELLA RIQUALIFICA DI PARCO MICHELOTTI. PRESENTATA A PALAZZO CIVICO LA NUOVA PETIZIONE RIVOLTA AL SINDACO PIERO FASSINO

 

Riceviamo e pubblichiamo


In occasione della tribuna giornalistica che si è tenuta presso Palazzo Civico, ottenuta a seguito delle centinaia di firme raccolte in pochi giorni dal Coordinamento No Zoo, le associazioni animaliste e ambientaliste lanciano una nuova petizione sulla piattaforma Change.org dal titolo “No Zoo a Torino”. L’iniziativa questa volta è rivolta in particolare al Sindaco di Torino e al Presidente del Consiglio comunale.La nuova petizione, supportata dalla relazione specialistica dal titolo “Gli zoo, inutili e dannosi per gli animali”, illustrata in occasione della conferenza odierna dal dott. Enrico Moriconi, ribadisce le ragioni btecnico-scientifiche del dissenso delle associazioni animaliste e ambientaliste circa l’ipotesi di coinvolgere animali in cattività nell’ambito della futura destinazione del Parco Michelotti.”Non dovrà ricomparire alcun animale, né in gabbia, né dietro ad un recinto, né dentro ad un acquario o ad una teca, nella riqualificazione di Parco Michelotti” – dichiara Gualtiero Crovesio, Responsabile territoriale della LAV. Non sarebbe tollerabile, tantomeno nel luogo in cui il vecchio zoo era stato chiuso nel lontano 1987 e in cui nel frattempo si sono tenute due edizioni del VegFestival, neppure l’ipotesi di aprire esclusivamente uno spazio di promozione di zoo o bioparchi – conclude Crovesio”. Si ricorda inoltre che il progetto di valorizzazione del Parco è stato approvato senza il parere – obbligatorio ai sensi del Regolamento comunale tutela animali – della Consulta delle associazioni di volontariato animalista della Città di Torino.

 

 

LINK NUOVA PETIZIONE:

https://www.change.org/p/torino-animalisti-no-zoo-no-zoo-a-torino

 

 

I nostri NO e i nostri SI’

 

NO alla presenza di animali in cattività nel Parco e quindi NO alla loro sofferenza,

NO alla logica della privatizzazione del bene pubblico,

SI’ alla gestione del privato sotto convenzione che ne garantisca al meglio la pubblica fruizione, sotto controllo pubblico;

NO alla pregiudiziale della migliore offerta economica,

SI’ al miglior progetto sostenibile economicamente; reversibile, con possibilità di rivalsa da parte della Città qualora non correttamente realizzato e gestito;

SI’ all’abbattimento delle costruzioni precarie presenti per riportare a naturalità il luogo;

NO ad attività disparate di carattere commerciale, turistico, sportivo, senza garanzie per la fruizione pubblica dell’area nel suo complesso;

NO ad un bando ad personam in base a offerte già avanzate;

SI’ alla valenza didattica e ad attività protette per i bimbi.

 

Coordinamento No Zoo: LAV Lega Anti Vivisezione, Lega Nazionale per la Difesa del Cane, L.I.D.A – Lega Italiana dei Diritti dell’Animale, ProNatura Torino, S.O.S Gaia, Ecopolis, Molecola – Circolo Legambiente Torino, OIPA, Le Sfigatte, “Salviamo il Paesaggio, Difendiamo i Territori” – Comitato di Torino, Associazione META – sezione di Torino

Rotary, Inner Wheel e Rotaract a Librolandia

in CULTURA E SPETTACOLI

rotaryL’obiettivo della presenza è soprattutto quello di comunicare quanto il Rotary ha fatto, sta facendo e farà nella società, attraverso i tanti service organizzati dai club che incidono positivamente sulla qualità della vita di migliaia di persone

 

Per la prima volta al salone del libro di Torino sarà presente uno stand gestito dal Rotary, dall’Inner Wheel e dal Rotaract (le tre organizzazioni che hanno matrice rotariana) che intendono così manifestare anche al grande pubblico la loro identità e le loro realizzazioni a livello internazionale e locale. L’obiettivo della presenza è soprattutto quello di comunicare quanto il Rotary ha fatto, sta facendo e farà nella società, attraverso i tanti service organizzati dai club che incidono positivamente sulla qualità della vita di migliaia di persone. Si parla di un’associazione che nel mondo conta oltre 1 milione e 200 mila soci, è rappresentata con un seggio alle Nazioni Unite ed ha una storia che risale al 1905, quando l’americano Paul Harris la fondò nei dintorni di Chicago. L’Inner Wheel è un’associazione partner del Rotary, nata invece durante il secondo conflitto mondiale sempre negli Stati Uniti e come club esclusivamente femminile, per continuare le attività dei rotariani impegnati nello scontro bellico e servire la società civile in un momento di particolare difficoltà. Il Rotaract, infine, è un sodalizio di componenti tra i 18 ed i 30 anni, istituito in tutto il mondo nel 1968, anche in risposta al fermento sociale che si è vissuto in quegli anni.

