Category archive

CULTURA E SPETTACOLI - page 306

Aree giochi anche per i bimbi disabili

in CULTURA E SPETTACOLI

parco giochi

Una mozione approvata all’unanimità dal consiglio comunale di Torino

 

Un passo in avanti degno di una città civile, questo è il risultato della mozione approvata all’unanimità dal consiglio comunale di Torino su impulso di Laura Onofri. Il documento impegna a Città a rendere accessibili le aree giochi ai bambini ed alle bambine che hanno disabilità e, al tempo stesso, rendere accessibili quelle che già esistono, man mano che si effettuano interventi di sistemazione. Il “parlamento” torinese ha, poi, approvato anche un emendamento di Vittorio Bertola che chiede di progettare questi interventi in collaborazione con famiglie e associazioni di disabili.

 

Massimo Iaretti

Un giorno contro i test sulle cavie

in CULTURA E SPETTACOLI

topo

Animali da laboratorio, la giornata per sconfiggere la vivisezione

 

Il 24 aprile è la Giornata mondiale degli animali da laboratorio, evento lanciato in Inghilterra nel 1979 e poi riconosciuto dalle Nazioni Unite. In occasione del World day for laboratory animals, le associazioni animaliste rinnovano la loro richiesta di abilire i test su esseri viventi. Secondo gli organizzatori, ogni anno oltre 115 milioni di animali muoiono durante la ricerca scientifica. Di questi, 26 milioni negli Usa e 12 milioni in Europa. Si tratta di roditori, cani, suini, pesci, anfibi, uccelli e scimmie. La Giornata in difesa degli animali da laboratorio è nata su iniziativa della National anti-vivisection society di Londra e successivamente l’Onu l’ha riconosciuta. Il 24 aprile le associazioni animaliste di tutto il mondo celebrano l’appuntamento, chiedendo la fine di tutte le pratiche di vivisezione durante test scientifici, medici e militari. In programma in tutto il mondo eventi, proteste, manifestazioni, raduni, convegni ed eventi stampa contro l’uso degli animali nella ricerca.

 

http://www.nelcuore.org/focus/item/animali-da-laboratorio-giornata-mondiale-per-chiedere-lo-stop-ai-test.html

A Torino si legge in battello sul Po

in CULTURA E SPETTACOLI

murazzi battello

La Biblioteca della Regione aderisce all’edizione de Il maggio dei libri dedicata al tema Leggere fa crescere

 

Maggio per riscoprire il piacere di leggere. La Biblioteca della Regione, aderisce alla quinta edizione de Il maggio dei libri, l’iniziativa per promuovere la lettura sostenuta dal Ministero per i Beni e le attività culturali e dal Centro per il libro e la lettura, dedicata al tema Leggere fa crescere. Il battello dei libri propone la presentazione di alcuni volumi di editori piemontesi su un battello in navigazione lungo il Po alla presenza dell’autore e di una coppia di attori della Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani che leggono alcuni brani del testo. Si prevede una corsa giornaliera di un’ora alle 15.30, con partenza e arrivo ai Murazzi del Po, in corso Cairoli, all’altezza del monumento a Garibaldi, nei giorni dal 27 al 30 aprile e dal 4 al 7 maggio.. La partecipazione è gratuita fino ad esaurimento dei posti e la prenotazione obbligatoria al numero 011/57.57.392. Il maggio dei Libri è una iniziativa che, attraverso il coinvolgimento di soggetti pubblici e privati, vuole favorire e stimolare l’abitudine alla lettura, considerata elemento chiave della crescita personale, culturale e sociale.

 

Link : http://www.cr.piemonte.it/cms/comunicati/2015/aprile/3334-a-torino-si-legge-in-battello-sul-po.html

 

(Foto: il Torinese)

Punt e Po. Una nuova ricetta per le arti e il design

in CULTURA E SPETTACOLI

PUNT E PO

Punt e Po si prepara ad affrontare la prima inaugurazione in città, ospitata dal centralissimo locale Bazaaar, in via Stampatori a Torino, a partire da lunedì 27 aprile fino al 1 maggio

 

 

Prendete due giovani laureate allo IAAD – Istituto di Arti Applicate e Design di Torino -, un intento comune e due vissuti diversi che giocano a confrontarsi e completarsi. Uno radicato con affetto nella città natale, con un occhio curioso sempre pronto a scappare oltreconfine, l’altro fatto di luoghi, stili e abitudini diverse che hanno contribuito a far crescere non solo in altezza, ma soprattutto in attenzione ai particolari. Mescolate la specializzazione, l’attualità e la consapevolezza con cui vivono la loro passione per il Design. Unite una determinazione più forte della crisi, spauracchio e parafulmini dei giorni nostri. Aggiungete molto impegno, un pizzico di ottimismo e tenacia, lasciate lievitare la creatività ed avrete un piccolo assaggio di cos’è Punt e Po.

