Monthly archive

Dicembre 2014

Luci d’artista? Le ammiro dal bus

in LYFESTYLE

artista luci 2Una “gita” per le vie del centro a bordo del CitySightseeing

 

Il clima di Natale già si respira. E cosa c’è di meglio per calarsi nell’atmosfera – di una “gita” per le vie del centro a bordo del CitySightseeing, per ammirare le Luci d’Artista?. E’ possibile fare un tour delle installazioni luminose  ogni sabato  e domenica fino al 4 gennaio alle 17.30. Il percorso si chiama ‘Lights on the Bus!’ e viene proposto dalla Città a turisti e cittadini, Le opere saranno illustrate a bordo da una guida turistica.
   

 

(Foto: il Torinese)

Consigliere comunale suicida dopo il compleanno

in BREVI DI CRONACA

carabinieri auto

Si tratta di Nicola Fiorenza di 36 anni. Ricerche dei carabinieri e dei vigili del fuoco

 

E’ scomparso martedì sera Nicola Fiorenza, 36 anni, consigliere comunale di Maglione, comune del Torinese. Ha  festeggiato il compleanno e dopo non si sono più avute sue notizie. L’uomo non è più rientrato a casa, tanto è vero che la sua famiglia ha sporto denuncia ai carabinieri. Le ricerche dei carabinieri della Compagnia di Ivrea e dei vigili del fuoco nelle campagne della zona,  ricche di boscaglie e terreni agricoli al confine tra le province di Torino e Vercelli, hanno dato un drammatico esito. L’uomo è stato trovato impiccato a un albero. Si è suicidato e lascia moglie e due figli.

Terre del Chiusella: al via il lavoro di gruppo

in TRIBUNA

PARELLA

Alcune commissioni sono già al lavoro per cercare di ottenere la razionalizzazione di servizi e personale

 

La strada dell’integrazione all’interno delle Unioni dei comuni, a prescindere dalle dimensioni, non è mai un cammino facile. Così nelle Terre del Chiusella (Eporediese) composta da Parella (che è anche la sede legale), Colleretto Giacosa, Quagliuzzo e Strambinello, mentre da un lato si continua nella ricerca dei partner dopo che l’abboccamento con Pavone Canavese è andato definitivamente a farsi benedire, si è imboccata la strada del lavoro di gruppo coinvolgendo anche consiglieri comunali dei comuni, ex consiglieri dell’Unione, l’espressione delle minoranze dei quattro aderenti. Anzi è stato proprio il gruppo consiliare Pedanea (capogruppo Ernesto Barlese, Piermassimo Guarnero) a richiedere, e ottenere, dal presidente Roberto Comitini l’istituzione di alcune commissioni che sono già al lavoro per cercare di ottenere la razionalizzazione di servizi e personale. Finora ne sono state istituite tre: quella per l’informatizzazione, coordinata dal sindaco di Strambinello Marco Corzetto, quella per il personale guidata dal primo cittadino di Colleretto Giacosa Paola Gamba e, infine, quella per la cultura e le manifestazioni guidata da Ernesto Barlese.

 

Massimo Iaretti

I Granata cercano rinforzi sul mercato

in SPORT

VENTURA

toro bandieraLa squadra non è  ancora riuscita a convincere appieno nè i tifosi nè lo stesso Ventura che si aspetta degli sforzi da parte della società per mettergli a disposizione una rosa più competitiva sia in campionato che in Europa

 

Il Toro cerca urgentemente rinforzi sul mercato in vista della ripresa del campionato. La squadra infatti fino ad adesso non è riuscita a convincere appieno nè i tifosi nè lo stesso Ventura che si aspetta degli sforzi da parte della società per mettergli a disposizione una rosa più competitiva sia in campionato che in Europa dove i granata sono attesi dall’Atlethic Bilbao. I reparti da mettere a posto sono principalmente il centrocampo e l’attacco. 

