Monthly archive

Febbraio 2016

Al Lingotto torna Expocasa, più nuovo che mai

in LYFESTYLE

EXPOCASA1Dal 27 febbraio al 6 marzo al Lingotto Fiere di Torino torna, completamente rinnovato, il Salone dedicato alle idee per abitare. Porte aperte sabato 27 febbraio con ingresso gratuito per il pubblico per festeggiare le grandi novità di questa edizione

 

Dal 27 febbraio al 6 marzo 2016 al Lingotto Fiere di Torino prende il via la 53^ edizione di Expocasa, il Salone di riferimento per il nord-ovest per tutto quanto riguarda l’arredamento e le idee per abitare, in cui i visitatori, grazie alla vasta offerta raccolta in un unico ampio spazio espositivo, possono trovare la soluzione più adatta al proprio stile abitativo.

Varcata la soglia del mezzo secolo, Expocasa è uno degli appuntamenti che ha accompagnato l’evoluzione dello stile e del modo di abitare, oggi sempre più flessibile e indirizzato verso spazi multifunzionali. Il salone raccoglie da sempre i migliori marchi di arredamento italiani che il grande pubblico può acquistare direttamente dal rivenditore presente in fiera.

Expocasa è organizzato da GL events Italia-Lingotto Fiere.

EXPOCASA È TOTALMENTE RINNOVATO. A partire dalla struttura, che quest’anno è il suggestivo Oval, un vero e proprio gioiello dell’architettura contemporanea: spazio tecnologico di grande impatto, ospita importanti eventi di prestigio nazionale e internazionale ed è indubbiamente l’ambiente ideale per un appuntamento come Expocasa, che racchiude la lunga tradizione di una fiera che nello medesimo tempo è costantemente proiettata verso il futuro.

Altre grande novità è il percorso espositivo, integralmente ripensato per offrire la massima fruibilità al pubblico e una vera e propria panoramica a 360° sul mondo dell’arredo. Sarà suddiviso per aree tematiche: a partire dal cuore della casa, la cucina, l’itinerario si snoderà nelle varie sezioni toccando il bagno e gli spazi per il benessere, la zona notte, gli spazi giorno per relax e condivisione con gli ospiti fino alla nuova area dedicata alle camerette. Non mancheranno spunti anche per coloro che sono alla ricerca di proposte su tessuti d’arredo ed elettrodomestici, oltre che materiali e servizi per la ristrutturazione raccolti nel settore Tecnicasa.

SABATO 27 FEBBRAIO INGRESSO GRATUITO. Come si fa con gli amici più cari, anche Expocasa vuole condividere con il pubblico la sua nuova casa, e per questo invita tutti a festeggiare offrendo l’accesso gratuito il primo giorno di manifestazione, sabato 27 febbraio. Per usufruire di questa opportunità è sufficiente registrarsi sul sito ed esibire l’invito all’ingresso dell’Oval.

 

COUPON SCONTO DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ. Nei giorni successivi, dal lunedì al venerdì, è possibile accedere utilizzando il coupon sconto scaricabile sempre sul sito expocasa.it, che permette l’ingresso a 5€ anziché 8: un’attenzione particolare per il pubblico che ritorna più volte nel corso dei 9 giorni di manifestazione per mettere a punto il proprio progetto.

OLTRE 400 ESPOSITORI. Il nuovo corso di Expocasa, ha ottenuto da subito il riscontro positivo delle aziende, tanto che sono state raggiunte oltre 400 adesioni, tra espositori e marchi rappresentati. Tra di loro sono presenti importanti riconferme e new entry italiane e internazionali, alcune delle quali parteciperanno alla manifestazione torinese per la prima volta. Un segnale importante degli operatori del settore, da sempre capaci di captare le tendenze più interessanti del mercato.

Moltissime le novità di quest’anno e ampia l’offerta dell’esposizione, spaziando dal mobile classico al prodotto di design, fino alle soluzioni per arredare gli spazi contemporanei, sempre più flessibili e utilizzati diversamente nelle varie ore della giornata.

Un’attenzione particolare viene posta anche nella cura dei dettagli e nell’ampia scelta di materiali e personalizzazioni, che rendono unico il proprio stile d’arredo.

Numerosi espositori, infine, offrono ai clienti un servizio “senza pensieri”: tutto il percorso di ristrutturazione o di arredamento viene seguito direttamente dal venditore, che garantisce i passaggi a partire dalla pratica comunale fino alla consegna finale dello spazio, modificato e arredato. Un servizio chiavi in mano che permette al cliente di interfacciarsi con un unico interlocutore e di ridurre al minimo problemi e perdite di tempo. Dal lato del fornitore si tratta di un servizio che valorizza la capacità di sapere lavorare in rete con altri professionisti e di adattarsi alle richieste del mercato in continua evoluzione.