 

Non a caso si vuole suggerire l’idea di “assaporare” Punt e Po, perché l’invito a conoscere Camille e Marcella – ingredienti segreti di questa ricetta – è proprio per quando la giornata lavorativa volge al termine, quando finalmente è possibile staccare la spina, godersi il proprio tempo libero e rilassarsi, magari con un bicchiere in mano. Insomma, proprio durante l’Aperitipo, ovvero un aperitivo studiato da Punt e Po in linea con ogni nuovo evento che le due designer proporranno al loro pubblico, per stimolare ogni volta nuovi gusti e quindi nuovi incontri, presentazioni, progetti ed idee.

 

PUNT E PO 2Facendosi tramite tra location più o meno note di Torino – città scelta per cominciare questo percorso – e giovani designer ed artisti emergenti, l’intento di Punt e Po è quello di creare un evento su misura per i committenti. Un’occasione per presentare al meglio i lavori ed i progetti, gli spazi e le visioni, di quello che è un settore sempre più innovativo e di ampio respiro, dove non contano tanto l’età e l’esperienza, quanto la creatività e i nuovi punti di vista.

 

Dopo l’inaugurazione ufficiale in occasione del Fuori Salone di Milano, presso il Design Center Ex Ansaldo spazio B, Punt e Po si prepara ad affrontare la prima inaugurazione in città, ospitata dal centralissimo locale Bazaaar, in via Stampatori a Torino, a partire da lunedì 27 aprile fino al 1 maggio. Una settimana ricca di proposte tutte da scoprire sul sito e le pagine social di Punt e Po e di Bazaaar, con protagonisti il marchio venezuelano Espectro e il laboratorio torinese Elo ceramica. Un assaggio del programma e dei designer in mostra? Se amate gli unicorni, non potete mancare.

 

 

 Benedetta Bodo di Albaretto

 

INFO

 

Where Design things are

Bazaaar  – Via Stampatori angolo Via Santa Maria, Torino

www.bazaaar.it

 

evento curato da Punt e Po

Camille Brito Reale      +39 3920123089                camille@puntepo.com

Marcella Bodo                      +39 3403759239                marcella@puntepo.com

www.puntepo.com ; @puntepo

La specificità montana del VCO è legge

in CULTURA E SPETTACOLI

domodossola

Forme particolari di autonomia verranno definite nell’ambito della legge regionale

 

La specificità montana del Verbano-Cusio-Ossola è diventata legge: la I Commissione del Consiglio regionale ha approvato il 16 aprile in sede legislativa il provvedimento proposto dalla Giunta per riconoscere questo status particolare in considerazione del suo territorio interamente montano e confinante con Paesi stranieri. Il provvedimento riconosce al VCO forme particolari di autonomia, che verranno definite nell’ambito della legge regionale che riordina funzioni e competenze delle Province e della Città metropolitana, in discussione nelle prossime settimane. Per il vicepresidente del Piemonte, Aldo Reschigna, “è un passo molto importante che consegna al VCO opportunità interessanti, a partire dalla gestione del personale attuale, e nuove forme di autonomia che aiuteranno lo sviluppo delle sue potenzialità socio-economiche”.

 

(www.regione.piemonte.it)

Promozione sociale per anziani

in CULTURA E SPETTACOLI

anzianiAuser è un´Associazione di volontariato e di promozione sociale presente su tutto il territorio nazionale

 

