Monthly archive

Settembre 2017

Contestatori democratici isolate i violenti

in BREVI DI CRONACA
STORIE DI CITTA’  di Patrizio Tosetto
Eccoli, eccoli i violenti.  Sempre presenti nel seminare odio . Già detto,  ma vale la pena ripeterlo: chi va armato e si nasconde il volto non manifesta il dissenso ma delinque. Con loro inutile discutere. Anzi dannoso. Gli si dà una legittimità che non hanno. Sono appunto solo un problema di ordine pubblico. Ad altri mi rivolgo, a chi manifesta pacificamente, chi è contro ma non manifesta violentemente. Chi dissente stando all’ Interno delle regole democratiche… ma poi sfila con i violenti. Non dico di denunciarli come ha fatto il nostro eroe Guido Rossa, l’operaio comunista. Ma almeno isolarli. In che modo? Semplice, fare un’ altra strada con altre manifestazioni. E se non lo farete ne sarete i complici. Mi dispiace dirlo, ma è proprio così. Era ciò che ripeteva ai compagni di fabbrica Guido Rossa prima del processo e dopo il processo, quando fu testimone chiave per la condanna dei brigatisti. Li denunciò anche perché erano un danno alla nostra causa. Ho molti amici che sono critici e non accettano questo sistema. Io, cari amici, non vi chiedo né pretendo che cambiate idea. Ma vi avverto: questi violenti fanno un danno soprattutto alla vostra causa. Appunto, non ci sono ma o se. Isolarli è l’unica possibilità per darvi l’opportunità di dire ciò che pensate, che desiderate, che volete. Non parlatemi di violenza del sistema. Al “manifestante” che ha aggredito il poliziotto col bastone va la sola conseguenza della condanna e del carcere. Questo è anche il sistema democratico. Prima la condanna e poi le reclusione. C’ é già scappato il morto, in passato, ed io ho paura che si ripeterà.  Contestatori democratici isolate i violenti. Hanno ripetutamente superato il limite.

Di Maio: “I sindacati devono cambiare, o faremo noi la riforma quando saremo al governo”

in prima pagina

“O i sindacati si autoriformano o  quando saremo al governo faremo noi la riforma. Se il Paese vuole essere competitivo le organizzazioni sindacali devono cambiare radicalmente. Dobbiamo dare possibilità alle associazioni giovanili di contare nei tavoli contrattazione, serve più ricambio nelle organizzazioni sindacali. Un sindacalista che prende la pensione d’oro o finanziamenti da tutte le parti ha poca credibilità per rappresentare un giovane di trent’anni”. Parola di  Luigi Di Maio, il candidato premier del Movimento 5 Stelle, al Festival del Lavoro a Torino. Replica la segretaria Cgil Susanna Camusso: “Dice cose che non sa:  dimostra ignoranza e arroganza. Il suo è un linguaggio autoritario”

Mihajlovic: “Possibilità di rifarci e rimettere la classifica in linea con i nostri obiettivi”

in SPORT

L’Ansa riporta le parole di Sinisa Mihajlovic alla vigilia della sfida in casa con il Verona: “Sì, è dura tornare in campo dopo una sconfitta così pesante: ma abbiamo la possibilità di rifarci e rimettere la classifica in linea con i nostri obiettivi. E se dovessimo vincere andremmo a 14 punti in 7 partite, ad una media di 2 punti a gara,  quella che ci porta in Europa. Sulla carta siamo più forti, ma non mi fido: sarà una partita con difficoltà psicologiche e tecniche”.

Guerriglia urbana sotto la Reggia, fumogeni e fuochi d’artificio contro la polizia

in prima pagina

Il corteo era partito dal quartiere Vallette di Torino.  La polizia in tenuta antisommossa ha risposto al lancio di alcuni oggetti con una carica di alleggerimento

Il cordone delle forze dell’ordine  a protezione della Reggia di Venaria ha retto  e sono stati respinti i manifestanti dell’assemblea Reset G7 arrivati in piazza Vittorio Veneto. Il corteo era partito dal quartiere Vallette di Torino.  La polizia in tenuta antisommossa ha risposto al lancio di alcuni oggetti con una carica di alleggerimento per disperdere i contestatori. Dai manifestanti è partita una raffica di petardi, fumogeni e fuochi d’artificio, esplosi ad altezza d’uomo contro le forze dell’ordine che hanno risposto con alcuni lacrimogeni.