EXPOCASA2

UN NUOVO VISUAL. Un rinnovamento profondo arriva anche nel nuovo “vestito” di Expocasa, ripensato dallo studio Undesign di Torino: un visual in bianco, rosso e nero, semplice e allo stesso tempo elegante, che esprime al meglio il profondo cambiamento di questa manifestazione, da sempre capace di soddisfare il pubblico più tradizionale e, nel contempo, attrarre nuovi visitatori alla ricerca delle proposte più innovative e all’avanguardia.

Il nuovo logotipo è realizzato da un carattere dall’aspetto geometrico e si ispira, reinterpretandoli in chiave contemporanea, agli alfabeti utilizzati dalle grandi avanguardie architettoniche del Novecento. Proprio alle grandi avanguardie, e in particolare al costruttivismo, è ispirata la comunicazione dell’edizione 2016 che riprende atmosfere e riferimenti tipici del manifesto da esposizione internazionale che si rifà al bel design dei maestri degli anni sessanta.

toBEeco. Nell’ambito di Expocasa si tiene anche la 7° edizione di toBEeco, vetrina del design ecosostenibile. La sezione speciale accoglie 35 creativi, designer e innovatori nazionali e internazionali – selezionati attraverso una chiamata pubblica – che ruoteranno durante le nove giornate del Salone. Tutti i partecipanti sono legati da un approccio sostenibile, a partire dalla fase progettuale fino al compimento: uno spazio per chi vuole sperimentare senza perdere di vista l’aspetto green. I prodotti esposti possono essere acquistati dai visitatori.

Come ogni anno è stato scelto un tema: per il 2016 è Con cura, cioè il saper fare amorevole umano che unisce in sé il designer, l’artigiano e il commerciante, che offrono un prodotto o un servizio frutto di una cura particolare verso la sostenibilità di progetto e processo. Un fil rouge trasversale che apre le porte a forme diverse di creatività.

Tra gli oggetti presentati in toBEeco 2016 dagli espositori internazionali – provenienti da America, Asia e Africa – troviamo, ad esempio, le scarpe artigianali dal design contemporaneo dell’argentina Tonocotè e le serigrafie con colori naturali su tessuti realizzate a mano dallo studio boliviano Mayaki design. Dal Myanmararrivano le laccature in oro e metalli preziosi degli artigiani birmani, per la prima volta a Torino grazie a uno scambio promosso dalla Camera di commercio e dal Comune di Torino, dal Sudafrica i vasi zoomorfi di Makhaya-Bushmen Ceramics, dalla Russia i gioielli contemporanei di Jenia Design.

La scena creativa italiana sarà rappresentata, tra gli altri, dalla milanese Terrarium, che realizza scenografie verdi in miniatura; da Bolzano arriva Embawo, che presenta le sue preziose borse di legno e pellame, che vestono persone e biciclette come quelle in carbonio prodotte da Leaos; dalla Toscana i produttori degli originalissimi occhiali e orologi in legno We Wood; Red, che firma le sedie regista più contemporanee e Kafè che realizza borse e accessori con materiali di recupero, prime tra tutte buste vuote del caffè. Dal Piemonte c’è Paolo Valenti, che declina la tecnica raku nell’illuminazione, Lorella Bai che con il vetro realizza monili dai molteplici giochi di luce; Ferraris Design con i complementi d’arredo.

E poi ancora i gioielli di filo creati all’uncinetto da Cinzia Mosso, quelli realizzati con il recupero di materiali diversi di Con.Lana, gli oggetti-collage di Matelier, icapi da pioggia creati da Arti.ficio, le ceramiche proposte da Roba che Skotta, i corpi illuminanti in metallo ricavati da oggetti industriali di Contatto Meccano, gliaccessori in legno di Naturas Wood Project, i complementi d’arredo a impatto zero di Elimond handmade, i monili in materiali naturali presentati da Sweet, le originalissime lampade creata da Balume, le sculture di pietra di Marcantonio Barello, i Tappeti volanti prodotti in juta e stoffe diverse, le sculture di Lele De Bonis, i medaglioni “copia” di quadri famosi in polymer clay di Natalia Pugliese, il macramè abbinato alle pietre dure di Francesco Volpi e infine i prodotti dell’azienda agricola Basso, anche loro realizzati con cura.

Oltre a questi si lavorerà ogni giorno con i laboratori organizzati da InGenio, contenitore delle associazioni di Torino, che coniuga artigianalità e sostenibilità sociale; nel programma ci si confronterà grazie agli incontri di Giardino forbito dedicati alle tematiche del verde e della sostenibilità.

INCONTRA L’ESPERTO. Nel panorama dell’edizione 2016 non mancherà il calendario di appuntamenti che d’abitudine anima il Salone con dimostrazioni, workshop, corsi.