 

Probabili partenze: 

 

Ruben Perez: è stato definitivamente bocciato da Ventura, tanto che nell’ultima partita vinta contro il Genoa lo spagnolo è stato costretto a guardare i compagni dalla tribuna, è probabile un suo ritorno all’Elche;

 

Nocerino: nonostante le grandi speranze riposte su di lui a inizio stagione ha largamente deluso le aspettative di tutti anche a causa di una forma fisica mai realmente accettabile. Un vero peccato anche perchè per la sua grinta e il suo carisma sarebbe stato un giocatore in grado di incarnare perfettamente lo spirito granata. Per lui le possibili destinazioni sono il Parma o il Bologna;

 

Sanchez Mino: l’argentino è senza dubbio il giocatore con più fantasia e tecnica di tutta la rosa, ma fino ad ora non si è ancora integrato nel calcio italiano. Per lui si pensa ad un prestito per far sì che riesca a sbloccarsi psicologicamente, ma se qualcuno pagasse la cifra pagata in estate da Cairo (3 milioni) per aggiudicarselo si potrebbe pensare anche a una cessione a titolo definitivo;

 

Barreto: da due anni ormai si aspetta un segnale dal brasiliano o quantomento qualcosa che faccia capire il motivo per cui si trova ancora in squadra. Anche i più ottimisti ormai hanno perso le speranze su di lui e lo stesso hanno fatto le altre squadre. Infatti il Toro vorrebbe cederlo, ma mancano gli acquirenti. Non è del tutto da escludere a questo punto una sua permanenza vista anche la mano tesa da Ventura alla ripresa degli allenamenti. Il tecnico genovese l’ha infatti fatto tornare in gruppo dopo tante settimane in cui il brasiliano era finito fuori rosa.

 

Larrondo: stesso discorso fatto per Barreto, ma per lui è arrivato un sondaggio da parte del Bari.

 

Quagliarella: potrebbe rientrare nella trattativa per Ilicic;

 

Obiettivi:

 

Ilicic: il fantasista sloveno della Fiorentina è il profilo giusto per dare imprevedibilità e qualità all’attacco granata. Il suo sarebbe un arrivo non gradito, di più. I Viola hanno chiesto in cambio uno tra Sanchez Mino e Quagliarella e il Toro ci starebbe pensando;

 

Kurtic: stessa nazionalità e stessa squadra di Ilicic, ma la situazione è diversa. Il cartellino è di proprietà del Sassuolo che lo ha ceduto in prestito ai Viola dopo che il Toro non l’aveva riscattato. I granata stanno ora trattando con la squadra emiliana per il ritorno del centrocampista che darebbe il giusto fosforo al centrocampo di Ventura;

 

Lucas Romero: talentuoso classe ’94 del Velez, si tratta di un centrocampista duttile in grado di interpretare tutti i ruoli difensivi e offensivi del centrocampo. In patria è paragonato a Mascherano, non un giocatore qualsiasi. Per tesserarlo il club di Cairo dovrebbe liberare un posto da extracomunitario;

 

Denis: il bomber dell’Atalanta quest’anno ha segnato poco e l’arrivo di Pinilla alla corte di Colantuono potrebbe fare si che “El Tanque” decida di cambiare maglia. Il Toro monitora la situazione.

 

Filippo Burdese

Chiamparino: “il 2015 e il 2016 saranno gli anni più duri per il Piemonte”

in LYFESTYLE

Ha strizzato anche l’occhio alla minoranza quando ha dichiarato di “registrare il positivo atteggiamento dei consiglieri, compreso quello delle opposizioni, Forza Italia guidata da Gilberto Pichetto ed il Movimento 5 Stelle, che si è rivelato interlocutore non soltanto capace di protestare”

 

chiampa gofalone“Per la Regione Piemonte il 2015 ed il 2016 saranno gli anni più difficili. Quello che viene sarà molto complicato: bisognerà rimettere la macchina regionale in condizione di procedere sulle sue ruote. Così come l’abbiamo presa in mano, e come è ancora in larga parte, l’ente Regione non è in grado di creare crescita e coesione sociale”. Parola di governatore. Così Sergio Chiamparino alla sua prima conferenza stampa di fine anno, dialogando con i giornalisti. Il presidente della Regione parla di ulteriori tagli alle spese:

 