Auser intende valorizzare gli anziani e a far crescere il loro ruolo attivo nella società. Attraverso le proprie attività si propone di contrastare ogni forma di esclusione sociale, migliorare la qualità della vita, diffondere la cultura e la pratica della solidarietà perché ogni età abbia rispettati i propri valori e ogni persona abbia un progetto di vita possibile attraverso il quale affermarsi e diventare una risorsa per sè e per gli altri.
La spinta alla costituzione di Auser deriva dalla necessità condivisa di contrastare il fenomeno dell´emarginazione sociale che investe in particolare le persone anziane che spesso vivono sole. Di conseguenza l´Associazione, pur aperta all´adesione di tutti coloro (anziani e non) che vogliono valorizzare potenzialità umane e di relazione, raccoglie soprattutto persone anziane e, nella maggioranza, non più attive dal punto di vista professionale.
L´impegno dell´Associazione consiste nel cercare risposte alle richieste e ai desideri provenienti dalla fascia di popolazione appartenente alla cosiddetta “terza età”, nella prospettiva di innalzare il livello della qualità di vita dell´intera cittadinanza e nel rispetto di una domanda spesso debole e inespressa.
Nata come Associazione particolarmente attenta alle problematiche e alle esigenze della terza età, Auser sviluppa altresì numerosi progetti dedicati alla memoria e al rapporto intergenerazionale; alimentare e stimolare il contatto tra i giovani e gli anziani resta infatti uno degli obiettivi principali dell’Associazione al fine di promuovere la cultura della solidarietà e del volontariato anche tra le nuove generazioni.
La Carta dei Valori Associativi è il documento, comune ed imprescindibile, a cui fa riferimento il “modus operandi” dell´Associazione su tutto il territorio nazionale. In Piemonte, Auser conta più di 16.000 soci e oltre 3.100 volontari attivi. È presente in tutte le otto province della regione e ha oltre 70 sedi operanti sul territorio. 
Il Centro Auser Volontariato Provinciale di Torinogestisce e coordina le numerose sedi Auser a Torino e in  Provincia  che operano nel settore del volontariato, promuove le sue attività per la lotta all´emarginazione sociale in accordo con gli enti locali, i consorzi socio-assistenziali e le altre associazioni di volontariato.
Il Filo d’Argento:  l´assistenza telefonica dedicata agli anziani, la compagnia a persone sole 
Pony della solidarietà:  la gioventù al servizio degli anziani, l’accompagnamento per commissioni, visite mediche, terapie riabilitative, sono solo alcune delle attività svolte dai volontari Auser.
Il Centro Auser Insieme Provinciale di Torino opera nel campo della promozione sociale; attraverso le numerose sedi a Torino e in Provincia, promuove attività di turismo con l´organizzazione di gite, soggiorni estivi e invernali, opera nel campo della cultura e dell´educazione agli adulti attraverso la realizzazione di corsi, seminari e convegni, propone, attraverso le sue sedi territoriali e i suoi circoli, attività ricreative e di socializzazione.
Tutti i tesserati Auser possono partecipare alle attività dell’Associazione sia nel campo del volontariato sia in quello di promozione sociale.

 

 

Largo alle idee giovani: un "manifesto" per le Start Up

in CULTURA E SPETTACOLI

GIOVANI STARTUP

L’obiettivo è raccogliere idee e linee di indirizzo per una legge regionale elaborata dai giovani startuppers, al fine di trasformare il Piemonte in un polo attrattivo per la nuova imprenditoria delle idee

 

Il “Manifesto delle Start Up”, progetto delle associazioni e degli enti iscritti alla Consulta regionale dei Giovani è stato presentato oggi al Politecnico di Torino. L’obiettivo è raccogliere idee e linee di indirizzo per una legge regionale elaborata dai giovani startuppers, al fine di trasformare il Piemonte in un polo attrattivo per la nuova imprenditoria delle idee. Alla presentazione, dopo il saluto del rettore del Politecnico, Marco Gilli, alcuni ideatori di startup hanno raccontato la propria “storia”. L’esperienza degli incubatori di impresa è stata invece rappresentata da Marco Cantamessa e Silvio Aime, presidenti rispettivamente degli incubatori I3P del Politecnico e 2I3T dell’Università di Torino. “Le esperienze di chi ha avviato una Start Up – commentano il presidente della Consulta Giovani, Alessandro Benvenuto e il vicepresidente Alberto Saluzzo, che ha moderato il dibattito – rappresentano un valido modello da seguire per favorire lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile. L’incontro di oggi è riuscito ad evidenziare in particolare il patrimonio di intelligenza e capacità di giovani che sono stati in grado di superare le difficoltà incontrate, fino a realizzare la propria idea trasformandola in una vera azienda”. All’incontro sono inoltre intervenuti l’assessore regionale alle Attività produttive Giuseppina De Santis e il presidente della Commissione Lavoro del Consiglio regionale, Raffaele Gallo.