Tra questi i più apprezzati sono i tavoli di Incontra l’esperto, a partire dagli appuntamenti con gli architetti, curati dal GAT, Giovani Architetti Torino. Con loro i visitatori hanno l’opportunità di conoscere la figura dell’architetto e i servizi che può offrire in tema di consulenza edilizio-progettuale, agevolazione fiscale, risparmio energetico, ristrutturazioni.

Discorso simile ma ambito di competenza diverso per i professionisti di CasaClima, gestito dai Consulenti dell’Agenzia per l’Energia Alto Adige, che  forniranno indicazioni sul tema del costruire sostenibile, con un occhio d’attenzione all’impatto ambientale, all’efficienza energetica e al comfort abitativo.

I suggerimenti che provengono da Incontra il paesaggista invece, saranno utili a tutti coloro che vogliono progettare aree esterne e curare il paesaggio che circonda l’abitazione con l’obiettivo di migliorare la fruibilità degli spazi e la qualità di vita generale. Gli incontri sono ospitati nell’area Giardino forbito a toBEeco, sulla terrazza dell’Oval.

Sempre focalizzato sul verde, ma più di piccole dimensioni, è l’obiettivo degli incontri con la Plant sitter: i consigli verteranno sia sui piccoli spazi verdi (interni, terrazzi o balconi) sia sulle fioriere che hanno bisogno di un restyling o di una vita ex novo.

Tutti gli appuntamenti di Incontra l’esperto si prenotano sul sito expocasa.it.

FORMAZIONE PER GLI ARCHITETTI. Anche quest’anno ritornano gli incontri formativi promossi in collaborazione con l’Ordine degli Architetti PPC di Torino. Ecco il calendario degli incontri: lunedì 29 febbraio si parlerà di Progettare l’abitare domestico: dalla spontaneità ai condizionamenti sociali; martedì 1 marzo il tema sarà Pomeriggio in verde; giovedì 3 marzo è in programma Di legno! Natura e artificio. Racconti materiali del saper fare artigiano e falso materico mentre Casa come contenitore di emozioni: l’abitazione come espressione del proprio carattere è l’argomento di venerdì 4 marzo. Si chiude sabato 5 con  Esporre. Dal racconto fisico al racconto virtuale: esposizioni in evoluzione

Tutti gli incontri danno il diritto al riconoscimento di 2 crediti formativi per architetti.

 

IL FASCINO DELLA BIRMANIA PROTAGONISTA A EXPOCASA. Nell’ambito della collaborazione con gli artigiani laccatori di Bagan, la cui arte antica risale all’XI secolo, Expocasa dal 27 febbraio al 2 marzo ospita la delegazione di giovani imprenditori, provenienti dalle storiche famiglie di laccatori birmani, in collaborazione con UNIDO, CCIAA, CNA, IED, Consolato Onorario del Myanmar a Torino e Camera di Commercio Italia-Myanmar.

Nella città di Bagan ha sede il Lacquerware Technology College, dove si diplomano i migliori laccatori locali, e nel dicembre 2015 in Myanmar, è stato firmato un accordo fra il Lacquerware Technology College e l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino.

La Città di Torino da molti anni ha relazioni di cooperazione con il Myanmar che, a seguito della Firma dell’Accordo con la Città di Yangon avvenuta a maggio 2015, si sono maggiormente rafforzate.

 

Expocasa 2016 sarà ancora di più “la casa per arredare la propria casa”.

 
INFORMAZIONI
Expocasa 2016 – Idee per abitare e rinnovare
53^ edizione
Da sabato 27 febbraio a domenica 6 marzo 2016
Lingotto Fiere – Oval
Via Mattè Trucco 70 – Torino
www.expocasa.it
info@expocasa.it
T 011 6644 111

CONFABITARE: UNA NUOVA ASSOCIAZIONE PER LA PROPRIETA’ IMMOBILARE

in TRIBUNA

casaLa sede di Confabitare Torino è sita in Corso Cairoli,12 ed è presente in provincia con la Delegazione di Settimo Torinese in Via Italia,27 con imminenti aperture di delegazioni in Torino, Beinasco, Chieri ed Ivrea
 

È nata a Bologna nel Novembre 2009 l’’associazione a tutela della proprietà immobiliare, che riunisce tutti coloro che vogliono che venga tutelato il diritto di proprietà   nella piena valorizzazione della funzione sociale che viene attribuita alla proprietà. L’’associazione è denominata CONFABITARE ed ha la sua sede nazionale in Bologna, Via Marconi, 6/2.

