Category archive

BREVI DI CRONACA - page 468

Nove patteggiano e uno va a processo per le firme tarocche

in BREVI DI CRONACA

Gli imputati sono funzionari e attivisti Pd
 
 
chiampa manifesto

tribunale seraL’ 11 febbraio il Consiglio di Stato aveva rigettato i ricorsi della Lega Nord sull’irregolarità delle elezioni regionali, facendo proprie le tesi del Tar del Piemonte che, nel mese di luglio, aveva escluso il ritorno al voto. Ma la vicenda prosegue in ambito penale.In tutto sono nove i  patteggiamenti e un rinvio a giudizio nell’udienza preliminare al palagiustizia per le irregolarità commesse nella raccolta delle firme relative  alcune liste per la candidatura di Sergio Chiamparino alle elezioni regionali  2014. Il giudice per le udienze preliminari  Paola Boemio ha definito la falsità delle firme e la cancellazione dei relativi atti di autentica.Gli imputati sono funzionari e attivisti Pd. Hanno concordato pene  dai 5 mesi e 20 giorni all’anno di reclusione con i benefici della condizionale. Il politico più importante, il consigliere regionale Daniele Valle ha patteggiato una pena di 6 mesi.  Rocco Florio, presidente della V Circoscrizione verrà processato il 15 settembre.

(Foto: il Torinese)

108 anni, auguri nonno Lorenzo!

in BREVI DI CRONACA

anziani festaE’ il secondo piemontese più anziano, il primo è un nonnino del Cuneese
 

Erano 108 le candeline sulla torta. Il nonnino le ha spente durante la festa alla casa di riposo dove vive da tanti  anni. Lorenzo Berzero, è un vivacissimo vecchietto di Novara, originario del vercellese. In gioventù lavorò come conducente di cavalli. Taglio della torta e  brindisi con sindaco, amici e parenti. L’ultracentenario ha detto che il suo ricordo più bello risale a quando ha “preso moglie”. E’ il secondo piemontese più anziano, il primo è un nonnino del Cuneese che ha qualche mese in più.

(Foto: archivio)

Morire a 20 anni per un'escursione in montagna

in BREVI DI CRONACA

soccorsO SCI MONTAGNASecondo gli  accertamenti la causa della morte è stata una caduta

E’  morto Paolo Rindi, il ventenne di Varese che era scomparso il primo febbraio nel parco della Val Grande dove si era recato per sei giorni di escursionismo in solitaria. La notizia è del soccorso alpino, che  aveva ripreso le ricerche del ragazzo in provincia di Verbania. Il corpo di Paolo era in un torrente nel parco, nel territorio comunale di Cicogna. La morte è avvenuta circa un mese fa, quando si erano perse le tracce del ragazzo. Sul posto del ritrovamento è giunto il padre. Secondo gli  accertamenti la causa della morte è stata una caduta.

(Foto: archivio)

Allarme valanghe in montagna e nevicate anche in pianura nel Torinese

in BREVI DI CRONACA

Torna il pericolo valanghe  fino a grado 4 forte sui monti della provincia di Cuneo e sulle Alpi Lepontine e Penneve1montagnenine per gli accumuli di neve
 

E’ allerta gialla per neve sul Piemonte per una perturbazione di queste ore sulla nostra regione. Presenti masse d’aria di origine polare marittima, caratterizzate da intensi fluissi umidi. Si prevedono precipitazioni locali intense. La quota neve si registra tra i 400 e i 700 metri, ma  scende a 200-300 metri a sud del Po. Nevicate nella parte meridionale e sui rilievi di Alpi Pennine e Lepontine, informa Arpa Piemonte, fino a 50-70 centimetri  sulle zone montane meridionali  con accumuli tra i 10 e i 20 centimetri anche in pianura nel Cuneese. Spolverata di neve anche su Torino. Torna il pericolo valanghe  fino a grado 4 forte sui monti della provincia di Cuneo e sulle Alpi Lepontine e Pennine per gli accumuli di neve e le intense raffiche di vento. Queste, in montagna, si abbineranno alle precipitazioni. Nel pomeriggio di sabato un miglioramento, grazie  ai venti di foehn nelle valli alpine occidentali.

(foto: il Torinese)

Priorità ai disoccupati nella nomina degli scrutatori

in BREVI DI CRONACA

elezioni-comunali 2Serve una dichiarazione che attesti l’iscrizione all’Albo degli Scrutatori e al Centro per l’Impiego della Provincia di Torino

Priorità ai disoccupati nella nomina degli scrutatori per tutte le consultazioni elettorali e referendarie del 2016. Per richiedere di essere nominati scrutatori in occasione del Referendum abrogativo sulle “Trivellazioni marine” che si terrà domenica 17 aprile 2016 occorre presentare ENTRO L’11 MARZO una dichiarazione che attesti l’iscrizione all’Albo degli Scrutatori e al Centro per l’Impiego della Provincia di Torino. La dichiarazione può essere consegnata direttamente agli uffici del Servizio Elettorale, in corso Valdocco 20, oppure inviata via posta elettronica all’indirizzo albi.listeelettorali@comune.torino.it, allegando copia di un documento d’identità.