 

Come in tutte le altre occasioni, sarà realizzato un importante progetto, denominato “Pinocchio”, grazie al quale saranno fornite decine di tablet a supporto dell’iniziativa “Scuola in ospedale”, che offre ai bambini ricoverati la possibilità di seguire corsi scolastici durante la loro degenza.

Oltre a questa importante iniziativa, lo stand illustrerà, con ampi pannelli ricchi di fotografie, 60 iniziative realizzate dai club del Piemonte sul territorio regionale ed all’estero. Fra queste degne di nota la cura della talassemia (che in pochi anni ha salvato la vita a decine di migliaia di bambini in Marocco), la realizzazione del microcredito (che ha consentito ad una trentina di piccoli imprenditori ed artigiani di avviare un’attività ea condizioni agevolate), il sostegno a MUSe (una ONLUS che aiuta i bambini immigrati ad inserirsi nelle scuola), il progetto “Guanti Rossi” (che aiuta i bambini sordi nell’apprendimento della scrittura e della lettura), il progetto “Abili per l’arte” (che consente ai non vedenti di scoprire i quadri esposti a Palazzo Madama).

 

Il Rotary inoltre organizzerà quattro conferenze nei locali del Salone, in cui presenterà alcuni libri significativi legati alla propria attività, mentre l’Inner Wheel organizzerà altre quattro conferenze presso l’Hotel Méridien. Allo stand saranno esposte decine di libri, sia di carattere “istituzionale” (la storia del Rotary e dell’Inner Wheel, le azioni a favore della collettività, ecc.), sia di carattere culturale (opere scritte da rotariani ed “innerine” che spaziano sui temi più vari, dalla storia all’arte, dalla finanza alla narrativa. Per quanto riguarda il 14 maggio, alle ore 13.30 presso la Sala Avorio, Bruno Gambarotta presenta il volume di fiabe tanzaniane “Tutukane”: un libro di grande impatto emotivo che fa scoprire la ricchezza culturale di un mondo ancora poco conosciuto. Alle ore 20.30, presso la Sala autori, Gianni Garrino presenterà il suo libro “Gli spiriti vaganti e l’uomo nuovo”, un volume che fa scoprire aspetti sconosciuti di Torino. Entrambi gli appuntamenti sono organizzati dal Rotary (insieme con Inner Wheel e Rotaract) che il giorno successivo continuerà con la presentazione di Simone Bruno del suo volume “Affiancare le famiglie fragili”, che illustra l’attività svolta da Paideia (ONLUS che si occupa di bambini affetti da problematiche psichiche) per aiutare i bimbi e le loro famiglie a vivere una vita il più possibile serena e “normale”. Il 18 maggio infine Paolo Gardino parlerà alle ore 11 del progetto “Il Rotary e la lotta alla talassemia”, un’iniziativa che, nel giro di pochi anni, ha salvato decine di migliaia di bambini malati, offrendo loro cure efficaci che garantiscono la possibilità di vivere serenamente con l’assistenza di personale specializzato. A seguire Ernesto Ramojno parlerà dell’azione della ONLUS “La scialuppa”, che offre assistenza ed aiuto finanziario alle vittime dell’usura.

 

Giovanni Vagnone

 

Le conferenze organizzate:

giovedì 14 maggio ore 13.30: Bruno Gambarotta presenta il libro di fiabe TUTUKANE (Sala Avorio);

giovedì 14 maggio ore 20.30: Gianni Garrino presenta “Gli spiriti vaganti e l’uomo nuovo” (Sala Autori);

venerdì 15 maggio ore 14.30: Luisa Vinciguerra presenta “Lo spirito dell’Inner Wheel” (Hotel Méridien);

venerdì 15 maggio ore 15.30: Silvia Bader presenta “Costanza d’Altavilla” (Hotel Méridien);

venerdì 15 maggio ore 17.30: Anna Maria Calciati presenta “Le donne nella letteratura tedesca” (Hotel Méridien);

lunedì 18 maggio ore 11.00: Ernesto Ramojno presenta “Come combattere l’usura” e Paolo Gardino  presenta “Il Rotary costruisce un ponte sul Mediterraneo”.

Da qui si Torna su