L’’associazione guidata da Alberto Zanni, con l’’incarico di Presidente Nazionale, vuole non solo offrire una serie di servizi   ai propri associati, legati alla gestione della proprietà immobiliare, garantendo un’’assistenza in materia legale, tecnica, tributaria, amministrativa, contrattuale, sindacale ed, in generale, in ogni ambito ove risulti coinvolto il diritto di proprietà immobiliare, ma vuole soprattutto essere il riferimento e l’’interlocutore principale nei confronti delle Autorità e delle Istituzioni, per discutere di tutte le problematiche legate al mondo della casa e dell’’abitare.

badanti 2Fra gli impegni più importanti c’’è quello di confrontarsi non solo a livello locale, su temi come il piano del traffico, l’’inquinamento, le barriere architettoniche, la pressione fiscale sugli immobili oltre ad affrontare il tema del degrado e dell’’immigrazione, fattori che comunque incidono pesantemente sia sul valore degli immobili che sulla loro qualità abitativa, per intervenire   anche mediante azioni mirate alla tutela del territorio e del contesto urbano. Per potere operare nel modo più ampio possibile CONFABITARE ha scelto anche la collaborazione e la sottoscrizione di protocolli di intesa con associazioni che hanno le stesse finalità, partecipando ad accordi che riguardano i temi connessi alla proprietà immobiliare, e a negoziazioni in cui sottoscrive intese utili a garantire e migliorare il diritto dei propri associati.

Presso tutte le sedi sono attive numerose consulenze che possono aiutare gli iscritti a risolvere tutte le problematiche legate all’’abitare, sia in casa che in condominio, fornendo informazioni e aggiornamenti riguardanti leggi, decreti e norme in materia di sicurezza, impiantistica, ascensori, contratti di manutenzione, affitti e canoni, gestione di colf e badanti, amministrazione condominiale, e consulenze immobiliari per compravendite e locazioni. E’ quindi un’’assistenza all’’associato a 360°, ed oltre a offrire sostegno in qualunque ambito a chi sia titolare di un diritto di proprietà su un bene immobile, l’’associazione ha fra i suoi numerosi scopi anche quello di   sostenere i proprietari nella loro veste di consumatori.

badanti 1Inoltre fra i compiti dell’’associazione c’’è anche quello di agire presso gli organi di governo, sia quelli nazionali che quelli locali, affinché siano promulgate norme e leggi   a tutela della proprietà, e di operare affinché l’opinione pubblica sia sensibilizzata sui temi connessi al diritto di proprietà immobiliare, anche mediante interventi mirati di informazione.

In tempi brevi l’’associazione si è estesa su tutto il territorio nazionale con le sue oltre 80 sedi e più di 40.000 iscritti e si è integrata in maniera sempre più stabile nelle diverse realtà territoriali, creando una rete di legami e collaborazioni con altre entità anche avvalendosi dell’appoggio, su cui può contare fin dalla sua nascita, di altre organizzazioni già capillarmente presenti sul territorio nazionale.

La sede di Confabitare Torino è sita in Corso Cairoli,12 ed è presente in provincia con la Delegazione di Settimo Torinese in Via Italia,27 con imminenti aperture di delegazioni in Torino, Beinasco, Chieri ed Ivrea.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.confabitare.it oppure scrivendo a torino@confabitare.it

Nel ringraziare la redazione de IL TORINESE abbiamo il piacere di annunciare che saremo periodicamente presenti con articoli relativi al panorama immobiliare ed abitativo con l’’auspicio di fornire un servizio di pubblica utilità al lettore, aggiornandolo costantemente circa le nostre iniziative.

Stefania Benni

Segretario Generale Nazionale

Palazzo Madama cambia orario nel fine settimana

in vetrina11

PALAZZO MADAMAcc madamaDopo il cambio del giorno di chiusura dal lunedì al martedì, per agevolare i visitatori che scelgono Torino per il weekend è un nuovo passo per rendere la struttura fruibile al meglio

Dal  5 marzo Palazzo Madama cambia orario nel weekend. Il museo sarà aperto al pubblico ogni sabato dalle 11.00 alle 19.00 anziché dalle 10.00 alle 18.00. Un cambiamento che permetterà  ai torinesi e ai  turisti di sfruttare pienamente il pomeriggio del sabato per ammirare le collezioni e le mostre, come già avviene di domenica, giorno in cui il museo chiude alle 19. Dopo il cambio del giorno di chiusura dal lunedì al martedì, per agevolare i visitatori che scelgono Torino per il weekend è un nuovo passo per rendere la struttura fruibile al meglio.