 
Per ulteriori informazioni consultare la pagina dedicata sul sito del Servizio Elettorale: http://goo.gl/X9mtIS
 

www.comune.torino.it

Storica udienza, i valdesi incontrano Francesco in Vaticano

in BREVI DI CRONACA

papa valdesepapa 333 E’ stato il moderatore della Tavola valdese, Eugenio Bernardini, a dare notizia dell’udienza

I valdesi ricambieranno “con grande gioia e spirito di fraternità” la visita che Papa Francesco ha fatto il 22 giugno 2015,  nel Tempio valdese di Torino, in corso Vittorio, simbolo storico dell’emancipazione dei valdesi dopo lo Statuto albertino del  1848. E’ stato il moderatore della Tavola valdese, Eugenio Bernardini, a dare notizia dell’udienza che sabato 5 marzo si terrà per la prima volta nella storia con una delegazione delle Chiese metodiste e valdesi che incontreranno il Papa nella Città del Vaticano. “Si tratterà di un’occasione per dare concretezza al dialogo ecumenico che, anche grazie a Papa Francesco, sta crescendo visibilmente” , ha commentato il moderatore.

 

(Foto: il Torinese)

Brucia tetto di un palazzo, sei famiglie evacuate

in BREVI DI CRONACA

incendio vigili 2Durante le operazioni di spegnimento i vigili del fuoco hanno salvato dalle fiamme un operaio, che è  rimasto leggermente intossicato

Un grande incendio è scoppiato sul tetto di un condominio a Venaria Reale. Nell’edificio erano in corso lavori di manutenzione. Durante le operazioni di spegnimento i vigili del fuoco hanno salvato dalle fiamme un operaio, che è  rimasto leggermente intossicato. I carabinieri – informa l’Ansa – sono riusciti  a salvare due gattini rimasti imprigionati in un appartamento. In tutto sei famiglie, residenti all’ultimo piano, sono state evacuate fino allo spegnimento dell’incendio, causato probabilmente  per motivi legati ai lavori in corso sul tetto.

 
(Foto: archivio)

Sgominata la banda violenta della Audi bianca

in BREVI DI CRONACA

carabinieri 332Recuperate 20 auto rubate

I carabinieri hanno catturato una banda di albanesi accusata di una venina di colpi. Tutti furti e rapine in abitazioni, avvenuti sul territorio piemontese. Quattro gli arrestati, i componenti del gruppo  che impiegavano un’Audi TT bianca. “Lavoravano”  con le vittime in casa, non disdegnando metodi violenti. La stessa operazione, iniziata sei mesi fa dai carabinieri di Torino, aveva consentito l’arresto di nove albanesi appartenenti ad altre tre bande specializzate rapine. Recuperate 20 auto rubate.

'Ndrangheta, nuovi arresti dopo "Big Bang"

in BREVI DI CRONACA

carabinieri blocco

 Per due persone l’accusa è di tentata estorsione in concorso, con l’aggravante del metodo mafioso, per le altre, invece, detenzione di stupefacenti per  spaccio

Massiccia operazione dei carabinieri contro la ‘ndrangheta nel Torinese e nell’Astigiano. Eseguiti 14 arresti su ordine di custodia cautelare da parte del gip di Torino. Per due persone l’accusa è di tentata estorsione in concorso, con l’aggravante del metodo mafioso, per le altre, invece, detenzione di stupefacenti per  spaccio. Gli arresti fanno seguito all’operazione ‘Big Bang’ che a gennaio aveva portato all’arresto di 22 persone, tra cui Adolfo e Cosimo Crea, ritenuti i capi del ‘Crimine’, ala dura dell’organizzazione mafiosa.

Vento oltre 100 km l'ora e il tempo peggiora nel fine settimana con neve sulle Alpi

in BREVI DI CRONACA

cielo nuvole tempopalatina cielo2Una rapida perturbazione è passata ed  è tornato il sereno in pianura, invece in montagna con il vento forte c’è stata anche qualche nevicata

Tutto il Piemonte e anche Torino sono stati spazzati ad un forte vento oltre i 100 km all’ora. Nelle zone di confine con la Valle d’Aosta le raffiche hanno toccato addirittura i 140 km orari. Una rapida perturbazione è passata ed  è tornato il sereno in pianura, invece in montagna con il vento forte c’è stata anche qualche nevicata, di alcuni centimetri sulle vette del Torinese. Il meteo prevede un nuovo cambiamento nel weekend: l’aria fredda invaderà la catena alpina portando nevicate anche a quote piuttosto basse, di 600-700 metri e solo a 300 nelle vallate  del Cuneese.

(Foto: il Torinese)

Da qui si Torna su