“Nella migliore delle ipotesi la Regione dovrà tagliare nel 2015 un terzo della spesa non vincolata, quindi circa 150 milioni. Bisogna fare uno sforzo, rivedere radicalmente, in alcuni casi, la logica della politica di spesa. Per questo l’8 gennaio è convocata una riunione di Giunta per impostare gli obiettivi politici. Quello che ci aspetta – ha spiegato – non sono solo tagli e riorganizzazione. Bisogna anche cambiare verso alle politiche: la sfida a cui siamo chiamati è saper creare quel giusto mix tra continuità e competitività tra istituzioni basato sulla qualità e il cofinanziamento dei progetti. Occorre quindi rifare leggi regionali per ridefinire criteri e parametri di spesa”.  Ha strizzato anche l’occhio alla minoranza quando ha dichiarato di “registrare il positivo atteggiamento dei consiglieri, compreso quello delle opposizioni, Forza Italia guidata da Gilberto Pichetto ed il Movimento 5 Stelle, che si è rivelato interlocutore non soltanto capace di protestare”.chiampa manifesto

 

 Chiamparino ha rivendicato tra i suoi provvedimenti di governo il piano di riqualificazione strutturale della spesa, il riordino della rete ospedaliera, i disegni di legge sulla semplificazione e sulle funzioni di Province e Città metropolitana, ed ha garantito che gli aumenti della tassazione chiesti alla parte di piemontesi con un reddito superiore ai 28.000 euro annui “sono il primo e ultimo sforzo, necessario per fronteggiare in parte il disavanzo della Regione. Per quanto mi riguarda non si intende andare oltre, e lo dico senza se e senza ma”.

 

Sulle proteste in atto in alcuni territori sulla nuova rete ospedaliera, il presidente è stato netto: “c’è spazio per aggiustamenti, da effettuare a parità di risorse, tempi e qualità del servizio. Ma una pubblica amministrazione in lite non fa accordi: chi vorrà ricorrere al Tar è legittimato a farlo, ma poi bisognerà aspettare di vedere cosa dicono i giudici. C’è un rapporto inversamente proporzionale tra le probabilità di aggiustamento e la modalità dei ricorsi. Noi siamo abituati a ragionare con le amministrazioni locali dal punto di vista politico. Altrimenti a la guerre comme a la guerre”.

 

giunta regionale chiampaIl governatore non poteva non parlare anche dei costi della politica ed è intervenuto sulla riduzione delle indennità dei consiglieri regionali (“Il Consiglio è sovrano e vorrei evitare gesti che suonino come prevaricatori o provocatori. In primavera dovremo discutere importanti leggi finanziarie, e credo che in quel contesto si debba trovare il modo di ridurrle)” e si è augurato che “nel 2015 il rapporto con il Governo sia improntato a un forte spirito di riforma dell’istituto della Regione. Dovrebbe essere approvata la riforma del Senato, che vedrà la seconda Camera imperniata sul ruolo delle autonomie locali. Se si perde l’occasione per un forte check-up delle Regioni, non solo delle loro dimensioni, rischiamo di vedere passare un tram che poi non ci sarà più”.

 

Non è mancata la risposta al sito del Governo soldipubblici.gov.it, che ha messo il Piemonte al primo posto tra le Regioni sulla spesa per le consulenze: “E’ un sito importantissimo, fondamentale per la trasparenza sulle spese, ma è indispensabile omogeneizzare i criteri attraverso i quali le Regioni catalogano le spese, altrimenti si rischia di avere confronti non pertinenti. Sulle consulenze non siamo affatto i più spendaccioni, ed in ogni caso si tratta di spese abbondantemente indietro nel tempo”.

 

Fassino: “Nel 2015 la raccolta dopo la semina”. E si avvia la linea 2 del metrò

in prima pagina

fassino2

Il sindaco: “sappiamo coniugare la quotidianità con il futuro”

 

Meno pessimista del suo collega governatore, Sergio Chiamparino, che ha parlato del 2015 e 2016 come degli anni più difficili, il sindaco Piero Fassino, nella conferenza stampa di fine anno ha affemato: “Il 2014 è stato l’anno della semina, il 2015 sarà quello della raccolta. Sarà l’anno dei cantieri e dei grandi eventi. E Torino confermerà il suo dinamismo facendo allo stesso tempo fronte a tutte le emergenze di tipo sociale”.  In primavera, ha aggiunto il primo cittadino,  sarà presentato il terzo Piano Strategico della Città, “a dimostrazione che sappiamo coniugare la quotidianità con i progetti per il futuro”. La città dovrà dimostrarsi all’altezza del ruolo di capitale europea dello sport e di sede dell’Ostensione della Sindone, occasione quest’ultima per la visita di Papa Francesco.