 
(Foto: il Torinese)

Ci sono altre persone coinvolte nella truffa dei 187 mila euro rubati alla povera Gloria?

in prima pagina

defilippi rosbochLa Stampa scrive che la professoressa si sarebbe confidata con un’amica, dicendole che con il giovane si trovava a proprio agio, che c’erano state lunghe chiacchierate, cene  e anche qualche bacio
 

I carabinieri hanno ascoltato in procura a Ivrea la  giovane fidanzata, 20 anni, marocchina, di Gabriele Defilippi. La ragazza, interrogata dal procuratore Giuseppe Ferrando,   era tornata in Marocco pochi giorni dopo l’omicidio di Gloria Rosboch.  Si è presentata spontaneamente dopo essere rientrata in Italia. Secondo quanto si apprende avrebbe negato di sapere qualsiasi cosa sul delitto. La giovane non è indagata ma è stata ascoltata in quanto persona informata sui fatti. Ci sono altre  persone coinvolte nella truffa da 187 mila euro rubati all’insegnante di Castellamonte? E’ ciò che gli investigatori cercano di scoprire.  Dell’ omicidio sono accusati Gabriele, il suo amante Roberto Obert e la mamma del ragazzo, Caterina Abbattista. Intanto emergono nuovi dettagli sul rapporto tra Gloria e Gabriele.rosboch La Stampa scrive che la professoressa si sarebbe confidata con un’amica, dicendole che con il giovane si trovava a proprio agio, che c’erano state lunghe chiacchierate, cene  e anche qualche bacio.  Gabriele, come è noto, aveva promesso alla povera donna una nuova vita in Costa Azzurra e un nuovo lavoro in una società finanziaria inesistente, per estorcerle il denaro. Quanto è accaduto in seguito è cronaca nera.

 
 

La città della Fiat e l'auto in condivisione, a grandi passi verso la smart mobility

in ECONOMIA E SOCIALE

I vantaggi di guidare una shared car sono indubbiamente considerevoli: riduzione dei costi fissi di manutenzione per coloro che utilizzano l’auto per spostamenti brevi, accesso alla ZTL e, dal lato della vivibilità urbana, minor numero di veicoli per servire un maggior numero di persone – in media, un’auto condivisa sostituisce quindici auto di proprietà – sebbene l’utilizzo dell’auto in condivisione sia conveniente solo al di sotto di un kilometraggio massimo (tra i 5000 e i 7000 km all’anno)

car sharing22

Torino, novembre 2002: ha inizio il progetto “IoGuido” per la mobilità sostenibile, il servizio di carsharing gestito da CarCityClub, società a capitale misto GTT, Leasys e AMC. L’obiettivo? Ridurre l’impatto e la congestione causata dall’alto numero di veicoli circolanti in città, fonte di considerevole abbassamento della qualità della vita e di elevati livelli di inquinamento.
Nella città che è stata il centro nevralgico della produzione automobilistica italiana, e che è al secondo posto in Italia per quanto riguarda il rapporto abitanti-autovetture – 850 auto ogni 100 abitanti, seconda solo a Roma -, si può parlare di rivoluzione copernicana nella percezione dell’auto, uno slittamento dall’accesso alla proprietà all’accesso alla soddisfazione del bisogno di trasporto.park car sharing

Certo, non è questo l’inizio della pratica del carsharing in sè e per sè, in quanto esso affonda le sue radici addirittura negli anni Cinquanta, a Zurigo, e per i primi, consistenti, prodromi della diffusione delle car-sharing organizations deve far riferimento alla Francia e all’Olanda degli anni Settanta e Ottanta.

Dal 2002 ad oggi, poi, sempre più forti si sono fatte le spinte economico-sociali promotrici dell’economia dell’accesso (in vece di quella della proprietà). La crisi del 2008, da una parte, e il sempre maggior desiderio di vivibilità all’interno del contesto cittadino, nonchè la dilagante e crescente sensibilità ambientale, dall’altra, hanno favorito lo sviluppo delle car-sharing organization, tanto che nell’aprile 2015, dopo Milano, Roma e Firenze, Torino ha aperto le porte a Enjoy e Car2Go, servizi di carsharing free-flow.

car sharing
Al contrario della flotta appartenente a IoGuido, infatti, le Fiat 500 e le SmartForTwo dei servizi in questione si possono posteggiare in qualsiasi parcheggio interno al perimetro dell’area urbana torinese, ivi compresi i parcheggi blu, di cui esse possono fruire gratuitamente, e il loro accesso è consentito tramite app per smartphone, senza la necessità di prenotazione (obbligatoria, invece, per le auto del CarCityClub).

