Category archive

BREVI DI CRONACA - page 476

Tenta di rapinare anziano in carrozzella ma lui lo fa scappare

in BREVI DI CRONACA

polizia ormeaL’aggressore aveva  stretto con un braccio il collo dell’anziano

Ha aggredito un disabile in sedia a rotelle tentando di rapinarlo. Le  grida della vittima hanno fatto fuggire e arrestare dalla polizia  un marocchino di 32 anni. L’aggressore aveva  stretto con un braccio il collo dell’anziano, cercando di sfilargli il portafoglio. Il fratello della vittima ha inseguito il malvivente e ha dato alle volanti le indicazioni per fermarlo. L’episodio è avvenuto in Barriera di Milano.

 
(Foto: il Torinese)

Per sfuggire alle fiamme 75enne cade dal balcone

in BREVI DI CRONACA

vigili fuoco 1E’ successo la sera di Pasqua nella  frazione Casabianca di Verolengo

Per salvarsi da un incendio è scappato scivolando dal balcone di casa. E’ successo la sera di Pasqua nella  frazione Casabianca di Verolengo. Un pensionato di 75 anni è  così rimasto ferito in ma in modo non grave. Cadendo da alcuni metri ha battuto la testa. Il fuoco ha bruciato il tetto e sono dovute intervenire cinque squadre dei vigili del fuoco. Probabilmente le fiamme sono divampate a causa del malfunzionamento della canna fumaria.

Scontro fra auto, sei feriti di cui due gravi

in BREVI DI CRONACA

AMBULANZAIn gravi condizioni un senegalese di 55 anni alla guida di una Fiat Punto che si è ribaltata, e un marocchino 

Sei feriti tra i quali due in prognosi riservata, in un incidente stradale avvenuto questa mattina fra corso Potenza e via Pianezza, nel quartiere Lucento. In gravi condizioni un senegalese di 55 anni alla guida di una Fiat Punto che si è ribaltata, e un marocchino a bordo con lui insieme ad altri tre connazionali, che sono rimasti feriti leggermente. Sono intervenuti vigili del fuoco per estrarli dall’auto. Tra i feriti un italiano di 31 anni, che guidava una Y1 ed è stato dimesso dal pronto soccorso. L’italiano ventiseienne che guidava un’altra vettura coinvolta, una Mercedes, è rimasto quasi illeso. Tutti i conducenti dei veicoli coinvolti sono risultati negativi al pretest sul consumo di bevande alcoliche.

 
(Foto: archivio il Torinese)

Una discarica abusiva con 200 tonnellate di rifiuti

in BREVI DI CRONACA

carabinieri xxIl titolare, un torinese di 60 anni, è stato denunciato

Il Nucleo Operativo Ecologico (Noe) dei carabinieri di Torino ha sequestrato un capannone di 1.700 metri quadrati al cui interno erano stoccate oltre 200 tonnellate di rifiuti. Il titolare, un torinese di 60 anni, è stato denunciato per gestione illecita di rifiuti e attività di gestione dei rifiuti e l’area è stata posta sotto sequestro. Nel capannone ubicato alla periferia di Torino, in zona Vallette, erano presenti macerie, plastica, autovetture, mobil, filtri dell’ olio e  rifiuti  pericolosi.

No Tav, è ancora tensione con la polizia

in BREVI DI CRONACA

no tav notteUna cinquantina gli attivisti che, partendo da Giaglione, hanno lanciato petardi contro i poliziotti

Ancora alta tensione nella notte tra manifestanti No Tav e forze dell’ordine nei pressi del cantiere della Torino-Lione, a Chiomonte. Una cinquantina gli attivisti che, partendo da Giaglione, hanno lanciato petardi contro i poliziotti, che hanno risposto con l’uso di lacrimogeni. In Val Di Susa sono in programma iniziative No Tav durante le festività pasquali.

Casa in fiamme, due anziani salvati

in BREVI DI CRONACA

incendioQuattro squadre dei vigili del fuoco e i carabinieri li hanno aiutati 

A Nichelino  momenti di paura per una coppia di sessantacinquenni che abitano in una villetta bifamiliare dove il loro alloggio è andato a fuoco per cause accidentali. Quattro squadre dei vigili del fuoco e i carabinieri li hanno aiutati a salvarsi. I due hanno respirato  fumo ma non hanno avuto bisogno di cure. Il tetto dell’edificio è stato distrutto dal fuoco e sono in corso verifiche sulla stabilità della villetta.