Arrivano i Cavalieri del cuore

in ECONOMIA E SOCIALE
Oltre 90 “Cavalieri del Cuore” sono stati nominati ieri sera al Museo del Risorgimento di Torino, nell’ambito della Giornata del Mondiale del Cuore 2017
Un riconoscimento assegnato da AICR Associazione Italiana Cuore e Rianimazione “Lorenzo Greco” Onlus, membro nazionale della World Heart Federation, in collaborazione con l’Associazione Piemonte Cuore Onlus, ad istituzioni, aziende, cittadini ed associazioni, attivi nella sensibilizzazione e nelle iniziative per l’aumento della sopravvivenza da arresto cardiaco.
Tra i Cavalieri del Cuore, la sindaca di Torino Chiara Appendino, l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta, l’assessore regionale allo Sport Giovanni Ferraris, e i nomi più significativi del territorio provenienti dal mondo dello sport, come Juventus FC, Ippodromo di Vinovo, Podistica Torino, PMS Basket, Federazione di Pallavolo, Union Volley di Pinerolo; dell’economia, come Banca Sella, Reale Mutua, Istituto Bancario San Paolo, associazioni dei commercianti di via; della medicina, come i cardiologi dell’Ordine Mauriziano, il Servizio prevenzione dell’ASL Torino;  della cultura, come la Nazionale Italiana Cantanti, la Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, oltre ai Comuni attivi nella cardioprotezione dei loro territori: Grugliasco, Pianezza, Rivoli, Pomaretto, Pragelato, Sestriere, Roure, Prali, Massello, Salza, Santhià, Brandizzo, Perrero, Giaveno, Moncucco, Prarostino, Collegno, Banchette, Fenestrelle. Sono Cavalieri del Cuore anche le forze dell’ordine con i Carabinieri del Nucleo Radiomobile e i Vigili del Fuoco di Torino, oltre all’Esercito con la Scuola d’Applicazione. Tante le aziende private che hanno aderito ai progetti come L’Oréal, CTA, Area 12,  Pattern.
La serata è stata anche l’occasione per un bilancio dell’attività di Piemonte Cuore Onlus, affiancata dall’Associazione Italiana Cuore e Rianimazione Onlus: in tre anni sono stati donati 400 defibrillatori, oltre a 5000 elettrocardiogrammi gratuiti nell’ultimo anno.

RIVALTA, IL GIARDINO DEL CASTELLO SARÀ INTITOLATO A UMBERTO ECO

in BREVI DI CRONACA

La scelta di intitolare il giardino basso del Castello a Eco non è casuale. Proprio le sale del Castello ospiteranno la nuova biblioteca, che presto aprirà i battenti al pubblico. Nei giorni dell’ultima Sagra del Tomino, poi, è stato inaugurato il nuovo accesso al parco, che tra pochi giorni porterà dunque il nome del saggista alessandrino, scomparso a Milano il 19 febbraio dell’anno scorso all’età di 80 anni. «Il Comune di Rivalta ha scelto di rendere omaggio a un grande scrittore italiano, un piemontese conosciuto e apprezzato in tutto il mondo per la sua prolifica attività di saggista» ha detto il sindaco di Rivalta Nicola de Ruggiero. «E lo ha fatto intitolandogli il parco sul quale si aprono le finestre della nuova biblioteca, luogo di elezione per chi, come Umberto Eco, ha fatto dei libri e della trasmissione della conoscenza una missione e una ragione di vita». La decisione della giunta di Rivalta arriva nei giorni in cui sui giornali rimbalza la notizia che ad Alessandria il liceo Saluzzo-Plana non porterà il nome dell’illustre concittadino, che in quelle aule studiò da ragazzo. L’idea del dirigente scolastico del liceo è stata bocciata dall’amministrazione alessandrina. Di tutt’altro avviso invece la giunta rivaltese: «è singolare che a Rivalta si scelga di ricordare Umberto Eco mentre la sua città, nonostante la richiesta di un preside, non sembra intenzionata a farlo -ha commentato ancora de Ruggiero- Noi siamo contenti della nostra decisione e speriamo che un capoluogo di provincia come Alessandria segua l’esempio di un comune di ventimila abitanti come il nostro, che ha a cuore l’omaggio e il ricordo dei personaggi che hanno segnato con il loro lavoro la storia della cultura italiana».

Non era un anziano ospite del cognato ma un ladro

in BREVI DI CRONACA

Un anziano distinto e gentile aveva appena salutato la vicina uscendo dalla casa del cognato di lei. In realtà si trattava di  un ladro, un italiano di 71 anni con precedenti contro il patrimonio. E’ stato arrestato dalla polizia, che lo ha sorpreso in via Sant’Ottavio con arnesi di scasso e un mazzo di chiavi. Una di queste, alterata, apriva la porta dell’appartamento da cui  aveva rubato il borsello del proprietario e la borsa della moglie di quest’ultimo .Il proprietario di casa ha dato l’allarme quando la cognata, incontrando vicino di casa, le ha chiesto chi era l’ospite che l’aveva salutata. A carico del ladro c’era anche un obbligo di presentazione alla Pg, ora si trova ora ai domiciliari.

Il vermouth torinese per brindare al panettone

in LYFESTYLE
Il 5 ottobre a Milano in corso  Garibaldi 42 si tiene l’opening del temporary store di #panettoneday2017.
I panettoni saranno 26 perche’ oltre a quelli dei 25 finalisti, a grande richiesta ci sarà anche il  Panettone di Giuseppe Zippo, vincitore di #panettoneday2016. Foto: Carlo Casella.
Saranno presenti i vincitori dell’edizione #panettoneday2017 e naturalmente il nostro presidente della giuria: il Maestro Iginio Massari.
Per l’occasione il bartender Andrea Paci presenterà un cockail creato appositamente per #panettoneday2017: ”L’ Aperitivo è Candito” a base di Storico Vermouth di Torino Cocchi.