I vantaggi di guidare una shared car sono indubbiamente considerevoli: riduzione dei costi fissi di manutenzione per coloro che utilizzano l’auto per spostamenti brevi, accesso alla ZTL e, dal lato della vivibilità urbana, minor numero di veicoli per servire un maggior numero di persone – in media, un’auto condivisa sostituisce quindici auto di proprietà – sebbene l’utilizzo dell’auto in condivisione sia conveniente solo al di sotto di un kilometraggio massimo (tra i 5000 e i 7000 km all’anno). Certo è, comunque, che in un contesto di crescente urbanizzazione ed inquinamento, il carsharing può risultare uno strumento efficace e di larga adesione per attutire tali problemi e ridurre l’incidenza dell’auto nel progressivo peggioramento della qualità della vita in aree urbane.car sharing33

Leader nell’adesione alla sharing mobility è, in Italia, la città di Milano, che costituisce l’80% del mercato delle car-sharing organizations, e per prima ha introdotto il sistema free-flow (dicembre 2013); inoltre, dal luglio 2015, i milanesi possono usufruire dell’implementazione di 150 scooter della flotta Enjoy, noleggiabili con gli stessi schemi delle auto. L’appetibilità del mercato milanese ha consentito la sua penetrazione da parte di nuove organizzazioni, quali Share’n Go (che utilizza veicoli elettrici) e Twist, e ha contestualmente permesso l’adozione di una flotta più consistente , sia per quanto concerne le 500 del gruppo ENI (944 veicoli contro i 400 di Torino), che per le Smart del gruppo Daimler-Benz (700 contro le 450 torinesi), ma il Turin Action Plan for Energy, stilato in previsione di una riduzione delle emissioni di CO2 di 1 360 941 tonnellate dal 20015 al 2020, presenta tra gli strumenti per la razionalizzazione del trasporto privato, anche l’incentivazione e l’estensione del servizio di car-sharing.

tabella car sharing

La città piemontese, inoltre, da marzo 2016 vedrà l’introduzione del car-sharing elettrico, gestito da BlueSolution del gruppo Bollorè, la cui prima BlueCar venne progettata al fianco di Pininfarina, e la cui costruzione è sita a Bairo, nel Canavese; l’obiettivo è arrivare, dalle 30 vetture iniziali e le 15 colonnine di ricarica, ad una flotta di 400 veicoli e 700 colonnine di ricarica aperte anche ai privati. Una Torino che si avvia a grandi passi ad essere sempre più smart.

Veronica Bosco

(foto: il Torinese)

Da piazza Rebaudengo a Borgo Po passando per il centro. Che bella Torino!

in LYFESTYLE

mole vittoriotosettoSTORIE DI CITTA’ / di Patrizio Tosetto

Eclettica questa città, miseria e nobiltà mischiate. Una lunga passeggiata per sentirmi appagato. Nonostante la pioggia, anzi forse grazie alla pioggia, ancora più bella

Oggi a Torino piove. Quando piove tutto si veste del grigio. La città diventa proprio un film in bianco e nero, di quelli vecchi che ti fanno star male, dove malinconia e nostalgia si mischiano. Memoria è sapere, memoria è ricordo. Sono partito a piedi da piazza Rebaudengo ben coperto e con l’ombrello, indeciso se camminare o prendere un mezzo pubblico.

cavallo bronzoHanno “vinto” i pensieri, ha vinto il ricordo di ciò che è stato letto o raccontato, ha vinto ciò che ho vissuto. Via Renato Martorelli, comandante partigiano a cui è intitolata la locale sezione dell ‘Anpi ( Associazione partigiani ) il cui presidente , è il mitico novantenne Palmiro Gonzato giovanissimo sappista veneto immigrato dopo la guerra. In barriera, dopo 70 anni è ancora vivo il ricordo, la voglia di ricordare.

Una volta il riscaldamento era a carbone. lo trasportavano in carretti che transitavano per questa via. ogni 50 metri una pjola. Molte volte il carrettiere s’addormentava, ed il cavallo si fermava dove il padrone era d’abitudine fermarsi. il pjolista non sentendo più il rumore degli zoccoli urlava: Cesareeee!!!! un bel bicchiere di rosso, preferibilmente dolcetto o barbera e poi via.

Ora si alternano bar a nuove drogherie e vinerie. Non si vende più vino sfuso, non si sente più il rumore degli zoccoli, non si sente il vociare dei giocatori di carte. tante diverse razze. Costeggio il muro e vedo strani personaggi. Chi utilizza la carrozzella come un carrello. Pulisce la pioggia e si arriva in Piazza Crispi. Qui nel 1853 fu istituito il dazio spostato nel 1913.. Fu la fortuna della Barriera dellìEMME. sviluppo artigianale, industriale ed edilizio. all’inizio di via Leini, il bordello di terza classe abolito nel 1959 con la legge Merlini.balon2

Nei piccoli portici di corso Giulio Cesare angolo corso Emilia gli immancabili senza tetto. Parlano tra loro in slavo.Sul ponte Mosca, nel ’17 i soldati contadini sparano sulla folla operaia che chiedeva più pane.E la Ciriè Lanzo, stazione dove i nazi-fascisti riempivano i treni di deportati. Qui per me un dolce ricordo. Di sabato si lavorava ancora. Quando andavamo in montagna, aspettavano mio padre che lavorava alla Grandi motori. Sempre mezz’ora prima sulle carrozze di legno. sempre con gli immancabili panini dietro. Gli correvo incontro ed il suo viso fresco con il giaccone che “profumava” di fuliggine.