Chieri verso il Controllo del Vicinato

in BREVI DI CRONACA

chieri controllo rafferoNella Borgata Canarone negli ultimi otto mesi, si sono registrati ben 17 tra furti e tentativi di furto, a Madonna della Scala, dal gennaio 2015 si sono avuti 25 furti e 20 tentativi e anche le altre borgate hanno comunque questi problemi

Il Comune di Chieri è seriamente intenzionato a promuovere ed adottare il sistema del Controllo del vicinato quale elemento di un piano di sicurezza partecipata. E’ quanto emerso dall’incontro che si è svolto in settimana in Sala Conceria, promosso dall’Associazione Controllo del Vicinati e dall’amministrazione comunale chierese, soprattutto con le parole del sindaco Claudio Martano. L’argomento –  “Chieri Sicuro – Il migliore antifurto è il tuo vicino” è stato moderato dall’assessore comunale alla partecipazione e comunicazione Ferdinando Massucco, che ha chiesto ai rappresentanti dei vari rioni e borgate (dove il problema dei furti e delle truffe agli anziani è maggiormente sentito) di esporre la situazione della realtà in cui vivono. Così è risultato che nella Borgata Canarone negli ultimi otto mesi, si sono registrati ben 17 tra furti e tentativi di furto, a Madonna della Scala, dal gennaio 2015 si sono avuti 25 furti e 20 tentativi e anche le altre borgate hanno comunque questi problemi. In queste due realtà, poi, sono attivi collegamenti di allerta tra i cittadini attraverso sistemi come whats app. Poi la parola è passata prima al referente regionale dell’Associazione Controllo del Vicinato, Massimo Iaretti che ha sottolineato l’importanza della coesione sociale nel fare fronte ai fenomeni, il fatto che necessitano della massima collaborazione e comunicazione con le forze dell’ordine e non sono affatto da assimilare alle ronde. “Noi stiamo alle ronde, come Cristo all’anticristo” ha detto Iaretti, passando la palla a Ferdinando Raffero, referente per la Città Metropolitana di Torino che, grazie al supporto di slides, si è soffermato sull’organizzazione del controllo del vicinato. Infine è seguito un breve dbattito con alcuni contributi locali, e la comunicazione del sindaco Martano dell’intenzione di proseguire sulla strada tracciata del Cdv.In sala erano presenti anche il comandante della compagnia carabinieri di Chieri, capitano Formichella, il comandante della locale stazione dell’Arma ed il comandante della polizia locale.

PG Minazzi

Sicurezza nel territorio metropolitano, ne parla l'Anci

in BREVI DI CRONACA

BANDIERA CARABINIERIUn doppio appuntamento, il 29 marzo a Ciriè, alle ore 18.30 nella sala consigliare del Comune ed il 30, alle 21, nella sala del Teatro Sandro Pertini ad Orbassano

Sicurezza è una parola chiave non soltanto nella città di Torino ma anche sull’intero territorio metropolitano e nella regione. L’argomento è stato all’ordine del giorno dell’ultima riunione dell’ufficio di presidenza dell’Anci piemontese che si è svolto proprio a Torino. Così è in arrivo un doppio appuntamento, il 29 marzo a Ciriè, alle ore 18.30 nella sala consigliare del Comune ed il 30, alle 21, nella sala del Teatro Sandro Pertini ad Orbassano. Sicurezza a partire dal disegno di legge su “Norme per la sicurezza urbana, per la legalità e la sicurezza dei territori” saranno al centro degli interventi del responsabile nazionale Anci per la materia, Antonio Ragonese, del sostituto procuratore torinese, Antonio Padalino e dell’avvocato Sergio Beretta, oltre che dei due vice presidenti Anci Piemonte, Alberto Avetta e Maurizio Piazza. Ad aprire i lavori sarà un video messaggio del presidente nazionale Anci e sindaco di Torino, Piero Fassino.

(foto: il Torinese)

Massimo Iaretti

Autista francese guida bus per 10 ore, multato. Riflessioni dopo la tragedia in Spagna

in BREVI DI CRONACA

serena 9Un bus francese, con a bordo 61 persone è stato fermato dalla polizia municipale nel centro di Torino. Esaminando il cronotachigrafo è emerso che l’autista di 36 anni era alla guida da 10 ore e 41 minuti: il limite massimo previsto dalle norme è di 9 ore. Il mezzo è stato così messo sotto sequestro, e  l’uomo è stato multato di 300 euro,  sanzione anche alla compagnia proprietaria del veicolo. I turisti, che stavano tornando in Francia dopo un viaggio in Italia, hanno dovuto aspettare un altro autobus. La vicenda fa pensare alla tragedia avvenuta in spagna dove hanno trovato la morte tante ragazze di Erasmus tra le quali la torinese Serena Saracino (nella foto, i funerali alla Gran Madre). Vi riproponiamo i commenti dei nostri “likers” di Facebook alla lettera (ripubblicata qui sotto)  inviataci da un lettore, che trattava proprio il tema della sicurezza stradale legata all’orario di guida degli autisti di bus.

E sulla tangenziale di Torino?