 

E, a proposito di futuro,  su proposta degli assessori Claudio Lubatti e Stefano Lo Russo, la Giunta municipale ha approvato il riesame e la nuova pianificazione dello studio di fattibilità della linea 2 della metropolitana. La nuova linea attraverserà la città da Nord a Sud, consentendo  l’interscambio con il passante alle stazioni Rebaudengo e Zappata. Inoltre, raccorderà i flussi di traffico della statale 11 con il nodo di scalo Vanchiglia, incrocerà la linea 1 della metro e raggiungerà a Sud corso Marche. “Tutto ciò, con il funzionamento integrato a regime del passante ferroviario- spiegano a Palazzo Civico – faciliterà l’utilizzo del sistema di trasporto pubblico e incrementerà l’accessibilità urbana in particolare intorno alle stazioni”.

 

Senza nascondere che la realizzazione della linea 2 è un elemento imprescindibile per la trasformazione urbanistica, ed è  quindi “indispensabile che il progetto viaggi di pari passo con la verifica delle possibili fonti di finanziamento e dei tempi di avvio e ultimazione dei lavori”.  La metropolitana diventa treno: il nuovo scenario dovuto alla situazione economica complessiva di oggi  prevede la trasformazione del tratto di linea 2 previsto tra lo scalo Vanchiglia e la stazione ferroviaria Rebaudengo in un ramo di ferrovia che, dice il comunicato del Comune “sfruttando il trincerone tra via Sempione e via Gottardo e prevedendo l’utilizzo di convogli adatti a viaggiare nel Passante Ferroviario, consentirebbe di collegare l’area nord della città con le stazioni di Porta Susa e Porta Nuova e con Dora e Zappata quando saranno ultimate. Questa soluzione, che consentirebbe un ripensamento sull’avvio dell’intervento, prevederebbe in ogni caso la copertura del tratto Vanchiglia-Rebaudengo con la realizzazione in superficie del parco lineare come previsto nel disegno della variante 200”.

 

Questo può essere considerato il primo lotto della linea 2 e l’attivazione di questa tratta, a fronte di un investimento iniziale più sostenibile anche per un intervento pubblico, incentiverebbe i primi investimenti privati destinati all’attuazione delle trasformazioni previste nella variante.  Il secondo lotto della Linea 2, intesa come linea di metropolitana, dovrebbe essere realizzato tra lo scalo in prossimità del cimitero Parco e la stazione Zappata, con l’obiettivo di collegare la zona sud con le linee del Servizio Ferroviario Metropolitano.

Ok, il pesce è giusto: col manuale occhio al cenone

in prima pagina

Sul sito www.izsto.it dell’ Istituto Zooprofilattico di Torino la guida “Ok il pesce è giusto” per insegnare al consumatore a riconoscere le specie ittiche spesso oggetto di frode

 

cibo pesceTempo di cene e di cenoni e i piatti a base di pesce hanno spesso il posto d’ onore. Ma siamo sicuri di mettere in tavola ciò che paghiamo? L’Istituto Zooprofilattico di Torino, diretto da Maria Caramelli, corre in aiuto dei consumatori con il manuale “Ok! Il pesce è giusto”, per insegnare a riconoscere le specie ittiche spesso oggetto di frode.

 

Da un’indagine Eurobarometer gli Italiani risultano essere, in Europa, quelli che temono di più la frode alimentare: il dossier “Italia a tavola”, redatto ogni anno da Legambiente, afferma che, attraverso una media di  500 mila controlli, vengono sequestrate, ogni anno, migliaia di tonnellate di prodotti alimentari non in regola: nel 2012 sono state 28 mila per un valore economico di oltre mezzo miliardo di euro.

 

Numerosi sono gli illeciti nel settore ittico,  il 72% dei quali connessi all’etichettatura e alla tracciabilità. Accanto ai molti commercianti onesti vi sono i “furbi” che, non rispettando le norme sull’ etichettatura, spacciano un prodotto “allevato” per “pescato”,  una palamita per tonno, un filetto di brosme per il più pregiato filetto di merluzzo e così via. Il manuale, redatto dagli esperti dei laboratori di Genetica e di Istopatologia dell’Istituto, illustra, con testi e fotografie, come riconoscere, all’acquisto, alcuni fra  i pesci più commercializzati e più frequentemente oggetto di frode per sostituzione con specie di minor valore economico.