Poi il “lungo viaggio” fino a Germangano, durato ben 40 minuti. poi il pullman per Viù. ricordi impagabili. La solita confusione di Porta Palazzo aumentata dalle auto in doppia e tripla fila. Rumori da una banda musicale mi attraggono verso il Municipio. Accidenti….dimenticavo… 10 anni dalle Olimpiadi invernali. Nonostante la pioggia, aria di festa, staffetta per tutta la città. Festa tutto il giorno! Un successo.

castello piazzaContinua a piovere ed i portici, un toccasana, dall’Armeria Reale fino a piazza Vittorio un insieme. Ci si attarda nel leggere i titoli dei libri sulle bancarelle. Turisti e torinesi che amabilmente passeggiano. Anche loro, come continuità con le periferie: i senza tetto, con qualche monetina vicino. Una via Po senza auto parcheggiate, preludio per il pomeriggio. Si apre la visuale su Piazza Vittorio, la più grande piazza d’Europa. Solo Palmiro Togliatti, subito dopo la guerra, ha avuto l’ardire e l’onore di riempirla per un suo comizio. Altri tempi. E poi Gran Madre, austera ed anche un po’ sinistra, uno dei punti esoterici di questa nostra città. e mi rendo conto d’essere passato all’inizio di Via Milano, nel piccolo slargo, ho percorso un lato del triangolo magico.

Ho conosciuto Giuditta Dembech nel 1980, giornalista dell’allora Stampa Sera, ad un dibattitomole cavallerizza organizzato dai giovani comunisti al Festival Nazionale dell’Unità. Perplesso sul risultato finale, piena di gente, che ci ha fatto conoscere una Torino non solo operaia.E poi questo oltre Po che assomiglia ad un paesone. Capannelli  di persone che amabilmente chiaccherano dando al tempo un’altra dimensione…

Eclettica questa città, miseria e nobiltà mischiate. Una lunga passeggiata per sentirmi appagato. Nonostante la pioggia, anzi forse grazie alla pioggia, ancora più bella. Da piazza Rebaudengo a Borgo Po passando per il centro. Dimenticavo, 10 anni fa ho percorso via Po a Piedi, un salotto pulitissimo, nessuna cartaccia. Oggi qualche sporcizia, ma questa nostra Torino è sempre bella.

(Foto: il Torinese)

La tutela dei consumatori in Europa

in ECONOMIA E SOCIALE

Consumatoriuno“Strumenti alternativi di risoluzione delle controversie transfrontaliere. Italia e Spagna a confronto”

Tutela del consumatore, codice del consumo e mercato europeo: sono questi i temi del corso di perfezionamento organizzato dallo Iuc (International university college of Turin), e dall’Ecu (European consumers union). A Palazzo Lascaris, si è tenuto il convegno che ha messo a confronto le esperienze tra l’Italia e la Spagna.L’evento, intitolato “Strumenti alternativi di risoluzione delle controversie transfrontaliere. Italia e Spagna a confronto”, ha previsto anche un’occasione di offerta formativa con accreditamento presso il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Torino.I lavori hanno evidenziato come il diritto dei consumatori abbia assunto negli ultimi anni una grande centralità nel panorama giuridico nazionale, rappresentando altresì un settore in cui l’armonizzazione comunitaria ha certamente prodotto un buon risultato. Si tratta di una disciplina articolata e complessa, dotata di numerose specificità, le quali richiedono un particolare approfondimento, anche rivolto alle più interessanti decisioni giurisprudenziali.Dopo i saluti  di Bartolomeo Grippo dell’Ordine degli avvocati di Torino, e di Abogado Marìa Jesùs Garcìa de Miguel, console onorario di Spagna a Torino,  le varie  relazioni – tra le quali anche quella del Comitato regionale per le Comunicazioni del Piemonte (Corecom) –  hanno cercato di capire e interpretare al meglio le normative vigenti, rapportandole con i principi generali del nostro ordinamento che certamente non possono essere sacrificati in nome della specializzazione professionale. Oltre ad affrontare i temi classici legati alla tutela dei consumatori è stata fatta una lettura critica dell’impianto normativo esistente, verificando anche quali siano oggi gli strumenti per contribuire all’affermazione di un consumo alternativo in forza del quale l’individuo cessa di agire come strumento di realizzazione del mercato – secondo l’interpretazione dominante in materia – per compiere scelte di consumo non mosse esclusivamente da ragioni economiche ma volte a valorizzare posizioni etiche o politiche. Manuel Feliu Rey e Migle Laukyte, entrambi dell’ Universidad Carlos III de Madrid, hanno spiegato come in Spagna il consumatore non sia inquadrato dal legislatore come soggetto fisico, ma come giuridico. Ciò comporta ad esempio il riconoscimento dell’imprenditore come consumatore, condizione condizione che ad esempio lo relazione in maniera differente con gli istituti bancari rispetto all’Italia.