Un lettore ci scrive
bus spagna

Egregio Direttore,

la tragedia in Spagna con 13 ragazze morte mi porta a ragionare sull’età  degli autisti di autobus, che dovrebbero passare ad altre mansioni  quando raggiungono una certa età. Ma mi fa pensare anche alla velocità  sulle strade e autostrade di bus e mezzi pesanti.  Se in Spagna  l’autista si è addormentato, e l’autobus ha urtato a destra, poi è  finito dall’altra parte della doppia corsia di transito investendo  un’auto, significa che la sua velocità era abbastanza sostenuta, e  difficile da controllare.  Tutto questo mi porta a ragionare sulla  Tangenziale “mattatoio”  di Torino, dove NESSUNO controlla la velocità  di Tir, mezzi pesanti e autobus, che possono creare incidenti con morti  e feriti.  Dobbiamo attendere qualche grande “massacro” per vedere i  limiti ridotti, e controlli con telecamere?  Le Autorità competenti  hanno l’obbligo di intervenire sul problema della SICUREZZA STRADALE  senza attendere nuovi incidenti , o le giustificazioni e rapporti di  ATIVA e POLSTRADA!!

Marbert

Enrico Marras
 se non ci fossero furbi che quando c è coda viaggiano in corsia di emergenza,ci sarebbero molti meno incidenti ,io grazie alla telecamera montata sul mezzo sono gia riuscito a dimostrare che moltissimi incidenti che per dinamica possano sembrare del camionista,invece grazie a questa piccola tecnologica si rilevano tutt’altro…. Noi siamo grossi e difficili da fermare,imparate con le macchine a non fare manovre da idioti e magari molti incidenti si eviterebbero…

Pamela Spanu
Pamela Spanu Questo è vero !!!! 
Ma quanti camionisti rispettano i limiti di velocità ????….. Rari e pochi….

Enrico Marras
Enrico Marras I nostri mezzi ormai fanno quasi tutti,tolto qualche fenomeno gli 85, che sulle tangenziali e consentito

Enrico Marras
Enrico Marras Il nostro limite e 85 chilometri orari e sulle tangenziali è consentito

Pamela Spanu
Pamela Spanu Buona idea quella del video…..

Pietro Salerno
Pietro Salerno Però se si moltiplica il peso di un TIR a pieno carico ( 500-600 QL circa se non sbaglio) x 85 km orari viene fuori una potenziale catastrofe in caso di incidente su una tangenziale nelle ore di punta, spero vadano più piano in questi casi.

Enrico Marras
Enrico Marras Se si evitassero manovre delle vetture assurde,come sorpassare in prossimità del uscita,per poi tagliarci la strada per uscire e metterci in condizione di effettuare frenate assurde
Scrivi una risposta…
 
Annalisa Francescon
Annalisa Francescon Sulla tangenziale di Torino la gente corre troppo fa le luci per sorpassati è distratta e i cellulari!!!!come si fa a guidare mandando messaggi quindi non è la strada che non funziona ma chi guida alla sera comunque spesso ci sono lunghe code

Federica Sgavetti
Federica Sgavetti Ma io invece mi domando in altra cosa: sui pullman non sono obbligatorie le cinture? Dovrebbero esserne tutti dotati , non capisco xche sia una precauzione obbligatoria in auto e non in altri mezzi….forse la cintura avrebbe salvato delle vite!

Laura Pellerano
Laura Pellerano Non è l’età, mi preoccuperei più dei giovani io ho fatto un viaggio in pullman torino parigi di notte e l’autista guidava con il cell in mano messaggiava e si distraeva continuamente era francese ma non cambia nulla a Lione cambio di autista e stessa cosa ,anche al ritorno altro autista fino a Lione e stessa cosa volevo filmarlo ma a che pro ormai è uso comune

David Grimm
David Grimm Ma non diciamo stupidate, altro che mattatoio, la tangenziale di Torino è una strada ben fatta e con dei limiti proporzionati!

Angelo Mingione
Angelo Mingione In Italia vige il : “meglio curare che prevenire”.. è un paese all’incontrario!

Adriana Paradisi
Adriana Paradisi Verissimo, io spesso ho paura a percorrerla! 

Sabrina Bertaina
Sabrina Bertaina Confermo..in tangenziale corrono tutti come pazzi..e se rispetti i limiti ti sorpassano da destra

Laura Zumaglini
Laura Zumaglini Condivido pienamente!

Ragazza ferita in mezzo alle porte del tram

in BREVI DI CRONACA

TRAM GMADRELa giovane è stata trasportata in ambulanza al Maria Vittoria, dove le hanno riscontrato alcune ferite non gravi

Una ragazza di 29 anni è all’ ospedale per essere rimasta incastrata tra le porte di un tram in piazza XVIII Dicembre, vicino alla stazione ferroviaria di Porta Susa. Stava cercando di salire al volo sul mezzo della linea 13 che  stava ripartendo, così è restata in mezzo alle porte. Non è finita sulle rotaie grazie alle urla dei passeggeri che hanno avvertito il conducente. Il tram è stato fermato e la giovane è stata trasportata in ambulanza al Maria Vittoria, dove le hanno riscontrato alcune ferite non gravi.

 
(foto: il Torinese)

Da qui si Torna su