(fmalagnino -www.cr.piemonte.it)

Pepi, show room per cani e gatti

in CULTURA E SPETTACOLI

pepi2

pepi4pepi1Un luogo dove ci si lascia tentare dalle numerosissime proposte e dai diversi stili, per soddisfare pienamente sia chi adora far indossare al proprio piccolo dei pezzi grintosi e moderni, ma anche chi predilige modelli classici ed english style

 

In inverno oramai inoltrato il freddo imperversa in città e anche i nostri amatissimi quattrozampe avvertono sensibilmente le rigide temperature. Per non rischiare l’incombenza di fastidiosissimi malanni che potrebbero colpire nel breve o anche nel lungo periodo cani e gatti che si espongono a gelo e intemperie senza nessuna protezione, e’ bene equipaggiarsi con tutto il necessario per preservare il loro benessere  al meglio. 

 

In città sono moltissimi i pet shop dove poter acquistare cappottini, impermeabili e scarpette da utilizzare specialmente per le passeggiate in montagna o su strade ghiacciate, ma se avete voglia di regalare una coccola in più al vostro adorate cane  e viziarlo con un maglioncino o accessorio di tendenza e gran pregio a prezzi assolutamente competitivi, il consiglio e’ quello di recarvi presso lo show room Pepi, in via Crea 23 a Torino.

 

Un luogo dove ci si lascia tentare dalle numerosissime proposte e dai diversi stili, per soddisfare pienamente sia chi adora far indossare al proprio piccolo dei pezzi grintosi e moderni, ma anche chi predilige modelli classici ed english style e poi cucce , trasportini e pettorine invogliano l’acquisto anche di chi e’ già super attrezzato. Un ambiente confortevole per trascorrere piacevoli momenti in compagnia del vostro “piccolino” e scaldare il suo inverno con praticita’ ed eleganza.

 

Si riceve su appuntamento chiamando lo 01119815182 o contattando l’indirizzo mail info@pepipet.com. 
Pepi pet clothing, via Crea 23, Torino

 

Clelia Ventimiglia

L'ingegnere che racconta la Storia ai bambini

in CULTURA E SPETTACOLI

Libro bambini 2

Da anni vive e lavora in America. Al momento potete leggerlo su Amazon; ma il suo sogno sarebbe vederlo trasformato in volume, esposto nelle librerie dell’italico stivale così da istruire –divertendo- anche i bimbi nostrani

 

 

A.A editore cercasi per tradurre e pubblicare in Italia “Of brains & beauty” il libro che racconta personaggi e avvenimenti storici ai bambini (tra 9- 11 anni), scritto in lingua inglese dall’ingegnere piemontese Roberto Noce che ha esportato l’ingegno subalpino e da anni vive e lavora in America. Al momento potete leggerlo su Amazon; ma il suo sogno sarebbe vederlo trasformato in volume, esposto nelle librerie dell’italico stivale così da istruire –divertendo- anche i bimbi nostrani.

 

Nell’introduzione c’è il senso del suo lavoro: “Ogni sera prima di andare a dormire, quando tutto è tranquillo, un papà legge alla sua bimba una storia e, dal magico mondo della fantasia, personaggi, luoghi fiabeschi e incantati, prendono vita, uno alla volta, capitolo dopo capitolo”.

Poi, via alla piacevole scoperta delle straordinarie vite di Mozart, Elisabetta 1° d’Inghilterra, Shakespeare, Socrate, Galileo Galilei, ma anche Marie Curie e Rita Levi Montalcini. Ecco solo alcuni dei tanti personaggi magnificamente illustrati da Cathy Dougherty e raccontati, con semplicità ed incanto, da Roberto Noce.

 

Originario di Biella, studi classici al Real Collegio Carlo Alberto di Moncalieri, questo ingegnere poliglotta, vive negli Usa dall’83 ed è lì che ha costruito vita e carriera: laurea in ingegneria e master alla Notre Dame University dell’Indiana e alla Texas A&M University. Come gli hanno offerto un lavoro è rimasto oltreoceano ed oggi vanta una lunga esperienza aziendale-imprenditoriale nel Gruppo Saipem-Eni; inoltre, part-time, è anche “life and career coach”. Vive a Fulshear, (piccolo paese fuori  Houston,Texas); ha una figlia di 10 anni che adora e segue con grande  premura e divertimento; ama cucinare, andare a vela e giocare a tennis. Poi c’è la passione che l’ha portato a scrivere 4 libri in prosa e uno di poesia, nell’arco di 4 anni (tutti self  published su Amazon) e lui la racconta così: «La lettura è uno strumento straordinario che unisce adulti e bambini ed arricchisce il tempo trascorso insieme, creando un luogo e  un momento nel tempo in cui è possibile incontrare chiunque e viaggiare ovunque».