Notte di scontri, due agenti feriti. I manifestanti: “Andiamo a protestare alla Reggia”

in prima pagina

Notte di tensione nel centro di  Torino tra le forze dell’ordine e i contestatori del G7. Petardi e bombe carta sono stati lanciati contro gli agenti, due di loro sono rimasti feriti. Il gruppo ResetG7 ha occupato Palazzo Nuovo come  base per le prossime iniziative di protesta. Cinque persone fermate, compresi tre giovani donne e un ragazzo giovanissimo.

La Polizia ha evitato il contatto con i manifestanti e l’uso di lacrimogeni. Il ResetG7, composto da precari, disoccupati, anarchici, centri sociali e No Tav, intende  raggiungere oggi la reggia di Venaria, dove è in corso il vertice internazionale  sul lavoro.

.

Ph: Antonello Preteroti Photography – Landscapes & Torino Events

 

10 anni di Infini*to

in vetrina10
Nel settembre del 2007 inaugurava, sulla collina di Pino Torinese, Infini*to il primo pionieristico Science Center italiano dedicato all’astronomia, dotato di uno dei planetari più avanzati al mondo. Nato dall’idea di dare visibilità e spazio alla ricerca scientifica torinese e piemontese, dopo 10 anni, Infini.to è riconosciuto come un importante centro di didattica e divulgazione scientifica inserito nel panorama internazionale dell’educazione non formale.A dieci anni dall’apertura, cogliamo l’occasione per riflettere sul percorso fatto fin qui e soprattutto sul futuro. Vogliamo condividere questa tappa importante insieme ai nuovi e vecchi amici, insieme ai sostenitori, al pubblico e tutti coloro che con Infini.to hanno condiviso un pezzo della sua storia. La storia di un progetto o meglio dell’idea che la scienza sia meravigliosamente bella, che la curiosità sia un aspetto culturale da promuovere e coltivare e che l’astronomia, con tutto il suo potenziale di fascinazione, meriti di essere raccontata proprio in quei luoghi e negli spazi in cui l’Universo si osserva e si studia.

Si ringraziano gli Enti e le Istituzioni che hanno sostenuto e collaborato con Infini.to fin dalla sua nascita. Innanzitutto i Soci territoriali – Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino e Comune di Pino Torinese – e quelli scientifici – Istituto Nazionale di Astrofisica e Università di Torino. Parallelamente le Fondazioni Bancarie – Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT. Il Ministero della Pubblica Istruzione e della Ricerca, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, le Agenzie Spaziali ASI e ESA, le aziende aerospaziali Thales Alenia Space e ALTEC, i partner del Sistema Scienza Piemonte e La Stampa. Non ultimi gli amici di Infini.to nel settore dell’ingegneria e dell’IT, Mager S.r.l. e Vastalla S.r.l.

Il programma dei festeggiamenti è ricco di appuntamenti e vede coinvolti personaggi di spicco nel campo dell’astronomia e dell’astrofisica come Michel Mayor, ospite d’onore dell’evento di apertura, previsto per il 28 settembre pomeriggio alla Cavallerizza Reale di Torino. Attualmente Professore presso il Dipartimento di Astronomia dell’Università di Ginevra, Mayor nel 1995 ha scoperto 51 Pegasi b, il primo pianeta extrasolare orbitante intorno ad una stella simile al Sole, e proprio nel 2007 ha fatto parte del team che ha scoperto Gliese 581 c, il primo pianeta extrasolare in una zona abitabile.

Le celebrazioni si sviluppano su due settimane di eventi distribuiti tra il Planetario, il Comune di Pino Torinese, la Città di Torino e le province della Regione Piemonte, queste ultime sede di conferenze e di attività per le scuole realizzate utilizzando un Planetario digitale itinerante di ultima generazione. Sono previste presso la sede del Museo giornate open per il pubblico con conferenze, spettacoli per Planetario, osservazione al telescopio. Sabato 30 settembre viene inaugurato lo spettacolo Phantom of the Universe: alla ricerca della Materia Oscura. La prima settimana di ottobre è dedicata al mondo della scuola con attività gratuite per gli istituti scolastici e la giornata Porte Aperte ai docenti. Sabato 7 ottobre è in programma, oltre a una manifestazione sul territorio del Comune di Pino Torinese, il Gran Varietà dell’Astronomia: un gruppo di spregiudicati astrofisici, astronomi, astrobiologi, cosmologi, artisti, si esibiscono nella suggestiva cornice del planetario in rocambolesche performance per raccontare la loro ricerca in modo divertente e creativo. Evento di chiusura domenica 8 ottobre presso Infini.to, ospite Fulvio Ricci, Università di Roma Sapienza – INFN Sezione di Roma, membro del direttorato LIGO-VIRGO.
 
INFORMAZIONI SUGLI EVENTI
www.planetarioditorino.it
info@planetarioditorino.it
facebook/planetarioditorino
1 2 3 44
Da qui si Torna su