Il convegno ha poi messo in evidenza come il proliferare di scelte di consumo collettivo (si pensi all’esperienza dei gruppi di acquisto solidale o collettivo), il rifiuto di acquistare merci realizzate da determinati produttori così come una maggiore sensibilità a rifiutare che alcuni beni siano oggetto di processi di commodificazione e rimessi alle logiche del mercato, rappresentino alcune delle tendenze che oggi devono interessare il diritto dei consumatori, ossia quello dell’individuo passivo da proteggere perchè sempre soggetto debole sul mercato.

 

www.cr.piemonte.it

Alle Molinette: "Costruiamo insieme una oncologia di qualità"

in Cosa succede in città

molinette2In occasione dell’evento sarà assegnato il 1° Premio di Ricerca Daniele Rosa

 

La Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta organizza lunedì 29 Febbraio, alle ore 14.00, al Centro Congressi “Molinette” dell’AOU Città della Salute e della Scienza di Torino,  il convegno “2016: Costruiamo insieme una oncologia di qualità per Piemonte e Valle d’Aosta”. In occasione del convegno, che sarà introdotto dal dottor Oscar Bertetto, Coordinatore della Rete Oncologia interregionale, verrà consegnato al vincitore il primo Premio di Ricerca “Daniele Rosa”, il Dott. Simone Ferrero, impegnato in attività di ricerca nell’area delle Neoplasie Linfocitarie. Infatti, l’associazione DaRosa (intitolata a un giovane professionista torinese scomparso nel 2014) si è fatta promotrice di un bando di concorso volto alla ricerca oncologica che premia il miglior ricercatore under40 del Piemonte e della Valle d’Aosta. L’assegnazione del Premio è prevista per le 15.30.

(Foto: il Torinese)

L’Albania salva le foreste: no al taglio di alberi per 10 anni

in vetrina1

albero primaveratiranese23Il ministro dell’Ambiente Lefter Koka ha sottolineato che la decisione presa è da considerare “indispensabile per fermare una catastrofe”

Il parlamento albanese ha approvato una proposta del governo che stabilisce una moratoria di dieci anni contro i tagli indiscriminati di alberi nelle foreste. Il ministro dell’Ambiente Lefter Koka ha sottolineato che la decisione presa è da considerare “indispensabile per fermare una catastrofe”. Dal 2002 al 2012 la superficie delle foreste albanesi si è infatti ridotta del 14 % a causa dello sfruttamento degli alberi e dei tagli illeciti: in particolare, nel periodo 2007-2013, sono oltre 216mila gli ettari di boschi distrutti. Il ministro ha ribadito che, a questi ritmi, molto presto l’Albania sarebbe stata spogliata delle aree verdi e ha posto l’accento sulle gravi conseguenze che questa situazione potrebbe avere sull’intero ecosistema del paese. “Le ripetute inondazioni in varie zone del paese sono dovute anche allo sfruttamento incontrollato delle foreste”, ha ribadito Koka. La moratoria prevede che gli unici tagli saranno quelli per garantire la legna per riscaldamento alle popolazioni nelle aree rurali. “Sarà un processo controllato dai Comuni, che provvederanno anche alla distribuzione, mentre gli incassi dalla vendita saranno reinvestiti per seminare nuovi alberi”, ha precisato il ministro.

Scontro fra auto: nonno in coma, i due nipotini all'ospedale

in BREVI DI CRONACA

pronto-soccorso- soccorsiLo scontro si è verificato per una mancata precedenza, tra una Giulietta e una Ford

Dopo lo scontro con un’auto, un’altra vettura  è piombata sul marciapiede ad un incrocio e ha investito un nonno con i due nipotini, mentre stava portando una bici a mano. L’incidente è avvenuto tra via  Ricasoli e via Fontanesi. Lo scontro si è verificato per una mancata precedenza, tra una Giulietta e una Ford B-max. L’anziano, di 76 anni è stato trasportato all’Ospedale San Giovanni Bosco, ed è in coma. Invece, i bimbi di 8 e 10 anni, (con codice giallo) sono stati portati al Regina Margherita e i conducenti delle due auto al Gradenigo.

1 2 3 30
Da qui si Torna su