 

-Quindi non semplici fiabe?

«Direi proprio di no. Sono storie vere per imparare divertendosi. L’idea sarebbe quella di educare i più piccoli, spingerli e invogliarli ad essere più curiosi verso altri popoli, personaggi e luoghi».

 

-Quando scrivi a chi pensi?

«A genitori, nonni e insegnanti che possono condividere con i bambini spazi di lettura. Episodi realmente accaduti, personaggi storici dalle menti brillanti e luoghi  storici accomunati  tutti da una potente forza ispiratrice».

 

-“Of brains & beauty” com’è strutturato e come sono stati scelti i protagonisti?

«Sono 9 capitoli, ognuno guidato da un diverso personaggio storico. Ho cercato di bilanciare protagonisti maschili e femminili, scelti, in parte, in base al mio interesse personale; puntando su coloro che hanno contribuito alla civiltà in epoca pre-moderna e  moderna. Poi ho voluto confrontarli e metterli in parallelo a luoghi altrettanto importanti in cui hanno trascorso le loro vite».

 

-Quanto è difficile istruire divertendo?

«La parte più complessa  è contenere la lunghezza delle storie, per mantenere viva l’attenzione dei bambini. In base ai miei interessi e alle mie curiosità avrei scritto molto di più. Sul versante della prosa, invece, dato che i testi sono in inglese, è stato più semplice mantenermi al livello dei  bambini».

 

-Negli Usa che peso ha la letteratura per i più piccoli?

«Nelle scuole sono incoraggiati a leggere moltissimo, soprattutto i classici e i romanzi adatti alle varie età. Ma non ho ancora trovato altri libri che raccontino personaggi famosi e il loro contributo all’umanità e al mondo».

 

-Quindi tu occupi una nuova nicchia?

«E’ proprio questo vuoto che mi ha spinto a scrivere in particolare “Of brains & beauty”: un libro educativo per i più piccoli, che parla di personaggi, luoghi, autori e avvenimenti, facendogli imparare grandi pagine di storia e divertendoli allo stesso tempo».

 

-Gli altri tuoi libri?

«In tutto ho pubblicato 4 testi di prosa e uno di poesia, ispirato a momenti speciali con mia figlia. Il penultimo è un libro di avventure: protagonisti 2 bambini e il loro cane lanciati nell’esplorazione del mondo».

 

-Tu hai una figlia di 10 anni: quanto è la tua musa?

«Ha un ruolo fondamentale: mi ispira, a lei dedico ogni volta i miei libri e ne è orgogliosa. Ho seguito da vicino i suoi studi, ha sempre letto moltissimo fin da quando era piccola ed insieme abbiamo scelto i personaggi  dell’ultimo libro».

 

-Quali ti ha suggerito?

«Mozart, La Regina Elisabetta e Shakespeare. Poi ha scelto anche la protagonista che è un po’il filo conduttore del libro, Lola. Mentre nei libri precedenti ha pensato anche ad amici e amiche».

 

– Sei anche “life and career coach”: in cosa consiste e quanto è diffuso in America?

«Aiuto gli altri a trovare e seguire le loro passioni. E’ un’attività  che svolgo  in parallelo  con  quella di ingegnere. Dapprima ho  lavorato su me stesso ed ora sono in grado di aiutare gli altri a scoprire i loro interessi e a trovare strategie e modi per seguirli e fare di tutto per trasformarli da sogno in realtà».

 

Laura Goria

 

Gli altri libri di Roberto Noce su Amazon.com, sono:

 

poesia- “Of rainbows and stars”

 

prosa-   “Of Backpacks and adventures”

             “Upon a reading night”

             “Upin a reading night 2”

 

 

 

 

Jacopo Scano, crowfunding per un corto

in CULTURA E SPETTACOLI

scano

Il film è girato interamente a Torino


Il giovane regista Jacopo Scano ha  promosso una  campagna crowdfunding per il suo ultimo cortometraggio “Stealing reality – Il ladro di realtà”. “Come tutti i miei corti finora – spiega Scano – è girato interamente a Torino (Parco del Valentino e anche Grand Hotel Sitea) e vuole coglierne la bellezza”. Il crowdfunding è una raccolta fondi finalizzata a permettere al corto di essere iscritto a diversi festival esteri con alte tasse d’iscrizione, e si basa sulle piccole offerte di tante persone, quindi la visibilità è tutto. Un augurio di successo al bravo e giovane regista.

 

 https://www.facebook.com/jacopo.scano.1

 

Da qui si Torna su