 

“Il consumatore informato può fare molto per difendersi da alcuni tipi di frodi commerciali – dice Maria Caramelli – sapere quali sono le caratteristiche peculiari da individuare per riconoscere una specie ittica prelibata rispetto ad una molto simile, ma di minor pregio, è indispensabile per un acquisto consapevole”.

 

No ai botti per tutelare i pets

in CULTURA E SPETTACOLI

berky23

spookyLo prevede il regolamento per la tutela degli animali e quello di polizia urbana

 

Il Sindaco Piero Fassino ha detto NO ai botti di Capodanno per la tutela sia degli animali d’affezione come cani e gatti che per la salvaguardia delle specie selvatiche e degli uccelli. Con una nota speciale , lo sottolinea anche la Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente , di cui l’On.  Michela Vittoria Brambilla e’ presidente : ” Vietato a Torino l’uso di fuochi d’artificio e petardi per festeggiare il Capodanno: lo prevede il regolamento per la tutela degli animali e quello di polizia urbana. “Il nostro regolamento sulla tutela degli animali su questo tema è all’avanguardia – commenta l’assessore Enzo Lavolta con delega all’Ambiente -. Mi sento di fare appello alla responsabilità di tutti perché ci sia il rispetto della norma”. I vigili ricorda che la sanzione prevista per chi non rispetta il divieto va da 50 a 500 euro.” Dunque pene salatissime per chi sarà sorpreso ad esplodere botti per strada e dai balconi delle abitazioni.  Affidandoci oltre che alla legge, anche al buon senso di tutti i cittadini, auguriamo un buon 2015 da condividere con l’amore ,l’affetto e la simpatia come solo un quattro zampe può donare.

 

(Foto: il Torinese)

CV 

Il treno degli sciatori dalla Liguria al Piemonte

in Cosa succede in città

treni porta nuova

L’iniziativa fa parte del progetto “Torino-Cuneo-Ventimiglia-Nizza Je t’aime”

 

Due treni speciali collegheranno nei weekend, a partire dal 17 gennaio e fino all’8 marzo, le località liguri di Arma di Taggia e Ventimiglia con la stazione sciistica di Limone Piemonte. L’iniziativa fa parte del progetto “Torino-Cuneo-Ventimiglia-Nizza Je t’aime”, una proposta dell’Assessorato ai Trasporti della Regione Piemonte per rilanciare la linea. Sonmo previsti, per chi usa il treno, sconti speciali sullo skipass e pacchetti agevolati per soggiornare negli alberghi convenzionati.

 

(Foto: il Torinese)

Homo Ambiens: come ridurre i rifiuti e risparmiare energia

in ECONOMIA E SOCIALE

ecologia

Tutti gli enti pubblici interessati che ne faranno richiesta riceveranno un kit gratuito comprensivo di video, depliant, poster, eco-decalogo, bandi verdi

 

Prende il via la campagna di sensibilizzazione Homo Ambiens, presentata da Regione Piemonte e Arpa, con l’obiettivo di incentivare negli enti pubblici un corretto comportamento nella gestione dei beni e dei servizi nei luoghi di lavoro in modo da evitare sprechi di risorse ambientali ed economiche. Al centro la riduzione dei rifiuti e la dematerializzazione, la mobilità sostenibile, il risparmio energetico, gli appalti verdi e la mensa sostenibile. Tutti gli enti pubblici interessati che ne faranno richiesta, riceveranno un kit gratuito comprensivo di video, depliant, poster, eco-decalogo, bandi verdi. Tutto il materiale potrà essere usato per due settimane e poi raccolto e consegnato ad un altro ente che a sua volta lo riutilizzerà. La campagna sarà inizialmente proposta agli enti pubblici che partecipano al progetto Emas Bormida e al Contratto di Fiume Bormida. Il Progetto Emas Bormida, finanziato da Regione Piemonte e Ministero dell’Ambiente, è finalizzato al miglioramento della situazione ambientale della Valle Bormida.

 

Info: www.arpa.piemonte.it/news/parte-la-campagna-di-sensibilizzazione-homo-ambiens

1 2 3 27
Da qui si Torna su